Donna Moderna
FocusJunior.it > News > Che cos’è una favola?

Che cos’è una favola?

Stampa
Che cos’è una favola?
pxfuel

Che cos'è una favola? Le favole hanno alcune caratteristiche precise che le distinguono da tutti gli altri racconti.

Lupo che parla, gatto che cammina

I protagonisti delle favole, che siano animali, alberi, fenomeni naturali o giocattoli, il più delle volte sono antropomorfizzati: hanno cioè caratteristiche e abilità umane. Per esempio: il lupo di Cappuccetto rosso che parla;  il Gatto con gli stivali che cammina eretto; gli alberi di Biancaneve che di notte si trasformano in facce mostruose; il burattino Pinocchio che si trasforma in un bambino vero.

La lezione finale

Una favola finisce sempre con una 'morale', che è la lezione insegnata dal racconto (ce ne possono essere diverse, nel corso di tutto il racconto): in Biancaneve i buoni non devono fidarsi troppo degli sconosciuti (e accettare regali come il pettine e la mela avvelenata); in Cenerentola l'onestà e la bontà vengono sempre riconosciute e ricompensate; nella Bella Addormentata nel bosco, il destino è ineluttabile, cioè arriva anche se fai di tutto per evitarlo: la principessa Aurora si punge con il grosso ago anche se i genitori hanno fatto di tutto per nasconderlo. L'amore, però, risolve ogni cosa: grazie a principi innamorati, Aurora e Biancaneve si risvegliano e Cenerentola viene sottratta dalle grinfie delle sorellastre.

Racconti nel tempo

Un'altra caratteristica della favola che la contraddistingue dalle altre storie è che viene raccontata e tramandata nel tempo fino a entrare nella tradizione di un gruppo sociale, come un paese. Può avere dettagli diversi, altri nomi, ma la trama rimane la stessa.

I miti

I racconti mitologici sono simili alle favole: anche i loro personaggi spesso sono antropomorfi e hanno sempre un messaggio. I miti, però, raccontano degli dèi e degli eroi e spesso si ispirano a fatti realmente accaduti e la loro lezione da una spiegazione a fenomeni ritenuti inspiegabili, come il mito di Achille, semi-dio ed eroe della guerra di Troia. L'obiettivo delle favole invece è proporre un comportamento da tenere, come dire sempre la verità, o un ideale da seguire, come la ricerca dell'amore e del rispetto per gli altri.

Chi ha inventato le favole?

Rispondere a questa domanda è difficile: ci sono favole che risalgono all'antica Cina o all'antico Egitto e che venivano tramandate a voce. Storicamente si fa risalire l'origine della favola come la conosciamo oggi, cioè quella tramandata per iscritto, a Esopo, vissuto nell'antica Grecia nel 550 a. C. circa.