Focus.it

FocusJunior.it

FocusJunior.itNewsLibriConsigli di lettura: libri per parlare a bambini e ragazzi della guerra

Consigli di lettura: libri per parlare a bambini e ragazzi della guerra

Stampa
Consigli di lettura: libri per parlare a bambini e ragazzi della guerra
Shutterstock

Cinque libri per parlare di guerra (e di pace) coi propri alunni: un momento di riflessione importante a un anno dallo scoppio della guerra in Ucraina.

Il tema della guerra non è certo nuovo a scuola, ma è diventato ancora più concreto nell’ultimo anno a causa dell’invasione dell’Ucraina da parte della Russia. Non solo ne parlano giornali e tv, ma se ne discute in casa e sui social. E non ultimo, molti giovani ucraini sono arrivati nelle scuole italiane scappando, con le loro mamme, dai territori bombardati. Affrontare in classe il tema delle guerre può essere complesso, ma è sicuramente importante perché bambini e ragazzi potrebbero cercare risposte e non trovarle così facilmente. Ecco quindi i nostri consigli di lettura per parlare insieme di un tema tanto delicato e toccante.

Libri per parlare della guerra

I libri sulla guerra e sulle sue conseguenze fanno parte della letteratura che ogni studente affronta durante il suo percorso, e a volte accompagnano anche oltre, nell’età adulta. Ma è giusto parlare di conflitti con i bambini e i ragazzi più giovani? Sì, se lo scopo è non escluderli, ma anzi sensibilizzarli al tema e permettere loro non soltanto di capire perché le guerre accadono, ma anche come sono vissute e cosa succede quando ci si ritrova sotto le bombe. Che sia in Ucraina, in Siria o in luoghi, sapere che la guerra fa ancora parte del mondo è importante sia per crescere generazioni di pace, che per sottolineare i valori della democrazia e della diplomazia. Ecco i titoli che vi consigliamo per affrontare questa tematica a partire dai 10 anni, quindi già alla scuola primaria.

Sami in fuga dalla guerra: un adolescente che scappa da Damasco

libro sulla guerra

In questi giorni si torna a parlare di Siria per il terribile terremoto che ha scosso il paese a inizio febbraio 2023: ma è giusto non dimenticare che il popolo siriano è protagonista di un’orribile guerra civile. Sami in fuga dalla guerra, edito da Mondadori e scritto da A. M. Dassu, racconta la vita di un adolescente “qualunque” la cui vita viene sconvolta dalla guerra. A seguito di un bombardamento, la sua famiglia decide di lasciare il paese per andare a vivere in Inghilterra, ma la nuova esistenza di Sami non sarà affatto facile.

Perché leggerlo: I rifugiati e in generale chi fugge da guerre e torture è spesso descritto come l’altro, qualcuno di cui non fidarsi e di cui avere paura. La storia di Sami sensibilizza all’accoglienza, permette di portare in classe il tema della diversità e discriminazione che non è davvero tale, grazie al suo protagonista così simile a qualsiasi altro ragazzo e all’ambientazione contemporanea.

Quando il cielo non fa più paura. Le storie di guerra per raccontare la pace

libro mondadori guerra

Questo libro, edito da Mondadori e scritto da Domenico Quirico, è un’antologia delle parole usate più comunemente per raccontare la guerra. Dieci parole che vengono utilizzate per raccontare e riflettere su cosa sia la guerra, quali siano le conseguenze e perché è importante portare sempre un messaggio di pace.

Perché leggerlo: Domenico Quirico è un reporter di guerra, caposervizio degli Esteri della Stampa, capace di fornire, attraverso le parole, gli strumenti più adatti affinché i ragazzi capiscano che cos’è la guerra e cosa implica, anche quando è molto lontana da noi. Per la prima volta in un libro per ragazze e ragazzi, racconta la guerra con la forza della sua viva testimonianza.

La bambina da oltre il confine: una storia di accoglienza

libro guerra ucraina

La grande Lia Levi, autrice di molti titoli legati al tema della guerra e dell’Olocausto, affronta con questo libro edito da Il Battello a Vapore un altro aspetto della guerra, molto attuale: quello dell’accoglienza. Nel paese di Iryna è scoppiata la guerra, e i suoi genitori la convincono a lasciare il paese per trasferirsi dalla nonna, che fa la badante in Italia. La piccola sarà accolta dalla famiglia che dà lavoro a sua nonna, ma nonostante l’affetto di tante persone preoccupate per lei, Iryna tenterà di scappare per tornare dai suoi genitori. Sarà Adriano, un ragazzino della sua stessa età, a convincerla a restare.

Perché leggerlo: Lia Levi è un punto di riferimento nella letteratura per ragazzi e adulti, in particolare sul tema della guerra. Sarà interessante creare un parallelismo tra la Seconda Guerra Mondiale e quel che accade oggi in Ucraina, e ancor più se in classe, o tra le frequentazioni dei bambini, c’è qualche ucraino/a arrivato in fuga dalla propria terra.

Una guerra ingiusta: 365 giorni in Ucraina

libro guerra ucraina

Mentre cadono i missili, la vita va avanti: questo libro di Stefania Battistini, edito da Piemme, racconta i volti e la quotidianità delle persone che, nonostante questo lungo anno di guerra, hanno continuato ad andare avanti e che non hanno mai smesso di credere nella pace. Proposte di matrimonio, scene di solidarietà, oggetti abbandonati e ancora nonne che comprano mazzetti di fiori. Anche sotto le bombe, le persone cercano di restare umane, di continuare a sperare.

Perché leggerlo: non solo persone in fuga, ma anche altre che decidono di restare, e che ogni giorno coltivano la speranza di tornare alla vita di prima. Spiegare cos’è la guerra nel quotidiano, cosa significa provare a vivere nonostante le bombe, la mancanza di acqua o di luce, la propria casa distrutta e i propri cari ormai lontani, è un modo per far capire ai ragazzi cosa significa, concretamente, vivere durante un conflitto.

La guerra, la pace: i due opposti a confronto

libro sulla guerra

Questo libro edito da Rizzoli, di Valerio Magrelli e con le illustrazioni di Alessandro Sanna, spiega due concetti opposti mettendoli a confronto attraverso parole e immagini. E lo fa in maniera semplice quanto efficace: le scene sono le stesse, cambia soltanto il tempo, e cioè il tempo di guerra e quello di pace.

Perché leggerlo: questo libro illustrato dal pluripremiato artista Sanna e scritto da uno dei poeti italiani più noti, Magrelli, mostra ai ragazzi di capire le differenze tra guerra e pace grazie a un linguaggio semplice ma incisivo. La vita scorre, ma quel che cambia è il tempo in cui la si vive: nonostante la neve cada sempre, non è lo stesso se a cadere sono anche le bombe.

A un anno esatto dall’inizio della guerra in Ucraina, affrontare il tema dei conflitti coi propri studenti è importante per tenere alta l’attenzione e sensibilizzare al concetto di pace. I libri possono essere un veicolo immediato e facilmente fruibile da utilizzare in classe e a casa per spiegare a bambini e ragazzi che cos’è la guerra e quali sono le conseguenze su chi vive in un paese dilaniato dalle bombe.

ULTIME NEWS
SEYO una grande orchestra di giovani
Condividi
Chi ha inventato il telefono?
Condividi
Vincenzo Schettini, il super prof!
Condividi
CATEGORY: 1