Donna Moderna
FocusJunior.it > News > Il coraggio di essere diversa: la storia della YouTuber Nikki Lilly

Il coraggio di essere diversa: la storia della YouTuber Nikki Lilly

Stampa
Il coraggio di essere diversa: la storia della YouTuber Nikki Lilly
Ipa-agency

Una malformazione le ha cambiato per sempre l'aspetto ma i video su YouTube l'hanno aiutata ad accettarsi e a esaltare il suo lato creativo.

Quanto può essere dura per una bambina guardarsi allo specchio e non riconoscere l'immagine che viene riflessa? Eppure in Inghilterra c'è una ragazza che ha scelto di non farsi abbattere dagli eventi, scegliendo di reagire e trasformare ciò che la faceva soffrire in un punto di forza.

È questa la storia di Nikki Lilly, quindicenne inglese affetta da una malformazione che le ha sfigurato completamente il lato destro del volto ma che nonostante ciò è diventata una delle ragazze più celebri (e talentuose) della Gran Bretagna.

EMERGERE DALLE DIFFICOLTÀ

Tutto ebbe inizio a soli 6 anni, quando i medici le diagnosticarono una grave - e incurabile - forma di malformazione altero-venosa. In poco tempo il viso di Nikki cambiò totalmente, sprofondando la bimba in uno stato di ansia e insicurezza. Due anni più tardi, però proprio per documentare le trasformazioni che la malattia stava compiendo sul suo corpo, cominciò a postare dei video su YouTube.

Inizialmente Nikki disabilitò la possibilità di ricevere commenti da parte degli altri utenti; troppo grande la paura di sentirsi ferita dalle malignità delle persone. Eppure quei video la stavano aiutando a prendere confidenza con la "nuova" Nikki Lilly e anno dopo anno l'attività di youtuber occupò un ruolo sempre più importante all'interno delle sue giornate.

Adesso, sette anni e oltre 40 operazioni chirurgiche dopo, Nikki è sicura di sé, di quello che è e di quello che vuole essere e non c'è commento (sì, alla fine ha abilitato i commenti) o offesa che possano farla stare male, perché ormai ha capito che chi insulta dietro la tastiera, in realtà è solamente frustrato dalla propria condizione.

«È abbastanza triste e da codardi - ha detto Nikki in un'intervista alla BBC - che (gli haters, n.d.r) sentano il bisogno di postare cose orribili su qualcuno perché sono così tristi della loro esistenza e pensano "Oh, se sono cattivo con questa persona magari starò meglio con me stesso e la mia vita infelice»

Grazie a questa nuova consapevolezza, Nikki è stata capace di ignorare tutti i "sei brutta" («una parola davvero distruttiva») del mondo e alla fine ha vinto la sua battaglia. Anzi, ha stravinto...

È NATA UNA STELLA

Già, perché Nikki ha preso davvero sul serio il suo lavoro sul Web - dove ormai ha più di un milione di seguaci e posta quasi ogni giorno video, vlog e tutorial di make-up - puntando tutto su sé stessa e riuscendo perfino a travalicare i confini di YouTube.

Nel 2016 infatti è uscita vincitrice dallo show della CBBC Junior Bake Off e lo stesso anno ha anche ottenuto il premio Child of Courage (letteralmente "Bambino del coraggio") ai Pride of Britain Awards. Ora presenta addirittura uno show tutto suo, il Nikki Lilly Meets..., frequentato da personalità di spicco del mondo britannico come l'ex Primo Ministro Theresa May.

E tutto perché quando il mondo le stava crollando addosso ha avuto il coraggio di essere sé stessa:

«Ognuno è diverso e ciascuno è unico e se vivessimo in un mondo dove tutti hanno lo stesso aspetto, si comportano allo stesso modo e hanno gli stessi gusti, sarebbe un mondo davvero noioso».

Grazie per la lezione Nikki!