Nostro Figlio
FocusJunior.it > News > Libri > 12 libri IMPERDIBILI da leggere prima dei 18 anni

12 libri IMPERDIBILI da leggere prima dei 18 anni

Stampa
12 libri IMPERDIBILI da leggere prima dei 18 anni
Shutterstock

Libri classici senza tempo che tutti i ragazzi dovrebbero leggere prima della maggior età. Approfittiamo dell'estate per recuperarli!

Leggere il libro giusto all'età giusta può permetterci di assaporare appieno tutto il significato di un'opera e farlo nostro per sempre. E quale occasione migliore delle vacanze estive per dedicarsi a storie appassionanti e, perché no, formative? Ecco allora che Focus Junior vi consiglia i migliori libri da leggere per ogni fascia d'età, dagli 8 ai 18 anni, perché la lettura apre la mente e ci rende liberi! 

I migliori libri da leggere prima dei 18 anni

  • Le avventura di Cipollino, Gianni Rodari (entro gli 8 anni)
    In un mondo di ortaggi animati il giovane Cipollino parte da casa per cercare l’avventura ma anche la giustizia e, attraverso mille peripezie ed incontri curiosi (sor Zucchina, mastro Uvetta, le Contesse del Ciliegio, il cavalier Pomodoro), ci insegna a rispettare la diversità e il valore dell’altro.
    Da leggere perché: per “imparare a riconoscere i bricconi” e le ingiustizie anche se sono travestiti da verdure.
  • ll giornalino di Gian Burrasca, Vamba (entro 8 anni)
    Il resoconto, scritto e illustrato personalmente, delle avventure del capostipite di tutti i bambini terribili. Giannino Stoppani è perennemente in punizione ma riesce comunque a combinarne di tutti i colori sempre spiegando che è la sorte ad accanirsi contro un povero ragazzo.
    Da leggere perché: durante le vacanze in esilio in campagna dalla zia riesce a trasformare in bestie feroci gli animali della fattoria e a far morire di spavento la povera donna con una pianta che cresce a vista d’occhio.
  • Cion Cion Blu, Pinin Carpi (entro i 9 anni)
    Il nostro eroe è contadino cinese che veste solo di blu e arancione, vive tra i campi di arance e ha un gatto tutto blu e un cane tutto arancione oltre a un pesciolino, che si chiama Bluino. 
Cion Cion Blu parla da pari a pari con il giovane imperatore della Cina e con la sua semplicità capisce tutto d’amore, di briganti, di streghe e di fate.
    Da leggere perché: per divertirsi con fantastiche avventure dove l’onestà e la modestia sconfiggono il più baffuto dei banditi.
  • Le vacanze del piccolo Nicolas, René Goscinny e Jean-Jacques Sempé (entro i 9 anni)
    Con totale disincanto il piccolo parigino racconta le sue vacanze al mare che cominciano con il papà che decide dove andare ma poi in realtà si va dove vuole la mamma. Peccato che piova sempre e i bambini rinchiusi in albergo sono un po’ insofferenti…
    Da leggere perché: “Dall’albergo Beau-Rivage, se vi mettete in piedi sull’orlo della vasca e state attenti a non scivolare, riuscirete a vedere il mare”.
  • Emil, Astrid Lindgren (entro i 10 anni)
    È talmente monello Emil che gli abitanti del paese dove vive, in Svezia, fanno una colletta per mandarlo in America. Monello e con una grandissima fantasia nell’inventarsi le trovate più ardite che però vanno quasi sempre a finire bene perché Emil ha un grande cuore, vuole bene alla sua mamma, al garzone Alfred e a tutti gli animali della fattoria.
    Da leggere perché: l’autrice di Pippi Calzelunghe anche con Emil fa ridere a crepapelle ma ricordandoci che dietro ogni “bricconeria” perché sia davvero divertente ci deve essere sentimento.
  • Il mago di Oz, Frank Baum (entro gli 11 anni)
    Tutti conosciamo Dorothy che, dal Kansas, approda in un regno incantato a causa di un tornado e parte in cerca del famoso mago di Oz per farsi aiutare a tornare a casa. Ma sono indimenticabili anche i compagni di viaggio che si uniscono all’avventura di Dorothy per trovare qualcosa che in realtà non sanno di avere già (il leone Codardo cerca il coraggio, lo Spaventapasseri il cervello e l’Omino di latta il cuore).
    Da leggere perché: per capire che è più bello affrontare mille peripezie con gli amici piuttosto che raggiungere semplicemente la meta.
  • Vacanze all’isola Dei Gabbiani, Astrid Lindgren (entro 10 anni)
    Una famiglia eccentrica e senza mamma (papà svampito con quattro figli da 19 a 7 anni), si trasferisce per un mese di vacanza su una meravigliosa isola di fronte a Stoccolma dove la natura regna sovrana.
    Da leggere perché: La mitica autrice di Pippi Calzelunghe vedeva già lontano in grande anticipo sui tempi e la bella Karin che vorrebbe silenziare un corteggiatore invadente per ascoltare in pace il rumore del mare è un personaggio meraviglioso.
  • Kim, Rudyard Kipling (entro gli 11 anni)
    Le avventure di un orfano inglese “povero tra i più poveri” ma re della strada schivando benintenzionati, “istituti e cappellani”. Il premio Nobel Kipling insieme al ritratto di Kim dipinge il ritratto di un paese magico, crudele e affascinante.
    Da leggere perché: “Kim non faceva niente, e con enorme successo”; a maggior ragione non perdeva certo tempo andando a scuola…
  • Anna dai capelli rossi, Lucy Maud Montgomery (entro gli 11 anni)
    Due anziani fratelli che vivono nella campagna canadese decidono di adottare un orfano perché possa rendersi utile in fattoria ma invece di un ragazzo arriva Anna, fantasiosa e scatenata, che dopo qualche peripezia riuscirà a farsi accettare e voler bene.
    Da leggere perché: Gilbert pagherà con 5 anni di silenzio e un’accanita rivalità sui banchi il peccato di aver preso in giro Anna per il colore dei suoi capelli.
  • Le avventure di Tom Sawyer, Mark Twain (entro 12 anni)

    Dal grande umorista americano la storia dello scatenato Tom ambientata in Missuri prima della guerra di secessione quando la schiavitù non era messa in discussione e l’uomo più importante del paese era il giudice.
    Da leggere perché: il racconto di come Tom riesca a convincere i suoi amici a dipingere la staccionata al suo posto ottenendo anche un “guadagno” è diventato mitico.
  • Tre uomini in barca (per non parlar del cane), Jerome k. Jerome (entro i 12 anni)
    Un gruppetto di strampalati amici inglesi, J., Harris e George, partono per un viaggio in barca accompagnati dal feroce fox-terrier, Montmorency. Uno è sempre malato, il secondo passa la vita a dare ordini e il terzo è pigrissimo; sarà una gita indimenticabile dove non ne faranno una giusta.
    Da leggere perché: un primo assaggio di quel fantastico umorismo anglosassone che sa guardare e ridere con distacco dei difetti che abbiamo tutti.
  • Un capitano di 15 anni, Jules Verne (entro i 13 anni)
    Il giovane orfano Dick Sand imbarcato come mozzo si trova a diventare il capitano di una grande nave baleniera che viaggia lungo le coste della Nuova Zelanda e che finirà per fare naufragio in Africa. Con buonsenso e coraggio Dick riuscirà a portare in salvo, attraverso mille avventure, un equipaggio variegato che comprende un cane naufrago, la moglie e il figlio di un Lord e alcuni schiavi di colore scampati miracolosamente alla tratta.
    Da leggere perché: è il sogno di ogni ragazzo partire da mozzo e arrivare ad essere il capitano di una grande nave in pericolo costante.
  • Il barone rampante, Italo Calvino (entro i 14 anni)
    Cosimo Piovasco di Rondò a 12 anni litiga con i suoi genitori e giura che non scenderà mai più dall’albero su cui sale per non mangiare un piatto di lumache. Il testardo nobiluomo manterrà fede alla sua promessa e riuscirà comunque ad avere una vita ricca di sentimenti e di avventure: conoscerà filosofi e briganti diventando una figura nota per tutti gli abitanti del borgo e riuscirà a non scendere dagli alberi neanche in punto di morte.
    Da leggere perché: anche le persone che sembrano più strane e che fanno scelte lontanissime da noi possono nascondere meravigliosi mondi da scoprire.
  • La storia infinita, Michael Ende (entro 14 anni)
    Bastiano Baldassarre Bucci per sfuggire ai bulli che lo tormentano si rifugia in una libreria antiquaria dove trova un libro favoloso e, poco per volta, si trova a fare parte della storia che sta leggendo. Il libro “magico” aiuterà Bastiano anche ad affrontare la realtà quotidiana e a parlare con suo padre.
    Da leggere perché: il drago fortuna, la infanta imperatrice e il guerriero Atreiu sono personaggi sempre attuali con cui chiunque vorrebbero affrontare nuove avventure.
  • Il giardino segreto, Frances Hodgson Burnett (entro i 15 anni)
    Una bimba orfana viene affidata allo zio vedovo poco propenso ad occuparsi di lei. Scoprirà che prendersi cura di qualcuno, il misterioso cugino malato, o di qualcosa, il meraviglioso giardino incolto nascosto dallo zio, aiuta a crescere e ad essere felici.
    Da leggere perché: la natura e l’amicizia sanno ancora una volta offrire la chiave per penetrare attraverso il rigore dei sentimenti imposti e delle convenzioni.
  • Il buio oltre la siepe, Harper Lee (entro i 16 anni)
    Negli anni trenta in Alabama, durante la grande depressione, la piccola Scout capisce che poche cose sono come appaiono e che l’eroismo è la coerenza di ogni giorno. Il papà taciturno che difende un nero accusato di qualcosa che non può avere commesso e il vicino misterioso considerato un mostro dagli abitanti della città sono veri eroi in una società dove tutto è già apparenza.
    Da leggere perché: una piccola grande testimonianza di un’epoca, che ci sembra lontanissima ma invece è dietro l’angolo, in cui il colore della pelle era la cosa più importante e fare il proprio dovere era difficilissimo.
  • Assassinio sul Nilo, Agatha Christie (entro 16 anni)
    La regina del giallo ci ricorda che una volta la crociera rappresentava una vacanza esclusiva e molto lussuosa e che solo pochi potevano permettersi questo modo di viaggiare. Eppure, nonostante la compagnia sceltissima, Poirot si trova dopo pochi giorni in Egitto a dover affrontare un caso di omicidio.
    Da leggere perché: Come spesso succede con i racconti della Christie anche questo romanzo è stato più volte riproposto al cinema (l’ultimo remake è di quest’anno), sempre con immutato successo.
  • Il giardino dei Finzi-Contini, Giorgio Bassani (entro 18 anni) Ispirato dalla storia, vera e tragica, di una famiglia di Ferrara travolta dalle persecuzioni ebraiche durante la Seconda guerra mondiale, il racconto di un ragazzo della media borghesia ebrea che si trova a incrociare la sua strada (e il suo cuore) con i ricchissimi Finzi-Contini.
    Da leggere perché: La bella e bionda Micol rivolge la prima volta la parola al protagonista mentre lui si aggira intorno al giardino disperato per essere stato rimandato in matematica a settembre.
  • Tenera è la notte, Francis Scott Fitzgerald (entro 18 anni) Il lussuoso soggiorno estivo nel Sud della Francia di un gruppo di intellettuali e artisti americani nasconde una realtà molto meno scintillante di quanto appaia a prima vista ed è facile lasciarsi andare passando da una visione idealistica della vita ad un costante cinismo alcolico.
    Da leggere perché: Fitzgerald si ispira a se stesso per descrivere il protagonista Dick e ritrae nella moglie schizofrenica Nicole la sua stessa moglie Zelda.