Nostro Figlio
FocusJunior.it > News > La cometa più grande di sempre si sta avvicinando

La cometa più grande di sempre si sta avvicinando

Stampa
La cometa più grande di sempre si sta avvicinando
NASA, ESA, Man-To Hui (Università della scienza e della tecnologia di Macao), David Jewitt (UCLA); Elaborazione immagini: Alyssa Pagan (STScI)

Il telescopio Hubble è riuscito a fotografare C/2014UN271, nota anche come Bernardinelli-Bernstein, la stella cometa più grande del Sistema solare conosciuta finora

La cometa C/2014UN271 fu individuata per la prima volta nel 2010, per caso. Qualche settimana fa, invece, il telescopio spaziale Hubble, della Nasa, ha determinato le dimensioni del più grande nucleo di cometa ghiacciata mai vista dagli astronomi. Il diametro, pensate un po', è di circa 128,748 km, per fare un paragone con misure “terrestri” è più grande dello stato del Rhode Island (Usa) e il doppio della città di Londra.

Che cometa, anzi, che nucleo!

Il suo nucleo è circa 50 volte più grande di quello che si trova all’interno delle comete più conosciute: 12 volte più grande della cometa di Halley e quasi il doppio della Grande Cometa Hale-Bopp. Si stima che la sua massa sia l'incredibile cifra di… 500 trilioni di tonnellate, centomila volte maggiore della massa di una tipica cometa che si trova più vicino al Sole.

Non preoccuparti, non ci travolgerà (per ora)

La cometa “gigante” C/2014 UN271 (Bernardinelli-Bernstein) sta viaggiando a circa a 35mila chilometri all’ora verso il cuore del Sistema solare. Ma non preoccuparti. Non si avvicinerà mai troppo. Raggiungerà il punto più vicino al Sole nel 2031, quando passerà a 1,6 miliardi di chilometri dalla nostra stella che è più o meno la distanza tra la Terra e Saturno.

Che cometa grande, sei

Lo abbiamo detto prima, C/2014 UN271 è una cometa da record. Il precedente primato spettava a C/2002 VQ 94, una cometa con un nucleo stimato di circa 96 km di diametro, scoperta nel 2002 dal progetto Lincoln Near-Earth Asteroid Research (LINEAR).

"Questa cometa è solamente la punta dell'iceberg per molte migliaia di comete che sono troppo deboli per essere viste nelle parti più lontane del sistema solare", ha dichiarato David Jewitt, professore di scienze planetarie e astronomia all'Università della California, Los Angeles (UCLA) e co-autore del nuovo studio in The Astrophysical Journal Letters . "Abbiamo sempre sospettato che questa cometa dovesse essere grande perché è molto luminosa anche da una distanza così grande. E queste immagini scattate da Hubble lo confermano."

cometa
Questa sequenza mostra come il nucleo della cometa C/2014 UN271 (Bernardinelli-Bernstein) sia stato isolato da un vasto guscio di polvere e gas che circonda il nucleo solido ghiacciato
Credits: NASA, ESA, Man-To Hui (Università della scienza e della tecnologia di Macao), David Jewitt (UCLA); Elaborazione immagini: Alyssa Pagan (STScI)

Gli autori della scoperta

C/2014 UN271 è stata scoperta dagli astronomi Pedro Bernardinelli e Gary Bernstein, ecco spiegato il suo “secondo” nome, le prime immagini della rilevazione sono custodite nell'archivio del Dark Energy Survey presso l'Osservatorio di Cerro Tololo, in Cile. È stata osservata per la prima volta casualmente nel novembre 2010, quando si trovava a ben quasi 5 miliardi di km dal Sole, che è quasi la distanza media tra la Terra e Nettuno. "Pensavamo che la cometa potesse essere piuttosto grande, ma avevamo bisogno di dati migliori per confermarlo", ha affermato l'autore principale del documento Man-To Hui dell'Università di Scienza e Tecnologia di Macao, Taipa, Macao. Quindi, il suo team ha utilizzato Hubble per scattare cinque foto della cometa l'8 gennaio 2022.

Una challenge incredibile

La sfida nel misurare questa cometa è stata come riuscire a dividere il nucleo solido dall'enorme chioma polverosa che lo avvolge. La cometa è attualmente troppo lontana perché il suo nucleo possa essere visto da Hubble. Ma, al contrario, i dati di Hubble mostrano un brillante picco di luce proprio nella posizione del nucleo. Hui e il suo team hanno quindi realizzato un modello al computer del coma circostante e lo hanno adattato per adattarlo alle immagini di Hubble. Quindi, il bagliore del coma è stato sottratto per lasciare il nucleo simile a una stella.

Hui e il suo team hanno confrontato la luminosità del nucleo con le precedenti osservazioni radio dell'Atacama Large Millimeter/submillimeter Array (ALMA) in Cile. Le nuove misurazioni di Hubble sono vicine alle precedenti stime delle dimensioni di ALMA, ma suggeriscono in modo convincente una superficie del nucleo più scura di quanto si pensasse in precedenza. "È grande ed è più nero del carbone", ha detto Jewitt.

Com’è fatta una cometa?

Una cometa è composta da rocce mescolate a gas congelati, acqua, metano, ammoniaca e polvere rimaste dalla formazione del nostro sistema solare circa 4,6 miliardi di anni fa. Questi elementi sono distribuiti così:

la coda di una cometa è formata da polvere e gas che si sono allontanati dal nucleo.

Il nucleo è il nucleo solido e ghiacciato della cometa costituito da polvere e ghiaccio.

Oppure, come le chiama la Nasa, una cometa è “una palla di neve sporca”. Gas e polvere creano anche un'enorme nube sfocata attorno al nucleo chiamata chioma.