Nostro Figlio
FocusJunior.it > News > Come si truccano gli attori nei film

Come si truccano gli attori nei film

Stampa
Come si truccano gli attori nei film
ipa agency

Vi diciamo come si truccano gli attori nei film, ma anche come si truccavano in passato, quando non c'erano gli effetti speciali.

Per iniziare a parlare di come si truccano gli attori nei film, bisogna prima raccontare la storia del trucco, a cominciare dal teatro: è qui infatti che inizia la storia del trucco di scena, quando il cinema non era ancora stato inventato.

COME SI TRUCCANO GLI ATTORI SUL PALCOSCENICO

Sul palcoscenico teatrale, lo spettacolo, e quindi anche gli attori, venivano illuminati con lampade ad olio o torce (grosse candele). Questo creava quindi un'atmosfera di luce soffusa e di penombra. Di conseguenza gli attori, per far si che il pubblico riuscisse a vedere meglio i loro volti e, soprattutto, le loro espressioni facciali, dovevano enfatizzare i tratti somatici, truccandosi con tanto cerone (una crema molto coprente) di colori diversi da quello che .

Finalmente, nei primi anni del 900, comparvero i sistemi di illuminazione a gas, che davano molta più luce rispetto a quelli ad olio. Anche il trucco teatrale cambiò: il cerone colorato lasciò il posto alle sue versioni più leggere e color pelle (gli antenati del moderno fondotinta che si usa oggi per uniformare l'incarnato del viso).

FILM - VIA COL VENTO - GONE WITH THE WIND - FOTO DI SCENA - Clark Gable, Vivien Leigh
Regia di Victor Fleming
Credits: ipa agency

COME SI TRUCCANO GLI ATTORI NEI FILM

Col cinema muto, sorsero problemi diversi per gli attori, che all'epoca si truccavano ancora da soli. La pellicola era in bianco e nero e i colori della realtà venivano trasformati in diverse tonalità di grigi, dal grigio scuro per i colori più caldi (rosso, arancione, giallo) a quelli più chiari o addirittura al bianco per i colori più freddi (blu, verde). In più, grazie ai riflettori, gli attori sudavano tantissimo e il trucco pesante che erano soliti applicare si scioglieva rapidamente, per cui erano costretti a "ritoccare" tutto diverse volte durante le riprese.

Servivano nuove tecniche per far risaltare i tratti del viso. Ci pensarono due artisti del settore: George Westmore. e Max Factor, che nel 1914 creò un trucco studiato apposta per il cinema. Si chiamava Superme Greasepaint, una crema molto più leggera del cerone, che dava un effetti più naturale e smussava i contrasti dati che risultavano sulla pellicola in bianco e nero.

Charles Chaplin, Paulette Goddard, "Modern Times", 1936 United Artists
Credits: ipa agency

Le attrici, ma anche gli attori, usavano rossetti scuri per enfatizzare le  labbra e ombretti scuri e sbavati per dare agli occhi l'effetto drammatico, oltre ai "soliti" mascara, matite.

IL CINEMA A COLORI

A partire dagli anni 1920 fu creata un altro tipo di pellicola, molto più sensibile al colore: le tonalità di grigio risultate sullo schermo aumentarono e fu creato, sempre da Max Factor, il Panchromatic make up, conosciuto anche come pancake. Il pancake è il nonno del moderno fondotinta compatto: non più liquido, non più crema, ma polvere compatta da applicare con spugnetta.

A questo punto il fondotinta si diffuse anche tra le donne che non facevano le attrici.

Dall'invenzione del cinema a colori, il make up si è evoluto come tutte le cose ma non ha più dovuto affrontare cambiamenti imponenti. Oggi si usano prodotti più sicuri per la pelle e testati scientificamente. A evolversi sono stati invece gli effetti speciali, soprattutto nei film horror, almeno fino a quando non hanno inventato l'animazione digitale.

Ma questa è tutta un'altra storia.