Nostro Figlio

FocusJunior.it

FocusJunior.itScuolaStoriaIl giro del mondo in 80 giorni

Il giro del mondo in 80 giorni

Stampa

Il giro del mondo in 80 giorni è un lungometraggio animato da vedere al cinema, ma è anche un film e prima ancora è stato un famoso romanzo d'avventura.

Il giro del mondo in 80 giorni è un famoso romanzo classico dell'autore Jules Verne ma oggi è diventato anche lungometraggio animato, diretto dal regista Samuel Tourneux: sarà al cinema dal 9 settembre.

La trama
Passepartout una scimmietta ingenua ma vivace, ha sempre sognato di partire per un'avventura. L'opportunità arriva sotto forma di Phileas Frog, un esploratore e artista della truffa, e una scommessa multimilionaria: stabilire il nuovo record del giro del mondo in 80 giorni.
Da deserti in fiamme a giungle misteriose, da intrepide principesse a locuste adoratrici di vulcani, Passepartout scoprirà quanto vasto, meraviglioso e folle sia il mondo.

Il trailer

La Sabri tra i doppiatori

Tra gli amici di Passepartout, la scimmietta protagonista che ama l'avventura, esplorare e viaggiare ci sono il già citato Phileas e Aouda, una rana esotica e capricciosa (ma è anche una principessa che detesta la corona e tutti i fronzoli reali) la cui voce è quella del la creator SABRINA CERESETO, meglio conosciuta come La Sabri. 

Curiosità sul libro Il giro del mondo in 80 giorni

Il titolo originale in francese è Le Tour du monde en quatre-vingts jours, il famoso romanzo di avventura del 1827 scritto da Jules Verne.
Il protagonista forse si ispira a George Francis Train, realmente esistito: George compì l’impresa di girare il mondo in 80 giorni nel 1871.

La trama del lungometraggio animato è simile a quella del libro originale ma nel libro il protagonista Phileas è un gentleman inglese e Passepartout è il suo cameriere: insieme partono per circumnavigare il mondo in 80 giorni per vincere una scommessa di 20 mila sterline.

Il romanzo Il giro del mondo in 80 giorni è molto importate perché descrive l'atmosfera che si viveva all'epoca della Rivoluzione industriale. I nuovi mezzi di trasporto, come i treni e le automobili avevano reso più veloci i viaggi, che prima si affrontavano con i cavalli e le carrozze, mettendoci giorni interni per percorrere pochi chilometri.

Come andò a finire il giro del mondo di George Francis Train?

In realtà partì per ben 3 volte: nel suo primo viaggio, del 1871, l'imprenditore americano partì da New York con un treno e si diresse a San Francisco, poi raggiunse la CIna, Singapore, Marsiglia, fu imprigionato a Lione, poi giunse a Liverpool e infine tornò a New York mettendoci poco più di 80 giorni.

Il record di oggi

Il record per il giro del mondo nel minor tempo oggi è detenuto da un team di piloti internazionali, che per la missione One more Orbit, a bordo di jet dalle alte prestazioni, ha impiegato  46 ore, 39 minuti e 38 secondi per percorrere 40 mila km, passando per i poli.

I tempi sono proprio cambiati!