Donna Moderna
FocusJunior.it > News > Bikini e costumi da bagno nella storia: che strani!

Bikini e costumi da bagno nella storia: che strani!

Stampa
Bikini e costumi da bagno nella storia: che strani!

Com'erano i costumi ai tempi di nostri nonni? Di sicuro erano strani e a volte divertenti. 

Tra le cose che diamo per scontate ci sono i costumi da bagno: due pezzi, intero, con i volant, i glitter... ma c'è stato un tempo in cui non esistevano, e si faceva il bagno vestiti. Ma allora quando sono comparsi i primi costumi?

 

Ferrovie = gita al mare = costume da bagno.
Il bikini, o il due pezzi, che usiamo oggi è stato inventato intorno al 1950, cioè quando nascevano le nostre nonne, ma il costume da bagno esisteva già da almeno 100 anni, cioè da quando le persone hanno iniziato ad andare al mare per farsi il bagno.

 

L'"invenzione" delle ferrovie infatti rese accessibile a tutti i posti di mare, grazie al treno; da allora gli esperti di moda cominciarono a diffondere un indumento nuovo: il costume per fare il bagno.

Prima di allora le signore si bagnavano completamente vestite, un po' per pudore, un po' per non bruciare la pelle; si aggiungevano pesi sull'orlo delle gonne per evitare che l'acqua, facendo galleggiare la gonna, scoprisse le gambe.

I primi costumi da bagno

Con la diffusione dei primi costumi da bagno, comparirono anche delle "macchine da bagno", tipo delle cabine su ruote in cui salivano, vestite, le signore. Una volta entrate, un cavallo trasportava la cabina in acqua alta, mentre dentro le signore si cambiavano indossando i costumi. Così, lontane da sguardi indiscreti (degli uomini), le signore potevano uscire per fare il bagno, in costume.

Alla fine dell'ottocento però si diffusero gli stabilimenti separati: per donne e per uomini e il costume cambiò, diventando meno "vestito" e più costume. In ogni caso, tutti i modelli erano accompagnati da lunghe calze, pantofole da mare e cappellini.

Nel 1907 la nuotatrice professionista Annette Kellerman, fu arrestata per aver indossato un costume considerato "indecente". Da allora però i costumi cambiarono, diventando sempre più ridotti e più aderenti, 

Nuovo tessuto

Nel 1930 compaiono i primi costumi aderenti in lastex, un nuovo tessuto elastico per cui tutti i vip e gli attori andavano pazzi: contribuirono così alla diffusione di questo tipo di costume. 

Il primo costume a due pezzi

Il primo due pezzi compare però nel 1946: lo stilista Jacques Heim, vedendo le donne tirarsi giù spalline e alzare i pantaloncini per abbronzarsi meglio, inventò questo tipo di costume più scoprente, e lo chiamò Atome in onore dell'atomo scoperto di recente.

Nello stesso anno, qualche mese dopo, nasce il bikini: lo inventò Louis Reard e lo chiamò così in onore dell'atollo Bikini, in cui vennero eseguite delle prime prove per la bomba atomica, sperando che anche la sua invenzione "esplodesse" nel mondo della moda.

 

Ti sono piaciuti? Guarda altri costumi "strani"in questa fotogallery:

ULTIME NEWS
Natale: 10 libri indimenticabili
Condividi
Come si fa a diventare agente segreto
Condividi
Chi sono le spie nella realtà
Condividi