Donna Moderna
FocusJunior.it > News > Festival di Sanremo 2014: vincitori e testi delle canzoni

Festival di Sanremo 2014: vincitori e testi delle canzoni

Stampa
Festival di Sanremo 2014: vincitori e testi delle canzoni

Hai seguito il festival? Ecco i vincitori e i nuovi testi delle canzoni più belle!

Anche quest'anno il Festival di Sanremo è finito. Tra fiori, momenti emozionanti, ospiti "vecchi e nuovi", vittorie inaspettate e aspettate il Festival è già un ricordo. Ma non le canzoni che iniziano a ritornarci in mente e a popolare in maniera insistente le radio. I vincitori?
Sanremo Giovani è stato vinto dal giovane rapper salernitano Rocco Hunt. Un sogno che si è avverato e che ha visto il rap conquistare il podio dell'Ariston per la prima volta. Arisa, invece, continua a trionfare al festival aggiudicandosi un bel primo posto nella categoria Big con Controvento. 
 Ma passiamo alle canzoni...che ne dite di scaldare l'ugola e di cantare quelle più belle? Iniziamo da Rocco Hunt con Nu Juorno Buono e poi passiamo anche ai bellissimi testi di Renzo Rubino e Raphael Gualazzi. Quale vi piace di più?
TESTI CANZONI
ROCCO HUNT - NU JUORNO BUONO




Questa mattina per fortuna c’è un’aria diversa 
Il sole coi suo raggi penetra dalla finestra 
Quant’è bella la mia terra 
Mi manca quando parto 
Porto una cartolina di riserva 
Questo posto non deve morire 
La mia gente non deve partire 
Il mio accento si deve sentire 
La strage dei rifiuti 
L’aumento dei tumori 
Siamo la terra del sole 
Non la terra dei fuochi 
Questa mattina per fortuna la storia è cambiata 
Vedo la gente che sorride spensierata 
Non esiste cattiveria 
Si sta bene in strada 
Il mondo si è fermato 
In questa splendida giornata 
E’ nu juorno buono 
stammatina m’a scetat’ o’ sol 
l’addore ro’ cafè 
o’ stereo ppe’ canzone 
a quanto tiemp’ cca nun stev’ accussì 
ogni cosa accumenc’ pecchè poi adda frnì 
ma nun me manca nient’ 
stamattin nu me manca nient 
abbraccia a’ Gabriellin 
s’addorm n’copp o’ piett’ 
nun sap’ re problem 
nun sap’ e chisti schem 
nun sape che a vita ra o dolce e poi t’avvelen 
Nu bac’ a’ mamma mij 
a’ già fernut e’ fà e serviz’ 
a’ principess rint’ a miseria 
ha mis o’ munn stu scugnizz 
m’ha mparat’ a piccolin 
ca’ nu suonn’ se realizz’ 
te cancellass’ tutte e’ rughe 
e tutte e cose trist’ 
Dimentica di andare fuori per lavoro 
Le nuove aziende fioriranno nel tuo territorio 
Dimentica le banche, li presteremo noi a loro 
Zero padrone, gli ruberemo il trono 
Non c’è la fila allo sportello (e comm’è) 
Se tifi un’altra squadra 
Sei lo stesso mio fratello 
Fate l'amore 
Invece di impugnare quel coltello 
La violenza è stata sempre il metodo di chi non ha cervello 
Tagliate quella linea che divide nord e sud 
Guardo il cielo per cercare chi purtroppo non c’è più 
E’ un giorno nuovo anche per loro 
E son sicuro che un sorriso l’ho strappato 
Pure a voi lassù 
E’ nu juorno buono 
stammatina m’a scetat’ o’ sol 
l’addore ro’ cafè 
o’ stereo ppe’ canzone 
a quanto tiemp’ cca nun stev’ accussì 
ogni cosa accumenc’ pecchè poi adda frnì 
ma nun me manca nient’ 
stamattin nu me manca nient 
abbraccia a’ Gabriellin 
s’addorm n’copp o’ piett’ 
nun sap’ re problem 
nun sap’ e chisti schem 
nun sape che a vita ra o dolce e poi t’avvelen 
E' nu juorno buono.. 
E' nu juorno buono.. 
E' nu juorno buono.. 
E' nu juorno buono.. 
E’ nu juorno buono 
stammatina m’a scetat’ o’ sol 
l’addore ro’ cafè 
o’ stereo ppe’ canzone 
a quanto tiemp’ cca nun stev’ accussì 
ogni cosa accumenc’ pecchè poi adda frnì 
ma nun me manca nient’ 
stamattin nu me manca nient 
abbraccia a’ Gabriellin 
s’addorm n’copp o’ piett’ 
nun sap’ re problem 
nun sap’ e chisti schem 
nun sape che a vita ra o dolce e poi t’avvelen 
Questo posto non deve morire 
La mia gente non deve partire 
Il mio accento si deve sentire 
a mio zio che si scet a matina 
a Gennar ca avut o criaturo 
a pisciaiuoli ai fruttaioli 
pe tutta a gent ro rione
RENZO RUBINO - ORA

Se solo si potessero inventare le stelle
Nelle gallerie indifferenti delle metro
Smetterei di aver paura di correre
Per andare chissà dove
Ogni volta che mi specchierò
E guarderò lontano
Incrocerò lo sguardo sognante di un bambino
Vorrei dirgli tutto ciò è niente
Lascia perdere
Sognare non aiuta
Ho visto il frantumarsi di ogni cosa
Soprattutto il desiderio di morderle le labbra
Dopo una carezza sbagliata
Di una vita azzardata
Sospeso sulla corda
Ora che stai pensando
Fermati e datti un voto
Tremano le gambe sto cadendo
Vorrei svegliarmi a mezzogiorno
Di una vita senza fretta
Ora che stai pensando
Fermati e datti un voto
Paura di non essere il migliore
Paura di non fare
Paura di partire
Perché partire è scappare
Potrei concedermi un momento per riposare
Io voglio sentirmi libero di contemplare il mare
Ti prego solo per stanotte resta con me
Io non mi so concedere
Ma la più grande colpa sarà sentirmi in colpa
Potrei singhiozzare tirare calci o morire
Deve restare tutto uguale
Anche se uguale per me è impazzire
Ora che stai impazzendo
Fermati e datti un volto
Affondo lentamente e non me ne accorgo
Distrattamente sta finendo
La mia vita senza bellezza
Ora che stai pensando
Fermati e datti un voto
Ora che stai pensando
Fermati e datti un voto
Ora che stai reagendo
Fermati e datti un voto un voto
[un voto un voto un volto]
RAPHAEL GUALAZZI - LIBERI O NO

 

Liberi o no
Liberi o no
Liberi o no
Liberi o no
Come vorrei sentirti viva in un’immagine
Un’alba limpida vivrei
Come potrei restare in questa terra immobile
Il suono vive dentro me
E come un brivido
Ti prende e ti trasforma
Il mondo libero
Si accende fino all’ombra
Come un brivido
Che cambia e si trasforma
Un mondo libero
Splende in noi
Dove sarei
Se l’orizzonte fosse un argine
Un’onda libera vorrei
La terra gira intorno
E segue le sue regole
Mentre io giro intorno a te
Libero
Il mondo si trasforma
E con un brivido
Si accende fino all’ombra
Che cambia e si trasforma
Un mondo libero
Splende in noi
Dimmi siamo liberi o no
Dalle favole
Siamo liberi o no
Dalle parabole
Liberi o no
Dalle prediche
Siamo liberi o no
Dalle polemiche
Liberi o no
Dall’abitudine
Liberi o no
Dal convenevole
Liberi o no
Dal controllabile
Liberi o no
Dal prevedibile
Liberi o no
Io voglio credere
Liberi o no
Nell’impossibile
Liberi o no
Sfiorare l’anima
Liberi o no
Amarti e perdermi
Libero
Il mondo si trasforma
Con un brivido
Si accende fino all’ombra
Il mondo è libero
Un sogno ci trasforma
E questo brivido
Siamo noi  

 

ULTIME NEWS