Donna Moderna
FocusJunior.it > News > Amici mici: Il 17 febbraio è la Giornata del gatto

Amici mici: Il 17 febbraio è la Giornata del gatto

Stampa

Da 31 anni ogni 17 febbraio si festeggia la giornata del gatto, la festa nazionale dedicata al nostro amico felino. Scopri con noi di che si tratta!

E così anche in questo 2021 è arrivata la giornata del gatto, una festa importante che non può passare sotto silenzio, perché celebra in tutta Italia uno dei compagni pelosi più presenti nelle nostre case.

LE ORIGINI

Nel 1990 una rivista chiamata Tuttogatto decise di istituire la giornata nazionale del gatto. Fu un successo straordinario che continua ancora oggi.

PERCHÈ PROPRIO A FEBBRAIO?

Semplice: la tradizione dice che il mese di febbraio è il mese dei gatti e delle streghe. Il giorno 17, poi, da sempre viene ritenuto giorno sfortunato e anche i mici, nei secoli passati, erano ingiustamente ritenuti portatori di sventura.

Le superstizioni sui gatti  però sono una bella serie di sciocchezze e oggi, per fortuna i nostri amici pelosi non sono più scansati come portasfortuna (nemmeno i gatti neri, eh!) tanto che possiamo omaggiarli come meritano.

Per tutti questi motivi, con un po' di spirito di rivalsa, si è deciso di scegliere la data più sfortunata ed il mese dedicato ai felini per istituire la giornata del gatto. Inoltre, guarda un po', il numero "17" può valere anche come "una vita per sette", dato che in passato si diceva che i gatti avessero sette vite!

Attenzione però, il 17 febbraio si festeggia in Italia: la Giornata Internazionale del Gatto, con risonanza globale, cade infatti l'8 agosto.

LO SAPEVI CHE...

  • I baffi dei gatti si chiamano vibrisse e servono a misurare gli spazi ed esplorare l'ambiente circostante. Come una specie di radar.
  • Come spesso capita nel regno animale, i cuccioli di gatto nascono completamente ciechi.
  • I gatti sono animali così puliti che se trovano la lettiera sporca... Decidono di non usarla!
  • I mici cadono sempre in piedi perché d'istinto riescono a ritrovare l’equilibrio qualunque sia la posizione iniziale da cui cadono. Mettono e zampe allargate per fare da "paracadute" e inarcano il dorso per proteggere gli organi interni al momento dell’impatto.
  • Il gatto spesso morde dopo una coccola... Per dimostrare affetto!.
Evviva i gatti!