Donna Moderna
FocusJunior.it > News > La previsione dell’IA: il Mondiale lo vincerà la Spagna!

La previsione dell’IA: il Mondiale lo vincerà la Spagna!

Stampa
La previsione dell’IA: il Mondiale lo vincerà la Spagna!
Ipa-agency

A dirlo non è un esperto di calcio, ma un'Intelligenza Artificiale in grado di elaborare complicati calcoli statistici: sarà la Spagna ad alzare la Coppa del Mondo!

I freddi numeri e le statistiche hanno parlato: domenica 15 luglio sarà la Spagna ad alzare l'ambita Coppa del Mondo nel cielo di Mosca.

No, non si tratta di un pronostico fatto con il pendolino o di una previsione basata sui valori tecnici espressi dalle squadre nel corso del primo turno del Mondiale (dove pure la Spagna si è comportata bene), ma "l'oracolo" è frutto di un IA (Intelligenza Artificiale) messa a punto dagli esperti della Technical University di Dortmund e Monaco Baviera in Germania.

Come funziona?

Certo, non ci voleva un genio per capire che uno squadrone come la Spagna di Iniesta fosse una seria candidata al titolo, ma il super-computer tedesco è andato ben oltre il calcio giocato, comprendendo nella sua analisi numerosi fattori come i possibili avversari da incontrare lungo il percorso (e qui, ad esempio, la Spagna potrebbe avere un cammino più facile della Germana), l'età media dei calciatori, il numero di trofei vinti da ogni singolo componente della squadra o addirittura la composizione demografica del Paese di provenienza.

Brasile, Spagna, Germania. Argentina...O ci sarà qualche sorpresa?
Credits: Ipa-agency

Ebbene, dal calcolo incrociato di tutti questi dati è venuto fuori che è proprio la Spagna la nazionale favorita per diventare Campione del Mondo, con una probabilità di successo del 17,8%. Seguono la tostissima Germania (17,1%) ed il Brasile di Neymar (12,3%).

Chi invece non ha proprio speranze? Secondo il computer (e molti amanti del gioco) sono Arabia Saudita, Iran, Panama e Giappone, tutte e quattro con lo 0% di chance.

Fortunatamente il calcio non è fatto di statistiche e calcoli e a volte anche una singola giocata, un palo, o un infortunio possono cambiare in un secondo le sorti di interi tornei.

Che vinca semplicemente il migliore! (O no?)