Donna Moderna
FocusJunior.it > News > I manga, amiamo disegnarli, ma cosa sono veramente?

I manga, amiamo disegnarli, ma cosa sono veramente?

Stampa

Cosa sono davvero i Manga? Ecco alcune curiosità sui fumetti, giapponesi e non solo.

I manga ci piace leggerli, disegnarli e vederli in tv. Ma cosa sono veramente? Ecco qualche curiosità.

 

1. Se pensate che i manga siano solo fumetti giapponesi vi sbagliate. 

 Se andate al museo dei manga di Kyoto, in Giappone, potete leggere fumetti provenienti da tutte le parti del mondo. Quindi i Manga sono fumetti, giapponesi ma anche americani, o italiani. Gli anime invece sono la loro trasposizione cinematografica, anche in questo caso non solo giapponese.

 

2. Il manga giapponese si distingue dagli altri fumetti soprattutto nei tratti dei personaggi (occhi grandi e luminosi, o folte capigliature per esempio) ma anche nella tecnica artistica del disegno: in Giappone per esempio sono diffuse tra i disegnatori le penne con la punta a pennello per colorare e dettagliare le ombre, oppure la carta di riso, utilizzata spesso anche per le tavole dei manga.

3. Mentre in occidente i fumetti e i cartoni animati sono prevalentemente rivolti a un pubblico di ragazzi tra gli 8 e i 13 anni oppure alle famiglie quando si tratta di lungometraggi animati, in Giappone quello dei manga è da sempre un genere letterario rivolto a tutte le età, adulti compresi e a tutte le tipologie di persone: il manga Kodomo è per i bambini; il manga Shonen è per ragazzi dai 12 ai 18 anni, il manga Shoujo è per ragazze di età tra 12 e 18 anni. Josei manga è per donne lavoratrici di età superiore ai 20 anni, e il Seinen manga è per i giovani uomini tra i 18 ei 30 anni.

 

4. A differenza dei film sugli eroi americani, gli anime giapponesi nascono generalmente dai fumetti, le cui storie sono pensate per svilupparsi a puntate, cioè in volumi che vengono pubblicati ogni settimana od ogni mese. Per questo motivo un anime giapponese segue sempre la stessa trama, che può risultare più articolata e non avere una conclusione definitva come nei film americani, che invece in ogni sequel raccontano una storia a a parte. Per lo stesso motivo, negli anime giapponesi c'è anche più attenzione verso i personaggi, che hanno anche interessi diversi da quello che è il tema centrale della storia.

5. Gli artisti di manga giapponesi nelle storie "disegnano" anche la tradizione del loro paese, i paesaggi tipici o le abitudini di vita. Questo capita meno nei fumetti occidentali. I manga giapponesi infatti sono sempre pieni di fiori di ciliegio, si sentono spesso le cicale, si leggono storie di samurai, di draghi, di templi, proprio come succede nella vita vera in Giappone.

 

6. I manga giapponesi sono sempre governati da una morale e dai criteri di comportamento ben precisi. Per esempio i cattivi, spesso, hanno anche dei lati buoni, oppure hanno delle motivazioni forti per cui sono diventati malvagi, che a volte addirittura si risolvono. Succede così persino in una serie comica come quella di Doraemon, dove i "cattivi" sono allo stesso tempo gli amici di Nobita, il protagonista buono. Nei cartoni occidentali invece il cattivo è il malvagio per eccellenza, da combattere e con cui fare i conti, sempre.

7. I manga giapponesi si leggono al contrario: si comincia cioè dall'ultima pagina e l'ordine temporale delle vignette va da destra verso sinistra. 

 

8. Negli ultimi anni anche in occidente si stanno diffondendo fumetti per grandi, per esempio alcune Graphic Novel, che riproducono avvenimenti storici, o la vita di personaggi realmente esistiti. Ma hanno ancora un pubblico "di nicchia". In Giappone i manga invece rappresentano circa il 50% di tutti i libri venduti.

9. In Giappone il manga non è solo un fumetto ma un vero e proprio fenomeno culturare: esistono tantissimi negozi dedicati ai diversi personaggi; c'è un quartiere dove si riuniscono i ragazzi che amano travestirsi da manga nel tempo libero e negli ultimi anni si stanno sviluppando robot o ologrammi tridimensionali sempre più avanzati che riproducono personaggi manga: alcuni diventano cantanti come Hatsune Miku: è una vera (si fa per dire) star e i suoi concerti sono sempre pieni di spettatori.

 

Video: Htsune Miku in concerto

 

 

 

Quali manga vi piacciono di più? Scrivetelo nei commenti!