Donna Moderna
FocusJunior.it > News > Film > Al cinema | Alamar, il film

Al cinema | Alamar, il film

Stampa

Il 25 maggio arriva al cinema Alamar, un film poetico e super premiato che racconta la storia di Matraca, un vecchio pescatore che segue ritmi e metodi antichi sul Banco Chinchorro, barriera corallina nei mari del Messico. 

Alamar è un film super premiato. Racconta la storia di Matraca, un vecchio pescatore che vive su un atollo dal mare incontaminato e lavora con metodi antichi nel Banco Chinchorro, un’estesa barriera corallina nei mari del Messico.

Guarda la clip di Alamar in esclusiva per voi focusini

 

 

Un giorno il figlio Jorge raggiunge Matraca nell'atollo, sulla sua piccola palafitta, con il nipotino Natan. Natan ha cinque anni e vive a Roma con la mamma, Roberta. Prima che il piccolo inizi ad andare a scuola, papà Jorge vuole fargli conoscere quel mondo così diverso. Giunti a Banco Chinchorro, Natan e Jorge accompagnano ogni giorno il nonno a pescare e Natan scopre una profonda unità con la natura e impara a perlustrare l’affascinante mondo che si cela sotto la superficie marina.

 

Fa anche amicizia con un uccello marino che chiama Blanquita. E quando Blanquita, un giorno, scompare, Natan capisce che è giunto il momento di tornare in Europa. Ma quel che ha imparato in mare in questo viaggio nel tempo, rimarrà suo per sempre.

Alamar sarà al cinema dal 25 maggio

 

«Il luogo dove si svolge buona parte del film, esiste davvero», racconta il regista Pedro Gonzalez-Rubio (origini messicane e nato a Bruxelles). «Nel 1996, infatti, Banco Chinchorro è stato dichiarato “Riserva Naturale della Biosfera” dall’UNESCO (United Nations Educational, Scientific and Cultural Organization, ossia Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Educazione, la Scienza e la Cultura). E si stanno facendo sforzi seri per farlo diventare Patrimonio dell'Umanità. È la casa di migliaia di specie ed è la più grande barriera corallina messicana. Attraverso la storia basata sulla relazione tra l’uomo e l’ambiente a Chinchorro volevo restituire il mio amore per questa regione e l’ammirazione e il rispetto che nutro per le vite dei suoi pescatori».

Natan è un bambino che si muove tra i due mondi, quello di una vita semplice e sobria quando sta con il papà, quello di una società urbana quando è con la mamma. Una realtà non è migliore dell’altra, sono semplicemente diverse e il bambino riesce ad essere se stesso in entrambe, libero da qualunque pregiudizio. Il film Alamar è stato ispirato dalla semplicità dell’essere felici.
 

La riserva della biosfera del Banco Chinchorro si trova nel Mar dei Caraibi. La riserva è separata dalla costa da un braccio di mare di 35 chilometri, con una fossa oceanica che sprofonda per 1.000 metri. Per raggiungere Banco Chinchorro da Mahahual, il villaggio più vicino, occorrono quasi tre ore in barca, fatto che ha contribuito a mantenere questo luogo come una delle zone piú cristalline e incontaminate dei Caraibi.

 

?Il film Alamar vanta anche la collaborazione con Slow Fish Caribe e Razonatura, il progetto finanziato dalla Comunità Europea per promuovere la conservazione della biodiversità della barriera corallina e costiera.