Donna Moderna
FocusJunior.it > News > Curiosità sulle Olimpiadi: fatti strani ma veri

Curiosità sulle Olimpiadi: fatti strani ma veri

Stampa
Curiosità sulle Olimpiadi: fatti strani ma veri

Lo sapevi che a causa di un limone un atleta perse la sua occasione? E... che c'era un'atleta che in realtà, era un atleta? E che un prosciutto ci ha messo lo zampino...? Cinque fatti strani ma veri accaduti alle Olimpiadi!

Cinque fatti davvero fuori di testa sulle OLIMPIADI! Scopri quali sono

 

1) Tutta colpa di un limone...

 

Nel 1952, durante una maratona, gli atleti Zatopek e Jansson si ritrovarono entrambi in testa alla corsa. Al ventitreismo km venne dato loro mezzo limone. Zatopek consigliò a Jansson di non mangiarlo perché gli avrebbe fatto male. Lo svedese non seguì il consiglio e si mangiò il limone . Dopo soli 500 metri , ebbe un malore e abbandonò la gara. E la vittoria andò al cecoslovacco.

 

2) Ha vinto! Ma era un lui...

 

Nel 1964 nel quartetto polacco che disputava la staffetta 4x100 c'era un'atleta particolarmente brava che portò la squadra alla vittoria: si chiamava Eva Klobukowska. Tre anni dopo, esami clinici, dimostrarono che la Klobukowska era in realtà un uomo: fu ovviamente squalificata o meglio... squalificato.

 

3) Tutta colpa di un prosciutto!

 

Nel 1980, la squadra italiana di tiro a volo fu controllata come di rito all'arrivo al villaggio olimpico. Uno dei cani del servizio antidroga si mise ad abbaiare contro la valigia dell'atleta emiliano Garagnani. Caos totale, fino a quando fu scoperto il contenuto della valigia: un bel prosciutto!

 

4) Al traguardo insieme al padre

 

A Barcellona, nel 1992, durante la semifinale dei 400 metri piani, il britannico Derek Redmond si ruppe il tendine d’Achille (come gli era già successo a Seoul) e scoppiò a piangere in pista. Il padre allora gli si avvicinò e lo accompagnò mano nella mano fino al traguardo.

 

5) Correre con sandaletti di gomma

 

Nel 1996 sei atleti delle Isole Comore corsero la mezzofondo con dei sandaletti di gomma: non avevano i soldi per permettersi delle vere scarpe da corsa. Un volontario dei Giochi se ne accorse e rovistando nel magazzino degli attrezzi, riuscì a trovare 6 paia di scarpe chiodate e gliene fece dono.

Leggi anche la nostra guida sulle Olimpiadi 2016! 

ULTIME NEWS