Donna Moderna
FocusJunior.it > News > Erica, il robot giapponese che presenterà il Tg in tv

Erica, il robot giapponese che presenterà il Tg in tv

Stampa

Si chiama Erica, è un robot ma sembra proprio una ragazza vera. Almeno così dicono: secondo voi?

Erica è un umanoide, cioè un robot. Ha le sembianze di una ragazza di 23 anni ed è stata progettata dal professore Hiroshi Ishiguro, direttore dei Laboratorio di intelligenza robotica all'università di Osaka.

Ad aprile, per la prima volta, comincerà a lavorare presentando le notizie in un telegiornale.

 

Non è il primo umanoide a essere creato, ma è uno di quelli che più si avvicina all'essere umano, grazie alla tecnologia: utilizza 14 sensori a infrarossi e una tecnologia a riconoscimento facciale con cui riconosce l'identità delle persone in una stanza e riesce a capire da dove proviene una domanda. Inoltre ha un sistema vocale artificiale tra i più avanzati del mondo che rende la sua voce naturale e reale.

Lo sono anche le movenze del suo corpo:  Erica può muovere i lineamenti del viso, il collo, le spalle e la vita in modo indipendente consentendole di simulare un'autonomia pari a quella umana. Una delle poche cose che ancora non è in grado di fare è... muovere le braccia. Ma in tv, dove debutterà, probabilmente questo suo difetto non si noterà.

La cosa più strana però è che l'intelligenza artificiale con cui Erica è programmata le permetterebbe di imparare e assimilare non solo nozioni ma anche emozioni come le compassione.

L'obiettivo dei ricercatori giapponesi infatti è quello di ottenere un robot in grado di decidere, agire e fare tutto completamente da solo. Erica risponde agli stimoli che le si propongono, come tutti noi.

 

 

Precedenti

Nel 2015 Microsoft ha creato il primo robot per TV,  Xiaoice, che ha presentato le notizie della mattina in una tg cinese, in diretta.

Xiaoice ha analizzato i dati meteorologici mentre trasmetteva dal vivo. 

 

 

 

Nell'ottobre 2017, un robot di nome Sophia ha ottenuto la cittadinanza in Arabia Saudita dopo aver impressionato i giornalisti con le sue risposte a semplici domande di intervista in una conferenza tecnologica a Riyadh.