Donna Moderna
FocusJunior.it > News > Campionato del mondo di memoria: in Cina trionfa l’italiano Andrea Muzii

Campionato del mondo di memoria: in Cina trionfa l’italiano Andrea Muzii

Stampa
Campionato del mondo di memoria: in Cina trionfa l’italiano Andrea Muzii
Ipa-Agency

Lo studente di Medicina ha 20 anni e una memoria prodigiosa. Il suo segreto? Solo questione di allenamento...

È giovane, ha da poco iniziato l'Università ed è il fresco vincitore del Campionato del mondo di memoria tenutosi questo weekend a Zhuhai, in Cina. Il suo nome? Andrea Muzii, un ventenne romano che nel torneo di abilità mnemoniche ha sbaragliato gli avversari con un grandioso bottino di 8.170 punti.

Sul podio insieme al campioncino italiano, piuttosto staccati nel punteggio, i mongoli Purevjav Erdenesaikhan (secondo) e Lkhagvadotj Batbayar (terzo).

UN TORNEO DOMINATO

Il campionato del mondo di memoria è un torneo che viene scandito da dieci prove differenti come la memorizzazione, in diverse modalità, di lunghissime sequenze numeriche, carte da gioco o immagini.

Affrontando queste discipline, solamente nel corso di questa edizione, Andrea ha infranto tre record mondiali riuscendo, tra le altre cose, a ricordare alla perfezione 1829 carte da gioco in mezzora di tempo. Un risultato straordinario, soprattutto se si pensa che la sua avventura in competizioni di questo tipo è iniziata poco più di un anno fa!

ALLENARSI A RICORDARE

Prima di cimentarsi in tornei di questo livello infatti Andrea era un appassionato di cubi di Rubik e si era avvicinato alle tecniche mnemoniche quando studiava ancora alle superiori proprio per migliorare nella soluzione del cubo da bendato. All'inizio si trattava di guardare qualche tutorial su YouTube, ma poi la questione lo ha appassionato ed è ha iniziato a divorare libri sull'argomento, allenandosi costantemente ogni giorno, anche se per pochi minuti, visto l'impegno scolastico.

«Finita la maturità quei 5 minuti al giorno non mi bastavano più, ne facevano una reale differenza - spiega sul suo sitoho iniziato allora ad approfondire sempre di più leggendo una decina di libri sulle tecniche e studiando il più possibile da Internet, in particolare dai forum dei memory athletes. Così ho iniziato anche a fare qualche prova con le carte aumentando il mio allenamento quotidiano da 5 a 15 minuti al giorno [...] Il vero allenamento inizia solo nel Dicembre 2018: si erano da poco tenuti i campionati italiani di speedcubing mentre a Marzo ci sarebbe stata la mia prima gara di memoria, i campionati italiani. Così decisi di mettere da parte lo speedcubing per qualche mese per allenarmi nei Memory Sports. Da qui in poi la passione è cresciuta sempre di più e con essa le ore di allenamento giornaliere».

Ed è proprio l'allenamento il segreto di Andre per mantenere il cervello pronto e "scattante": il campione di memoria si esercita ogni giorno dai 30 minuti alle tre ore ogni giorno, a seconda degli impegni universitari, dove comunque la sua abilità prodigiosa può aiutarlo non poco nell'apprendimento. E ne ha bisogno visto che a Facoltà che ha scelto, Medicina, è davvero tosta!

Visualizza questo post su Instagram

 

New European memory champion and 2nd in the official world ranking!🏆🇮🇹

Un post condiviso da Andrea Muzii (@muziiandrea) in data:

Il post che Andrea Muzii ha pubblicato sul suo profilo Instagram

LE TECNICHE DI MEMORIZZAZIONE

Per mandare a memoria tutte quelle informazioni Andrea, come tutti i memory athletes, ha sviluppato diversi approccio, anche se i metodi di base per "immagazzinare" mentalmente numeri, immagini e simboli sono più o meno sempre le stesse, dalla Tecnica dei Loci (o Palazzo Mentale) alla Conversione Fonetica, conosciuta anche come Major Mnemonic System, che consiste nel convertire i numeri in consonanti e, aggiungendo delle vocali, trasformarle in parole da ricordare con maggiore facilità rispetto a infinite stringhe di cifre.