Donna Moderna
FocusJunior.it > News > Film > Zanna bianca: aspettando il film al cinema da ottobre

Zanna bianca: aspettando il film al cinema da ottobre

Stampa

Dopo più di un secolo passato dalla pubblicazione del libro, le avventure del lupo Zanna Bianca arrivano per la prima volta sul grande schermo l’11 Ottobre: un film d’animazione dallo stile pittorico.

Trama

Zanna Bianca è un lupo con un quarto di sangue di cane. È una creatura fiera e coraggiosa, e per questo sarà vittima della crudeltà dell’uomo. Dopo essere cresciuto nelle terre innevate, meravigliose ma ostili del Grande Nord, viene accolto da Castoro Grigio e la sua tribù di nativi americani. Qui viene protetto dalla tribù, ma dovrà farsi accettare dagli altri cani.

Zanna bianca
Zanna bianca: una scena

Purtroppo Castoro Grigio sarà costretto a cedere Zanna Bianca ad un uomo crudele, che lo obbligherà a trasformarsi in un cane da combattimento. In fin di vita, sarà salvato da una coppia disponibile e amorevole, che con il suo amore insegnerà a Zanna Bianca a dominare il suo istinto selvaggio e a diventare il loro migliore amico. Una storia di redenzione descritta dal punto di vista dei cani e soprattutto sulla straordinaria forza dell’amore che li lega indissolubilmente all’uomo.

Curiosità
Così come nel romanzo Zanna Bianca, anche nel film sono gli animali stessi i veri protagonisti, lasciando largo spazio alla potenza della natura con un'attenzione particolare agli scenografici paesaggi selvaggi, resi al meglio dalla straordinaria tecnica d’animazione, quasi pittorica, del film. Dai western italiani di Sergio Leone alle illustrazioni americane sulla conquista del Far West: queste le fonti di ispirazione che hanno guidato l’animazione di Zanna Bianca, con lo scopo di comunicare il grande senso di avventura e libertà che questi paesaggi suscitano.

Zanna bianca
Zanna bianca: una scena

Guarda il trailer
Zanna
Bianca
è distribuito da Adler Entertainment e prodotto da SuperprodAnimation, Bidibul Productions e Big Beach, in associazione con Wild Bunch.

Il regista
Dopo aver conquistato nel 2013 il Premio Oscar© per il Miglior cortometraggio d’animazione (Mr. Hublot), Alexandre Espigares torna su un tema a lui caro: il rapporto che da sempre lega il cane e l’uomo, con una storia avvincente di libertà e amicizia ambientata nelle sconfinate terre del Grande Nord.
Per seguire Zanna Bianca sui social:
FB:  facebook.com/ZannaBiancaIlFilm
Instagram: @adler_entertainment
#ZannaBianca

Le domande al regista al Giffoni film festival

Zanna bianca
Zanna bianca: una scena

Giffoner: “Sei stato soddisfatto quando hai visto il film completo?”
Espigares: “Un regista non è mai soddisfatto al 100% del suo lavoro. Quando inizi a fare un film vorresti realizzare l’idea completa che hai in testa ma in genere si arriva alla fine a rispettare solo una parte dell’idea originale. Io credo di essere riuscito ad arrivare all’85% della mia idea e per me è tantissimo!”
Giffoner: “Come hai iniziato la tua carriera?”
Espigares:
“Ho fatto la scuola di animazione tradizionale e poi ho imparato l’animazione 3D lavorando. Per un tempo ho fatto solo 3D e dopo aver vinto l’Oscar mi sono concentrato su tutte le tecniche di animazione come quella usate per Zanna Banca dove l’animazione è stata fatta da animatori umani e con cani veri in motion capture, con tute e sensori, per catturare al meglio i movimenti di attori e animali.”

 

ULTIME NEWS