Donna Moderna
FocusJunior.it > News > Intervista a Rupert Grint

Intervista a Rupert Grint

Stampa
Intervista a Rupert Grint

I focusini Daniele, Agnese e Andrea di Roma intervistano Rupert Grint (alias Ron Weasley) e Oliver & James Phelps (alias Fred e George Weasley) della saga di Harry Potter.

In attesa di leggere Harry Potter numero 7, in uscita il 21 luglio prossimo ("Harry Potter and the Deathly Hallows")  abbiamo raggiunto a Roma i suoi amici - i fratelli Weasley - per cercare di carpire qualche segreto...succoso. Innanzitutto: ora che Joanne Kathleen Rowling, creatrice della fortunata saga, ha messo il punto (si dice) all'ultimo capitolo del libro, la domanda è...che fine fa Harry Potter? E' vero che morirà? Il mistero è fitto, ma i tre fratellini sperano di no...e anche noi, naturalmente!!!
Per fortuna pare che anche la Rowling non abbia tanta voglia di separarsi dal personaggio che le ha dato la celebrità e - soprattutto - ha fatto sognare milioni di ragazzi di tutto il mondo. A questo proposito, infatti, durante un'intervista l'autrice ha detto: "Non posso nemmeno pensare di vivere senza Harry".
Anche a noi dispiacerebbe molto...che ne dite? Facciamo tutti il tifo per...Harry Potter 8!!
E’ la prima volta che venite a Roma, tutti e tre, vero? Gira voce che ieri siete andati a fare acquisti per negozi, che vi siete comprati?
Rupert: Ci siamo siamo divertiti un sacco, ci hanno riconosciuto tantissime persone per la strada, e ci siamo comprati delle magliette di calcio della Roma, con i nomi dei calciatori dietro, fichissime!  
Nei film fate un sacco di magie, ma nella vita reale… che potere magico vorreste avere?
R. Personalmente il mantello dell’invisibilità anzi no, aspetta, la macchina volante, la Ford Anglia, quella si, sarebbe proprio forte.
In che cosa assomigli più a Ron, il migliore amico di Harry Potter?
R. Nel terrore per i ragni. Quando ho visto la prima volta Ararog, il ragno gigante, non ho avuto bisogno di recitare, stavo proprio morendo di paura! Nel prossimo film c’è una scena dove dovrei averne uno sulla spalla, all’inizio speravo che me lo mettessero di gomma, ma ho paura che invece sarà in carne e ossa, e non ne ho nessuna voglia.  
E’ vero che anche tu, come Ron, non fai i compiti a casa, neanche se te lo chiede il regista?
R. Si! Una volta il regista Alfonso Cuaròn ha chiesto a tutti noi attori di fare un tema sul loro personaggio. Ron non lo avrebbe fatto, così non l’ho fatto neppure io, ho chiesto aiuto a Hermione (Emma Watson) e Harry (Daniel Radcliffe) e ho tirato fuori le classiche scuse che si sarebbe inventato lui, tipo che il cane si era mangiato i miei fogli… 
Voi due, invece, fuggite da scuola su una scopa, davanti ai vostri compagni. Che sensazione si prova a guidare una scopa volante?
O. E’ divertente, molto diverso da quanto avevo immaginato. Certo ci sono anche un sacco di effetti al computer, ma ti muovi molto e non è difficile, sembra di fare un giro sulle montagne russe. 
E’ vero che voi due, gemelli combina guai, vi tingete i capelli?
J. Verissimo, abbiamo i capelli castani, che diventano rossi per i film di Harry Potter. Ce li siamo tinti venerdi scorso, abbiamo pure dovuto tingerci di rosso le sopracciglia... Vedi?
E che un modo sicuro per distinguervi, visto che siete uguali, è un neo sul collo ?
O. Anche questo è vero. Io ho questo neo sul collo, a destra, che a James manca. Lui però ne ha uno sul braccio sinistro, che invece io non ho.
… E che una volta vi siete scambiato di posto sul set e avete costretto tutti a ripetere daccapo tutte le scene?  
O. Ma no! E’ successo solo un volta, per sbaglio, durante una prova. Ma la storia si è ingigantita, e qualcuno ha sparso al voce che abbiamo dovuto rigirare tutto il film!
Sinceramente, chi è il più bravo fra voi tre?
R. (finto modesto) Probabilmente tu, Oliver. No. Tu James?. No. No, io, sono io il più bravo, sicuramente.
E il più simpatico di tutto il cast di tutta la serie di Harry Potter?
R, J & O (in coro): nostra madre Mollie, l’attrice Julie Walsh. E’ simpaticissimo anche l’attore che interpreta Rubeus Hagrid, il custode di Hogwarts, Robbie Coltrane.
E’ veramente così gigantesco, Hagrid?
R: No. In realtà sono due persone che fanno Hagrid: Robbie, che gli presta il volto, che è alto normale, e poi la sua controfigura che lo sostituisce nelle scene dove si vede solo il corpo: si chiama Martin, è un ex-giocatore della squadra di rugby inglese. E’ molto grosso, sarà alto almeno 1 metro e 90...
Si dice che J.K. Rowling, l’autrice di Harry Potter, più ricca della regina Elisabetta, abbia già messo in cassaforte l’ultimo capitolo del settimo e ultimo libro. Voi sapete come finirà? Ce lo dite?
R: Non lo so neanch’io, giuro, non ne ho la minima idea. Però, ecco, io spero nel lieto fine..

 

ULTIME NEWS
Natale: 10 libri indimenticabili
Condividi
Come si fa a diventare agente segreto
Condividi
Chi sono le spie nella realtà
Condividi