Focus.it

FocusJunior.it

FocusJunior.itNewsGeolier, chi è il rapper di Secondigliano

Geolier, chi è il rapper di Secondigliano

Stampa
Geolier, chi è il rapper di Secondigliano
Getty Images

Emanuele Palumbo, in arte Geolier, si è classificato al secondo posto al 74emo Festival di Sanremo, con il brano "I p' me, Tu p' te"

Geolier è diventato noto al grande pubblico con la sua partecipazione al 74° Festival di Sanremo appena concluso, in cui si è classificato al 2° posto con il brano “I p’me, tu p’te”. Ma in realtà Geolier (pseudonimo di Emanuele Palumbo), nato nel quartiere di Secondigliano, a Napoli, il 23 marzo del 2000, era già conosciutissimo dal pubblico più giovane. Oltre ad essere giunto secondo, ha vinto la serata dedicata alle cover con il medley “Strade”, in cui ha cantato insieme a Guè Pequeño, Luchè e Gigi D’Alessio. Il suo nome d’arte, Geolier, significa in francese “secondino”, che non ha niente a che vedere con il carcere, ma che per il cantante significa “di Secondigliano”.

Geolier: 42 dischi di platino, 19 d’oro, oltre un miliardo di streaming

Già il programma “Le Iene”, nell’ottobre scorso, dedicò un’intervista al rapper napoletano, diventato dal 2018 e in breve tempo un fenomeno senza precedenti: 42 dischi di platino, 19 dischi d’oro e oltre un miliardo di streaming.

Commissiona murales per abbellire i quartieri poveri

Cresciuto, come dicevamo all’inizio, nel quartiere difficile di Secondigliano, la passione per il rap gli ha impedito di finire in strada e darsi alla malavita come purtroppo molti dei suoi coetanei. Il suo più grande obiettivo è quello di fare qualcosa per i bambini di Secondigliano e di altri quartieri napoletani, come ad esempio far costruire campi di calcio. Ha già commissionato vari murales a Napoli per dare vita e colore al triste grigiume dei muri; tra questi, l’ormai noto murale, proprio a Secondigliano, dedicato a Diego Armando Maradona.

A 13 anni va a lavorare in fabbrica, ma il parrucchiere si accorge del suo talento

A 13 anni ha abbandonato la scuola ed è entrato a lavorare in una fabbrica in cui apprende a lavorare il ferro. Ma fu il parrucchiere di Geolier, Cristian, ad accorgersi del talento del ragazzo e a portarlo in studio per incidere i suoi primi brani. L’esordio è del 2018 con il brano “P Secondigliano”, nel cui video ci sono tutti gli amici di Emanuele (Geolier). In pochi giorni il video supera un milione di visualizzazioni: all’improvviso Geolier diventò una stella e il suo parrucchiere un discografico.

Il primo contratto e le collaborazioni con i migliori rapper

L’etichetta BFM Music gli fa il primo contratto ed esce l’album dal titolo “Emanuele”, al quale collaborano, tra gli altri, Guè Pequeño, Emis Killa e Luchè, diventato in breve tempo disco di platino. Da quel momento le collaborazioni con i grandi rapper del momento aumentano: Shablo, Sfera Ebbasta, Lazza e altri. I successi si succedono ad ogni singolo pubblicato, fino al 2022, anno della pubblicazione del brano “Chiagne”, cantato insieme a Lazza, e al 2023, anno dell’uscita del suo secondo album dal titolo “Il coraggio dei bambini”, il cui singolo “Come vuoi” è fra i dieci singoli più venduti dell’anno.

FONTI:

Chi è Geolier: una delle voci più nuove del rap campano a Sanremo – Forbes.it

Geolier: l'oro di Napoli - Le Iene (mediaset.it)

ULTIME NEWS
CATEGORY: 1