Donna Moderna
FocusJunior.it > Junior reporter news > Junior reporter, la mia bellissima città: Siena e Fossano nelle parole dei focusini

Junior reporter, la mia bellissima città: Siena e Fossano nelle parole dei focusini

Stampa
Junior reporter, la mia bellissima città: Siena e Fossano nelle parole dei focusini
LianeM-Alamy-IPA

I lettori ci raccontano le loro città: Federico parla dell'antichissima tradizione del Palio di Siena e Andrea ci descrive il campanile del Duomo di Fossano

La mia città, Fossano in provincia di Cuneo, è una cittadina di 25 mila abitanti a pochi chilometri dalle vigne. Fossano è famosa per il suo castello, il Duomo, i parchi e le campagne.
Non è una città molto conosciuta, ma i turisti arrivano di tanto in tanto.

La mia passione sono i campanili quindi vi racconto del campanile del Duomo.
Il campanile del Duomo di Santa Maria e San Giovenale ha un concerto di 5 campane.
La prima pietra fu posata nel 1389 e venne finito nel 1420; fu costruito al posto della torre civica comunale distrutta perché pericolante. Il campanile è ora chiuso perché anche lui pericolante e, proprio per questo motivo, dal 2011 è rinforzato da cinghie enormi tutte intorno.
Andrea

 

La città di Siena è tutta divisa in contrade che esistono dal 1729 ma le cui origini risalgono all’anno mille. Le Contrade si sfidano in una corsa a cavallo che si svolge nella piazza principale della città, piazza del Campo dove è situato anche il comune: il Palio di Siena è una delle corse più antiche di tutto il mondo.
La tradizione prevede che tutto abbia inizio con un vigile urbano che porta al “mossiere”, colui cha da il via alla gara, una busta con l'ordine di partenza dei cavalli estratto casualmente poco prima.
Appena dopo la partenza il “mossiere” viene prelevato e portato via dalla piazza per ragioni di sicurezza.

La corsa consiste in tre giri di piazza e la Contrada vincitrice come premio riceve un drappellone o cencio che consiste in un dipinto su stoffa ed ha una dimensione particolare, quella di un rettangolo allungato; è sorretto in verticale di un'asta alabardata bianca e nera e sormontato da un piatto d'argento con due pennacchi bianchi e neri che scendono di fianco.
Federico