Nostro Figlio

FocusJunior.it

FocusJunior.itScuolaStoriaCos’è il Hijiab e altri vestiti nel mondo

Cos’è il Hijiab e altri vestiti nel mondo

Stampa

Il hijiab è il velo musulmano che le donne devono indossare in tanti paesi arabi ma è anche un simbolo delle proteste in Iran a favore della libertà.

In Iran donne e ragazze scendono in piazza per togliersi lo hijiab, il velo musulmano e protestare contro le punizioni estreme che la polizia morale, istituita dal governo, applica a chi non lo indossa nella maniera corretta.

In arabo Hijiab, significa "muro di separazione", perché nasconde l'aspetto di una donna alla vista degli altri.

Di solito, i copricapi e i vestiti tradizionali sono un segno positivo della cultura di appartenenza, come succede in tante altre nazioni, ma quando diventano un obbligo morale o religioso, il rifiuto di indossarli diventa un simbolo di libertà e l'occasione di unirsi per cambiare il mondo.

Ecco una lista degli abiti più conosciuti.

Jilbab

Il Jilbab è indossato da donne musulmane in molti paesi diversi, per devozione religiosa e attivismo politico. A differenza dello hijiab, è una tunica lunga fino alla caviglia. Può essere fatto di un solo pezzo, ma anche di un insieme di indumenti, per esempio tunica e velo.

Si è diffuso dal Medio Oriente con il regime politico islamista, dopo la Rivoluzione iraniana nel 1979.

In Palestina, Giordania e Siria, il jilbab è un lungo soprabito che si abbottona sul davanti ed è indossato con un foulard chiamato khimar .

I colori dell'abito sono diversi, ma di solito prevale il nero, che simboleggia sia il lutto per i martiri che la lotta politica. Silvia Romano indossava un jilbab verde, simbolo del Paradiso nella cultura islamica.

Burka

Il burka è un ampio e lungo velo islamico di un solo pezzo, che copre il viso e il corpo, con un'unica apertura all'altezza degli occhi. Spesso anche questo è coperto da una griglia di stoffa che consente di vedere all'esterno. È indossato, in alcuni paesi, dalle donne islamiche quando escono di casa.

Sari

Un capo composto da diversi metri di tessuto leggero drappeggiato in modo che un'estremità formi una gonna e l'altra un coprispalle o un velo. È uno degli abiti più usati dalle donne di India, Bangladesh, Nepal e Sri Lanka. Si tratta di un lunga striscia di stoffa lunga dai quattro ai nove metri. Esistono diversi stili in cui si può avvolgere un sari e variano da regione a ragione.

Nel modo più diffuso, bisogna avvolgerlo intorno alla vita e drappeggiare l'altra estremità sopra la spalla, scoprendo la parte centrale. Sotto il sari quindi, si indossa un abito o una camicetta leggera (chori).

Caftano

Kaftan è una parola che descrive un abito lungo, ampio e fluido con maniche ampie.

Nelle antiche culture mediorientali e africane, il caftano veniva tradizionalmente indossato dagli uomini sopra i loro altri abiti, come un cappotto. I primi caftani erano fatti di seta, cotone, lana o cashemere. A volte venivano indossati con una cintura o una fascia. Oggi, sono diffusi in tutto il medio oriente, per esempio Turchia o Egitto, ma anche in Occidente.

La storia fa risalire l’utilizzo del caftano o kaftano addirittura al 600 a.c. I primi caftani si diffusero in Persia per poi divenire la veste dei sultani.

Kimono

Deriva dalle parole ki ("usura") e mono ("cosa"), il kimono è un capo tradizionale giapponese.

Sono in genere cuciti a mano a forma di "T" da 4 pezzi singoli di tessuto chiamati abbronzature  e legati con un obi o cintura. È legato in vita con la cintura Obi, che può essere lunga più di 3,5 m. Il kimono era decorato con lo stemma della famiglia di chi lo indossava.

I kimono sono realizzati con vari tessuti fatti come lino, seta e canapa. Sono cuciti e decorati a mano. Tradizionalmente, questi includono lino, seta e canapa.

Poncho

Un capo di abbigliamento fatto di un unico pezzo, con un foro nel mezzo dove infilare la testa. Oggi è spesso indossato come un impermeabile e viene utilizzato specialmente in Perù, Messico e Bolivia.

Le sue origini però si collocano in Perù: a Paracas, sono state ritrovate una serie di mummie risalenti al 300 a.C. coperte di poncho ricamati. Anticamente erano ricamati con figure di animali, uccelli, sciamani e guerrieri.  Mille anni dopo gli Incas hanno continuato a indossare poncho in lana di alpaca dai colori brillanti e ricamati con disegni geometrici.

ULTIME NEWS