Nostro Figlio

FocusJunior.it

FocusJunior.itJunior reporter newsjunior reporter, imprevisto al Polo Nord

junior reporter, imprevisto al Polo Nord

Stampa
junior reporter, imprevisto al Polo Nord
pixabay

La focusina Alessandra ci racconta cosa succede quando Babbo Natale nomina l'elfo Sanny Covid Manager

Tutti sappiamo che mancano ormai pochi giorni a Natale, ma forse non tutti sono informati su quanto è avvenuto alcuni giorni fa al Polo Nord, nel quartier generale di Babbo Natale. Come di consueto in questo periodo fervono i preparativi e gli eventi si susseguono secondo un piano ben definito e consolidato ma nel 2020 della pandemia Covid anche Babbo Natale ha dovuto modificare qualcosa.

Innanzitutto ha dovuto nominare l’elfo Sanny come Covid Manager.

Sanny era addetto a testare le play station…. Potete immaginare la sua faccia quando, mentre provava il buon funzionamento di Just Dance 2021, è entrato Babbo Natale e, prima l’ha informato della nuova mansione, poi gli ha consegnato un plico di 20 pagine con le istruzioni da studiare….
Ma gli elfi si sa sono gran lavoratori, per cui, anche se non particolarmente entusiasta, matita sull’orecchio (e c’è da ammettere che agli elfi la matita sta ben piazzata sull’orecchio) si è messo a leggere il documento.

“Devo redigere una lista!” pensa Sanny fra sé.

“Poi spunterò ad uno ad uno i punti in modo da essere certo di aver seguito tutte le indicazioni necessarie”.
Anche questa volta tutto sembra davvero ben organizzato, ma al Polo Nord, dove vive Babbo Natale a parte gli elfi, le renne e Babbo Natale non ci sono molte persone con cui confrontarsi e queste procedure per il Covid sono lunghe, dettagliate e davvero una novità per Sanny.

Il giorno della prova generale di volo della slitta il Covid Manager naturalmente deve assicurarsi che tutto avvenga nel rispetto delle misure di sicurezza. Lista alla mano Sanny comincia a verificare.
• Punto uno: sanificare la slitta. Fatto!
• Punto due: preparare la sacchetta Covid. Eh già perché anche Babbo Natale, come tutti i bambini a scuola, deve avere la sua sacchetta con mascherina di ricambio, igienizzante e salvietta personale per asciugarsi le mani. Controllato e fatto!
• Punto tre: assicurare il distanziamento. Nessun problema basta allungare leggermente le briglie delle renne ed ecco che il metro di distanza è assicurato. Fatto!
• Punto quattro: sanificarsi le mani. O le zampe, pensa Sanny. Inutile dire che Rudolf comincia a preoccuparsi… questa cosa della sanificazione non promette per niente bene ma Sanny è pur sempre il Covid Manager e bisogna seguirne le indicazioni. Predisposti dei distributori laterali,

le renne si sanificano gli zoccoli con un po’ di perplessità...

Fatto!
• Punto cinque: mascherina. Ora Sanny si chiede come mai le mascherine non hanno misure da renna, ma visto che c’è una scatola con scritto XL attinge a piene mani e comincia a far indossare le mascherine alle renne. Rudolf è sempre più perplesso. La mascherina copre giusto un terzo del suo naso ma questo limita di sicuro la visibilità durante il volo. Tuttavia la cosa peggiore è che gli elastici tirano così tanto che le orecchie delle renne sono tutte piegate in avanti. Praticamente sorde le renne si chiedono cosa ancora può essere necessario in questo strampalato 2020 per poter consegnare i doni ai bambini. Sanny, affaticato ma con una certa soddisfazione, può però scrivere anche per il punto cinque un bel: Fatto!
• Punto sei: misurazione della temperatura corporea. Ecco Sanny, munito di termoscanner (come ogni Covid Manager che si rispetti) avvicinarsi a Rudolf per la misurazione della temperatura.
Beep beep… Sanny guarda lo schermo un po’ perplesso e si avvicina per una nuova misurazione. Ma di nuovo beep beep…. lo schermo mostra 38°. Ma 37,5° è valore soglia che stabilisce l’impossibilità di uscire…

Sanny comincia nervosamente a sfogliare i documenti per verificare esattamente. Purtroppo il valore soglia è proprio 37,5°. Oh noooooooo…. Rudolf non può partecipare alla prova generale.
Ma è pur sempre solo una prova, quindi stanco ma ancora fiducioso, Sanny continua la misurazione della temperatura.
Sfortunatamente però anche la temperatura della seconda renna e di tutte le successive è 38°.
Sanny è in panico, cammina avanti e indietro accanto alla slitta pensando a come procedere ma non c’è altra soluzione: bisogna informare Babbo Natale!
L’elfo corre subito in ufficio e senza fiato dice: “Babbo Natale non è rispettato il punto sei della lista, non possiamo fare la prova di decollo per la slitta”.

Babbo Natale, si sveglia di soprassalto e guarda perplesso Sanny…
A dire il vero, la sera prima ha finito molto tardi di leggere le letterine e si è un attimo appisolato sulla sua poltrona…
"Pu- punto sei?", ripete Babbo Natale balbettando.
"Sì, tutte le renne non rispettano il punto sei del protocollo e, senza renne, non possiamo testare la slitta".
Babbo Natale si alza in piedi, si porta le mani sulla testa e afferrando il cappello dice: “Oh no, non possiamo fare la prova! Andiamo subito a controllare!”.

Per la verità mentre raggiungono il campo di volo, Babbo Natale cerca di ricordarsi quale è il punto sei, perché diciamola tutta, non è che la lista Covid fosse poi una lettura così interessante, e lui, abituato a sfogliare pagine e pagine di letterine dei bambini, colorate e divertenti, ha si è no dato una sbirciata al lavoro di Sanny…
Arrivato al campo Sanny mostra a Babbo Natale il risultato del termoscanner e…
Babbo Natale questa volta, mettendosi le mani sui fianchi scoppia in una fragorosa risata.

“Sanny le renne hanno una temperatura corporea superiore a quella umana e per loro non vale ne la regola del 37,5° ne l’obbligo della mascherina!”.
Sanny, un perplesso, un po’ sollevato e decisamente dispiaciuto riprende i fogli con le linee guida e trova proprio in alto fra le pagine la dicitura “Disposizioni per le persone”.

Accipicchia… non ha letto attentamente…

Un po’ come capita di tanto in tanto quando si legge di fretta il testo di un esercizio a scuola…

Babbo Natale cerca subito di consolare il povero elfo: “Sanny, mi rendo conto di averti affidato un compito impegnativo quest’anno ma come avrai capito è davvero importante. Sono molto orgoglioso dell’impegno che hai mostrato nello svolgerlo anche se leggere attentamente il testo è una regola da rispettare”.

Così nonostante tutto, il test di volo delle renne avviene con successo anche quest’anno e Babbo Natale è pronto per raggiungere le case dei bambini in totale sicurezza.
A proposito, volevo informarvi che Babbo Natale ha scelto una mascherina rossa con la scritta Buon Natale in oro sul lato destro… quella con il bordo in pelliccia ed i campanellini era davvero troppo appariscente!

Alessandra