Nostro Figlio
FocusJunior.it > Scuola > Scienze > Fossili di plesiosauro trovati nel deserto del Sahara

Fossili di plesiosauro trovati nel deserto del Sahara

Stampa
Fossili di plesiosauro trovati nel deserto del Sahara
Dr Nick Longrich/University of Bath

I fossili di plesiosauro trovati nel deserto del Sahara del Marocco, dicono che alcune specie ritenute creature marine, potrebbero aver vissuto invece in acqua dolce

I fossili di plesiosauro, i rettili marini dal collo lungo che vivevano nell'era dei dinosauri, sono stati scoperti in un vecchio letto fluviale di 100 milioni di anni fa, in quella che oggi è la regione desertica conosciuta come Sahara. 100 milioni di anni fa, il Sahara del Marocco era un posto molto diverso. Un vasto sistema di fiumi scorreva a nord dell'Africa e sfociava nell'Oceano Atlantico. Nelle sabbie e nelle argille depositate da quei fiumi, si trova una ricca fauna di pesci e altri animali acquatici.

Fino a oggi, gli esperti pensavano che i plesiosauri fossero creature marine. Ma la nuova scoperta suggerisce che potrebbero aver vissuto anche in acqua dolce, per esempio nei fiumi. I plesiosauri furono scoperti per la prima volta nel 1823 dalla cacciatrice di fossili britannica Mary Anning. Erano rettili preistorici con teste piccole, collo lungo e quattro lunghe pinne.

Il mostro di Loch Ness era un plesiosauro?

Il ritrovamento di quei fossili ha ispirato la "ricostruzione" di Nessie, ma a differenza del mostro del lago di Loch Ness, i plesiosauri erano animali marini, o si pensava che lo fossero fino alla recente scoperta di fossili  trovata da un team di scienziati delle Università di Bath e Portsmouth del Regno Unito e dell'Università Hassan II de Casablanca, in Marocco.

Un bottino di fossili di tutto rispetto

Il ritrovamento portato alla luce include ossa e denti di plesiosauri adulti lunghi 3 metri, e l’osso del braccio di un cucciolo, lungo 1,5 metri. Questi fossili suggeriscono che le creature siano vissute e si siano nutrite in acqua dolce insieme a rane, coccodrilli, tartarughe, pesci e un enorme dinosauro acquatico chiamato Spinosaurus.

I fossili che hanno portato alla prova

I fossili trovati includono le vertebre del collo, della schiena e della coda, denti sparsi e un osso del braccio di un cucciolo. In realtà a fornire la prova schiacciante che si trattasse di plesiosauro sono stati i denti, perché gli animali li hanno persi mentre erano vivi.

Infatti, mentre le ossa forniscono informazioni su dove sono morti gli animali, i denti sono interessanti perché sono stati persi mentre l'animale era in vita, quindi mostrano esattamente dove vivevano gli animali.

Inoltre, i denti, sono molto consumati il che significa che mangiassero grandi quantità di pesce come gli spinosauri che si trovano nello stesso letto del fiume.

Per questo motivo gli scienziati affermano che i plesiosauri mangiassero lo stesso cibo degli spinosauri, dal momento che i fossili di denti trovati sono scheggiati a causa dei pesci con carapace duri di cui si nutrivano. Questo indizio suggerisce che hanno trascorso molto tempo nel fiume, e non erano visitatori occasionali.

I plesiosauri sono davvero rettili di acqua dolce?

Il dottor Nick Longrich, che ha lavorato allo studio, ha dichiarato: «Quelli ritrovati sono reperti scadenti, ma le ossa isolate, in realtà, ci dicono molto sugli ecosistemi antichi e sugli animali che ne erano parte».

Longrich spiega anche come la paleontologia, ovvero lo studio dei fossili antichi, implichi molte supposizioni sul perché gli animali coinvolti sono estinti: «Le persone si chiedono come possono i paleontologi sapere qualcosa di certo sulla vita degli animali che si sono estinti milioni di anni fa? La realtà è che non sempre siamo in grado. Tutto quello che possiamo fare è fare ipotesi plausibili sulla base delle informazioni che abbiamo. Troveremo altri fossili. Forse confermeranno queste ipotesi. Forse no» conclude lo scienziato.

Fonte: Eurekaalert