Donna Moderna
FocusJunior.it > Giochi > All’aria aperta: i 10 migliori giochi di una volta

All’aria aperta: i 10 migliori giochi di una volta

Stampa
All’aria aperta: i 10 migliori giochi di una volta
Shutterstock

Ecco migliori giochi di una volta da praticare all'aria aperta per divertirsi tantissimo in compagnia dei nostri amici

Ehi, amici, provate a chiedere ai vostri nonni e ai vostri zii, o magari anche ai vostri genitori, quanto si divertivano all’aria aperta con dei giochi semplicissimi da organizzare! Era una meraviglia, sapete? Bene, allora andiamo a vedere 10 giochi con cui potrete divertirvi tantissimo con le vostre amiche e i vostri amici, grazie ai quali potrete respirare aria pura all’aperto (perché lo sappiamo, sapete?, che state un po’ troppo davanti alla Tv e ai videogiochi…) e liberare la vostra mente alla fantasia bruciando calorie e socializzando. Andiamo!

GIOCHI ALL'ARIA APERTA: LA CARRIOLA

Ecco la carriola! Non avete bisogno di alcun attrezzo, ma solo dei vostri corpi, della vostra forza e tanta energia! Dove lo potete praticare? Ovunque in uno spazio aperto, anche in spiaggia (ed è più difficile e divertente!). In quanti? Tutti quelli che volete!

Tracciate per terra due linee, una all’inizio (la partenza) e uno alla fine (l’arrivo). Ogni squadra è formata da una coppia: uno è il pilota, l’altro la carriola. Il pilota, in piedi, deve prendere la carriola per le gambe e tirarle in alto, mentre la carriola dovrà avanzare con le braccia mentre il pilota lo spinge.

Ah, una cosa: se il vostro amico pesa il doppio di voi, che non vi prenda l’idea di fare i piloti! Il pilota lo fa chi ha più forza o chi pesa di più, sia chiaro! Vince chi arriva prima di tutti (si taglia il traguardo solo quando anche il pilota ha superato la linea). Ah, un consiglio: il pilota non spinga troppo più velocemente della carriola, altrimenti quest’ultimo rotola per terra! Se fate il gioco con andata e ritorno, al superare la linea di andata dovrete scambiarvi di posto: la carriola diventa pilota e viceversa.

GIOCHI ALL'ARIA APERTA: LA CAVALLINA

Anche in questo caso, non serve nessun attrezzo a parte i vostri corpi! Questo è un gioco di agilità che si pratica almeno da 500 anni in tutto il mondo!

Chi partecipa si mette in fila, distanti qualche metro l’uno dall’altro. Tranne l’ultimo della fila, tutti gli altri si mettono nella posizione della “cavallina”, ossia con la schiena piegata in avanti, le mani poggiate sulle ginocchia e le gambe salde e leggermente divaricate. Ecco allora che parte l’ultimo della fila in rincorsa, salta i compagni con le mani poggiate sulla schiena di ciascuno e allargando le gambe. Quando li ha saltati tutti, si ferma in cima alla fila e si mette a sua volta nella posizione della cavallina, e a partire sarà il compagno diventato ultimo nella fila. E così via.

Chi vince? Se i giocatori sono pochi, è difficile dire chi vince e chi perde. Ma se si fa a squadre, su due file, allora le cose cambiano...Ma per questo bisogna essere almeno in 10, cinque per squadra.

GIOCHI ALL'ARIA APERTA: IL GIOCO DEI TAPPI

Prendete dei tappi a corona e tirateli come fate con le biglie. Molto semplicemente, vince chi arriva più lontano. Oppure c’è il gioco dei tappi a carambola: si tira da due punti distanti, prima uno e poi l’altro. Ogni giocatore deve colpire con il proprio tappo quello dell’avversario. Vince chi colpisce più volte il tappo dell’avversario.

GIOCHI ALL'ARIA APERTA: I CINQUE NOCCIOLI

Questo è un gioco da praticare all'aria aperta che esisteva già nell’antica Grecia, oltre 2.000 anni fa! Con una sola differenza non da poco: al posto dei noccioli, i bambini usavano gli astragali, ossia le ossa del tarso posteriore di capre o montoni! Be’, noi ovviamente usiamo i noccioli, magari di pesca, o se preferite anche dei piccoli sassi.

Prendete 5 noccioli e dipingete ognuno (con qualsiasi cosa, penna, pennarello o quello che volete) su un solo lato: 4 di blu e 1 di rosso. Non ci sono limiti di partecipanti. Ciascun giocatore deve lanciare in aria tutti e 5 i noccioli, riprenderli al volo con il palmo della mano e gettarli subito a terra. Quelli che non sono stati presi al volo e sono caduti non contano nel punteggio; quelli presi al volo e gettati a terra, invece, sì. Come? I noccioli che gettati a terra mostrano la parte colorata di blu, valgono un punto ciascuno, mentre quelli che mostrano la parte colorata di rosso valgono 2 punti ciascuno. Vince il giocatore che arriva per primo a 21 punti!

GIOCHI ALL'ARIA APERTA: TOCCAFERRO

Via, facciamo la conta: uno dice un numero e vediamo a chi tocca! Il giocatore scelto nella conta, deve gridare “tocca ferro!” e si deve lanciare all’inseguimento degli altri concorrenti, che a loro volta corrono in cerca di oggetti di ferro da toccare. Non vale toccare qualcosa di ferro che sia addosso ad uno dei concorrenti. Il giocatore scelto nella conta può catturare (toccandoli) solo coloro che non hanno toccato ferro, mentre chi l’ha toccato non può essere catturato. Il primo che viene catturato va al posto del giocatore scelto nell’iniziale conta. E così via. Se il giocatore che deve catturare gli altri non riesce a prendere nessuno, viene sottoposto ad una penitenza decisa da tutti i concorrenti.

GIOCHI ALL'ARIA APERTA: CERCHIO

Questo è un gioco che era praticato addirittura dagli antichi Egizi e soprattutto dai Greci, che lo chiamavano trochus. Bisogna procurarsi dei cerchi di metallo (magari ricavati dai cerchioni di biciclette che non servono più), oppure semplicemente dei cerchi. Poi prendete una bacchetta: di metallo, di legno o di plastica. Si lancia il cerchio con la mano e poi si rincorre spingendolo solo con la bacchetta e cercando di farlo andare il più veloce possibile fino al traguardo che avrete deciso tutti insieme.

Ah, una cosa: questo è un gioco che va fatto all'aria aperta, in strade in cui non possono transitare moto e auto oppure nei parchi. Prima lo si praticava anche usando le gomme delle auto!

GIOCHI ALL'ARIA APERTA: LA CORSA CON L’UOVO

L’occorrente: un cucchiaio e un uovo per ciascun partecipante. Va stabilita una partenza e un arrivo. Si mette l’uovo sul cucchiaio e via a correre! Vince, ovviamente, chi non ha fatto una...frittata, ossia chi non ha fatto cadere l’uovo dal cucchiaio ed è arrivato primo al traguardo! Se vi sta cadendo l’uovo e vi aiutate con le mani per sorreggerlo, arriva la squalifica. C’è una variante ancora più difficile: invece di tenere il cucchiaio con l’uovo con una mano, questo va tenuto con la bocca!

GIOCHI ALL'ARIA APERTA: I QUATTRO CANTONI

È un gioco che deve avere obbligatoriamente 5 partecipanti e un giudice. Quattro di essi devono disporsi agli angoli di un quadrato deciso in partenza, mentre il quinto sta al centro. Quando il giudice grida “via!”, i quattro agli angoli devono scambiarsi di posto correndo o in senso orario, o in senso antiorario o in diagonale. Colui che sta al centro deve cercare di raggiungere uno dei quattro angoli prima che questo sia occupato da un altro. Il giocatore che resta senza posto va al centro e si ricomincia.

GIOCHI ALL'ARIA APERTA: IL CORRI-CARTA

Si tratta di un gioco da fare in uno spazio aperto ampio. All’inizio si fa la conta, e il prescelto assume il ruolo di “guidagruppo”. Questi deve mettersi in cammino verso una meta che solo lui conosce e che deve raggiungere attraverso alcune tappe (il numero delle tappe viene deciso da tutti all’inizio). In ogni tappa il guidagruppo lascia un messaggio misterioso scritto su un pezzo di carta, che nasconde l’indicazione della successiva tappa (ma solo se lo si interpreta correttamente!). Tutti i concorrenti devono partire 5 minuti dopo la partenza del guidagruppo.

Vince chi interpreta correttamente le indicazioni di ogni messaggio del guidagruppo in ogni tappa e arriva prima di tutti gli altri. E’ un gioco dinamico e divertente, visto che c’è chi può sbagliare ad interpretare le indicazioni dei messaggi prendendo la strada...sbagliata!

GIOCHI ALL'ARIA APERTA: IL SALTARICCHIO

I partecipanti si dividono in 2 squadre: cavallette e grilli. Le cavallette devono inseguire i grilli correndo su un piede solo, mentre i grilli devono fuggire facendo balzi a piedi uniti. Ogni fuggitivo toccato viene fatto prigioniero. Dopo un numero di minuti stabilito prima del gioco, si contano i prigionieri e si scambiano le parti.

La squadra che ha fatto più prigionieri nello stesso tempo di gioco è la vincitrice.

Fonti:

  • M.Schiaffino, Giochi e passatempi, Fratelli Fabbri editori, Milano, 1969 (pp.46-47)
  • L.Aceti ed E.Costa (a cura di), I migliori giochi della nostra infanzia. Divertimenti senza tempo per bambini da 0 a 99 anni, Gribaudo, Milano, 2015 (pp. 22, 23, 26, 27, 36, 37, 39, 51, 68, 70, 92)