Donna Moderna
FocusJunior.it > Junior reporter news > Junior reporter, salviamo la terra cominciando dal nostro cortile!

Junior reporter, salviamo la terra cominciando dal nostro cortile!

Stampa
Junior reporter, salviamo la terra cominciando dal nostro cortile!
Nicole

I focusini si rimboccano le maniche contro l'inquinamento: dalla raccolta dei rifiuti in spiaggia di Nicole e la pulizia del cortile di Francesca con i suoi amici alle riflessioni dei ragazzi della Scuola primaria Mario Lodi di Brandico e ai pensieri di Jacopo, Andrea e Claudia

Salviamo la terra invece di puntare su Marte!

Gli scienziati stanno studiando per andare a colonizzare a Marte e spendono miliardi e miliardi di dollari per farlo! Questi soldi invece utilizziamoli per salvare il nostro pianeta!

Dobbiamo salvare la Terra a tutti i costi!

Se gli alieni arrivassero nel nostro universo e vedessero il nostro pianeta direbbero sicuramente: "ma questo non è un pianeta, questo è il paradiso".
Jacopo

"Eco-people" al lavoro in cortile!

Ciao a tutti, sono Francesca e vi vorrei parlare di un progetto che ha realizzato il nostro gruppo partendo dal fatto che, in quest'anno difficile in mancanza di giochi in cui fosse possibile tenere le distanze, abbiamo cominciato a cercare chiocciole nella siepi del cortile.

Così ci siamo accorte che erano piene di rifiuti (bleah!).

Allora abbiamo chiesto dei guanti e un sacchetto e ci siamo messe a pulire con grandi soddisfazioni.
Poi abbiamo cominciato a creare cartelloni e segnalibri profumati e abbiamo ottenuto il permesso di appendere i nostri messaggi!
Abbiamo chiamato il nostro gruppo "eco-people".
Spero che il nome vi piaccia e se volete consigliarci qualcosa da fare vi ringraziamo.
P.S:
ho anche realizzato una maglietta per la giornata della terra! #salviamolanostrabellissimacasa.
Francesca

Cosa possiamo fare in prima persona per aiutare Greta

Il discorso di Greta all’ONU è stato molto importante per sensibilizzare il mondo al problema ambientale. Abbiamo letto l’articolo di un giornalista che apprezza molto questa ragazza perché cerca di risvegliare la coscienza di tutti. Senza di lei probabilmente al summit dell’ONU non si sarebbe parlato molto di clima. Lui, però, ritiene che non esista una casta colpevole dell’inquinamento e del riscaldamento globale perché se siamo arrivati qui la colpa è di tutti gli abitanti del pianeta terra. Secondo noi hanno entrambi ragione: Greta è giovane e quindi è convinta che i potenti debbano fare molto di più. Potrebbero incentivare l’uso di auto elettriche, aumentare i mezzi di trasporto, smaltire i rifiuti delle industrie in modo corretto… Il giornalista ha ragione perché anche l’individuo può compiere alcuni gesti per migliorare l’ambiente. Noi ne abbiamo cercati alcuni sulla rivista “Internazionale KIDS”.

Per ridurre la nostra IMPRONTA ECOLOGICA
(il consumo che ognuno fa delle risorse della terra) possiamo anche noi fare qualcosa.
  •  Possiamo comprare vestiti di qualità e prendersene cura per farli durare a lungo. Comperare solo quelli di cui si ha veramente bisogno, donare vestiti usati.
  • Regalare qualcosa fatto con le mani; nei mercatini si possono comperare oggetti di seconda mano. Se si compera un oggetto nuovo, è meglio che sia utile e che duri a lungo. Quando si sceglie un oggetto, preferire quello con meno imballi di plastica. Per i pacchetti usare carta riciclata.
  • Usare meno l’auto, scegliere di andare a piedi, in bici o con i mezzi pubblici.
  • Anche l’alimentazione rispetta la natura: non sprecare cibo, a tavola chiediamo piatti locali, mangiare molti prodotti di origine vegetale perché i prodotti animali consumano più risorse, limitare il consumo di prodotti conservati e inscatolati (non sempre le confezioni sono riciclabili).
  • Rispettare l’ambiente durante le passeggiate e i pic-nic: produrre meno rifiuti, non bruciarli. Se è permesso accendere il fuoco in un’area barbecue.
  • Quando si fanno acquisti su internet cercare di fare un unico ordine con più prodotti per farli spedire insieme, cercare di evitare resi e di fare in modo che il primo tentativo di consegna vada a buon fine.
  • Per produrre circa 700 sacchetti di carta serve un albero di 15 anni: quando vai a fare la spesa porta con te una borsa di stoffa.
  • Salviamo le api: coltivare piante con le quali si nutrono come rosmarino, timo, lavanda.
  • Evitare i pesticidi, coltivare piante ricordandosi di comperarle in un vivaio vicino a casa.
    Quindi cerchiamo di vivere comportandoci in modo da rispettare il nostro pianeta terra!
    Classe quinta, Scuola primaria Mario Lodi di Brandico

La terra e i mari sono super inquinati: aiuto!

Non se ne può più, basta la terra è troppo sporca!
Noi possiamo fare qualcosa ma non ci interessa nulla, per fortuna però ci sono associazioni che si danno da fare come i Plastic busters (scienziati che operano nell'ambito di un progetto internazionale per la tutela delle acque) che ripuliscono il mare e gli oceani.

La plastica inquina tantissimo! Potremmo limitarne l'uso ma non lo facciamo; magari non si può eliminare del tutto ma usarla meno certamente è possibile!
Andrea

Pericolo scorie!

Le scorie della centrale nucleare giapponese di Fukushima non vanno assolutamente buttate in mare perché si provocherebbe un disastro ambientale senza precedenti sia per la vita in mare di alcuni microorganismi essenziali ma anche per il rischio contaminazione di tutte le acque visto poi che molta parte della popolazione vive di pesca.
Invece di inquinare il pianeta con emissioni tremende il Giappone e la Cina dovrebbero stabilire di spendere soldi per trovare un modo di smaltire insieme le scorie nucleari.
Claudia