Donna Moderna
FocusJunior.it > News > A che cosa serve la bacchetta del direttore d’orchestra?

A che cosa serve la bacchetta del direttore d’orchestra?

Stampa
A che cosa serve la bacchetta del direttore d’orchestra?
Pixabay

Che cos'è quello strano bastoncino che tiene in mano il direttore d'orchestra e che sembra quasi una bacchetta magica?

Vi è mai capitato di ascoltare una musica sinfonica (cioè eseguita da una grande orchestra composta da tanti strumenti diversi) e di muovere istintivamente la mano come se impugnaste una bacchetta e foste voi a dare il ritmo a tutto quanto?

Ma a cosa serve davvero quella bacchetta?

Quel movimento, per noi istintivo è, invece per i direttori d'orchestra frutto di grande lavoro e tante prove. E la bacchetta è proprio quello strumento che i direttori usano per indicare ai musicisti, attraverso movimenti orizzontali e verticali, il tempo e gli attacchi durante l'esecuzione di un'opera, di un concerto o di un qualsiasi pezzo per orchestra.

Sembra quasi una bacchetta magica...

E in effetti un po' lo è perché tenere insieme tanti musicisti diversi è davvero una magia! La sua forma inoltre è proprio quella di un bastoncino e generalmente è di legno leggero, ma può essere anche di fibra di vetro o di carbonio e la sua lunghezza varia tra i 25 e i 60 centimetri.

Il primato per la più grande bacchetta del mondo è di Kenton J. Hetrick, che il 14 ottobre 2006 diresse la Banda dell'Università di Harvard con una bacchetta lunga 3 metri.