Donna Moderna
FocusJunior.it > News > Bimbo di 10 anni corregge il Museo di Storia Naturale di Londra!

Bimbo di 10 anni corregge il Museo di Storia Naturale di Londra!

Stampa
Bimbo di 10 anni corregge il Museo di Storia Naturale di Londra!

Il piccolo Charlie è stato l'unico ad accorgersi di un grossolano errore riguardante una didascalia di una mostra di dinosauri. Al Museo, uno dei più famosi del mondo, non è rimasto altro che ammettere il disguido

Al Museo di Storia Naturale di Londra, uno dei più antichi e autorevoli del mondo, non capita tutti i giorni di venire corretto. Questa volta però è successo e a far notare l'errore è stato un bambino che deve ancora finire le elementari!

 

Il protagonista della storia è Charlie, un bimbo inglese di 10 anni affetto dalla Sindrome di Asperger, un disturbo che tra gli altri sintomi porta i soggetti che ne soffrono a nutrire vere e proprie manie nei confronti di ciò che più li appassiona.

Caccia all'errore!

La mania di Charlie è il mondo dei dinosauri - «Sa tutto su di loro» ha dichiarato la madre - e quando i suoi genitori lo hanno al Natural History Museum per partecipare ad una speciale "caccia ai dinosauri" notturna, mentre tutti gli altri bambini partecipavano alle attività, il piccolo si era soffermato ad ammirare le teche e le varie animazioni dei mostri preistorici. Ed è lì che Charlie si è accorto che qualcosa non andava!

«Ho trovato un'illustrazione che comparava alcuni dinosauri e ho visto che la didascalia diceva "Oviraptor" - ha raccontato lo stesso Charlie - ma la forma del dinosauro raffigurato era sbagliata e così l'abbiamo detto ai membri dello staff».

 

All'inizio sia i genitori di Charlie che gli addetti di Sala erano convinti che il piccolo fosse nel torto (figurati se il Museo sbaglia una roba del genere!), ma dopo un rapido controllo ci si è accorti che effettivamente il contorno del dinosauro raffigurato non era affatto l'agile e bipede Oviraptor (vedi foto ci copertina), ma un ben più tozzo Protoceratopo!

Nessuno se ne era accorto...tranne Charlie!

La Direzione del Museo ha subito fatto correggere l'errore e ha ringraziato pubblicamente Charlie per la sua tempestiva segnalazione!