Donna Moderna
FocusJunior.it > News > 15 incredibili curiosità su Stranger Things

15 incredibili curiosità su Stranger Things

Stampa

Tutto quello che (forse) non sapete su una delle serie "da brivido" più amate del momento!

Il 4 luglio uscirà la terza stagione di Stranger Things, la serie evento che nell'anno del suo esordio, avvenuto nel 2016, ha mietuto un incredibile successo di critica e di pubblico.

TRAMA (NO SPOILER!)

Teatro dell'intera storia, è la cittadina americana di Hawkins, nell'Indiana, dove a partire dal 1983 un gruppo di giovani nerd - Mike, Will, Lucas e Dustin - incontrano Eleven (Undici nella versione italiana), una ragazzina fuggita da un laboratorio segreto e dotata di strani poteri mentali.

Questa strana compagnia, insieme ad altri abitanti della cittadina (Joyce, la madre di Will, lo sceriffo Hopper, Nancy, Jonathan, Steve, e, dalla seconda stagione, la vivace Maxine) dovrà fare i conti con terribili creature provenienti da un'altra dimensione, il Sottosopra. 

La serie si è distinta per un ritmo incalzante, colpi di scena a non finire, e una valanga di riferimenti alla cultura pop degli anni '80, dalle musiche alle citazioni di Star Wars.

TUTTE LE CURIOSITÀ SU STRANGER THINGS

Come ogni prodotto di successo, anche Stranger Things ha attirato su di sé il morboso interesse dei fan. Eccovi dunque alcune chicche che probabilmente non conoscete!

1 - I personaggi della serie sono amatissimi dal pubblico. E non poteva essere altrimenti visto che - almeno per i ruoli dei giovani protagonisti - sono stati provinati ben 906 ragazzi e 307 ragazze. Alla fine sono stati scelti Millie Bobby Brow (Undici) Finn Wolfhard (Will), Gaten Matarazzo (Dustin), Caleb (Lucas) e Noah Schnapp (Will)

2 - Stranger Things è infarcita di richiami a film (soprattutto di fantascienza), canzoni e fumetti degli anni '80. per questo tutti gli attori più giovani sono stati obbligati a guardarsi tutti classici di quel periodo, in modo da potersi immergersi appieno nelle atmosfere dei tempi.

3 - Gli ideatori della serie, i fratelli Matt e Ross Duffer, sono grandi ammiratori di Steven Spielberg e infatti non solo molti meccanismi e scelte narrative sono un chiaro omaggio alle pellicole più famose del regista (come E.T. l'Extraterrestre), ma al momento del casting i fratelli Duffer hanno voluto che gli aspiranti attori recitassero parti del film cult di Spielberg Stand by Me - Ricordo di un'estate.

4 - Il Demogorgone, il mostro proveniente dal Sottospora non è solo una creazione del computer: il movimento è dato da un attore, Mark Steger, che per ogni ripresa deve indossare uno speciale costume che riprende le fattezze della terrificante creatura.
P.S: si vocifera che il Demogorgone possa essere introdotto come personaggio nei prossimi aggiornamenti di Fortnite. Chissà...

5 - Charlie Heaton e Natalia Dyer, gli attori che interpretano Jonathan e Nancy, nella vita reale stanno insieme per davvero!

6 - Nella prima stagione Millie Bobby  Brown ha dovuto rasarsi i capelli per assumere l'aspetto malconcio di Undici. All'inizio però la giovane attrice era molto nervosa all'idea di sottoporsi ad un taglio così drastico. Fu convinta dai Duffer che le mostrarono il film Mad Max, dove la bellissima Charlize Theron riesce a mantenere tutto il suo fascino e carisma nonostante i capelli cortissimi.

7 - Uno dei personaggi più simpatici è Dustin, interpretato da Gaten Matarazzo. Come il suo personaggio, anche Gaten soffre di disostosi cleidocranica, una malattia che limita lo sviluppo osseo e che gli ha causato la mancanza dei denti davanti. Nelle apparizioni in pubblico dunque Gaten indossa una speciale protesi, ma questo non significa che si vergogni della sua condizione. Anzi è molto impegnato nel sensibilizzare le persone e metterle a conoscenza della necessità di investire sulla ricerca per trattare al meglio questa patologia.

8 - La città di Hawkins non esiste. Le riprese sono state effettuate in Georgia. La scuola è la High School Patrick Henry a Stockbridge, il laboratorio da cui è scappata Undici non è altro che un'ala del Campus Briarcliff dell'Università Emory di Atlanta, mentre le scene nei boschi sono state girate nel Georgia International Horse Park e nello Stone Mountain Park di Atlanta.

9 - La serie si avvale delle più moderne tecnologie cinematografiche ma per restituire sullo schermo l'effetto visivo vintage, con quella grana tipica dei film anni '80, sono stati aggiunti dei filtri granulari per "invecchiare" la ripresa.

10 - Durante la prima stagione, bambini sul set erano seriamente spaventati da alcune scene con il Demogorgone e così i membri della troupe raccontarono loro che il mostro altro non era che uno delle tante creature del fil Disney Pixar Monster & Co.

11 - Il gioco con cui s'intrattengono gli Finn, Lucas, Will e Dustin all'inizio della serie - è Dungeons and Dragons, il "padre" di tutti i giochi di ruolo fantasy. Si tratta di un gioco da tavolo in cui personaggi fantastici (orchi, elfi, nani ecc..) si muovono all'interno di un mondo inventato dal narratore e le cui dinamiche sono decise da casualità (il tiro dei dadi) e strategie degli stessi giocatori.

12 - L'idea di Stranger Things fu rifiutata 14 volte prima di essere realizzata. Nessun produttore si fidava di un prodotto che faceva leva su un cast così giovane.

13 - I nomi delle amiche Barb e Nancy sono ispirati a quelli due grandi First Ladies (entrambe Repubblicane) del passato, Barbara Bush e Nancy Reagan.

14 - Per girare la scena in cui Undici s'immerge nella vasca di deprivazione sensoriale per potersi concentrare al punto di entrare in contatto con il Sottosopra sono stati usati 90 kg di sale per permetter al corpo di Millie di galleggiare.

15 - Una volta, mentre si stava girando una scena piuttosto concitata all'interno di un bus scolastico, le riprese vennero interrotte da un singolare incidente: uno dei ragazzi aveva fatto una puzzetta e si dovette aspettare che l'aria all'interno del mezzo tornasse "respirabile"!

ULTIME NEWS
FJ LAB: la pallina scomparsa
Condividi
Crea una mascherina senza cuciture
Condividi
Che cos’è la Costituzione?
Condividi
FJ Lab: il trucco del bicchiere bucato
Condividi