Donna Moderna
FocusJunior.it > Junior reporter news > Junior Reporter, una meravigliosa settimana di sport e di amicizia in collina

Junior Reporter, una meravigliosa settimana di sport e di amicizia in collina

Stampa
Junior Reporter, una meravigliosa settimana di sport e di amicizia in collina
Pixabay

Per distrarci mentre siamo chiusi in casa una focusina ci racconta la sua bellissima esperienza dell'estate scorsa con il Csi di Sasso Marconi

L'estate scorsa sono stata cinque giorni in vacanza con il CSI (Centro Sportivo Italiano) di atletica di Sasso Marconi; siamo stati in tenda e ci siamo divertiti da pazzi. Non so gli altri, ma io e le mie amiche di sicuro!
Praticamente nessuno dormiva tutta la notte: noi facevamo avanti e indietro per le tende e alla fine siamo andati a letto all'una e mezza, in 6 con una tenda...

Di giorno abbiamo fatto diverse escursioni fantastiche in collina tra paesaggi mozzafiato; una volta ci siamo fermati in mezzo ad un sentiero costeggiato da molti cipressi e si vedeva tutta la città: non ho ancora dimenticato l’immagine!
La nostra base era un centro ricreativo chiamato “Casa dei campi”, dove praticavamo diversi sport.
Gli allenatori del campo erano simpatici e disponibili e ci hanno lasciato del tempo libero.

Grazie a questo sono diventata più autonoma,

e sento che potrei resistere qualche giorno da sola!
I pasti erano davvero buoni, badate che “pasti” significa ciliegie selvatiche e fragoline di bosco, ecc. ma noi di questi pasti eravamo molto felici e mangiavamo a volontà!

Questa esperienza mi ha fatto conoscere altre persone che sono diventate mie amiche e amici ma ho anche conosciuto meglio persone che conoscevo già come per esempio Mila una mia amica molto timida!
Ma la cosa più divertente è stata quando, l’ultima sera di campeggio, un mio amico d’infanzia, Simone, era davanti al fuoco e, curioso com’è, ha cercato di prendere in mano una di quelle scintille che escono dalle fiamme. Era accucciato per terra quando ad un tratto si è messo a gridare:
“Aiuto! Aiuto! Vado a fuoco!”
Tutti a ridere a crepapelle, come matti! L’allenatore urlava: “Buttati per terra!”.
Simone invece ha lanciato la maglietta a 100 metri di distanza e solo dopo ci siamo accorti che aveva un enorme buco.
Un’esperienza senza dubbio emozionante e educativa alla stesso tempo che mi ha permesso di farmi nuovi amici di cui sono molto felice!

Ariux2009