Donna Moderna
FocusJunior.it > Junior reporter news > I focusini raccontano la casetta delle civette

I focusini raccontano la casetta delle civette

Stampa
I focusini raccontano la casetta delle civette

Dieci focusini raccontano la visita alla casetta delle civette nel parco di Villa Torlonia a Roma. Ecco la loro storia e i loro disegni

La casina delle civette è stata costruita dalla famiglia Torlonia ed ha circa 120 anni.
Il principe Giovanni Torlonia adorava gli animali notturni, in particolare la civetta.
Il principe Torlonia, ci ha spiegato Luana, una delle guide del museo, era “una persona solitaria, viveva solo con la servitù e aveva pochi amici. Stava quasi sempre chiuso in casa”.
Noi junior reporter ci siamo chiesti: “Ma non si annoiava? Soprattutto in estate, senza aria condizionata!”

Ma come era organizzata la casina? All’entrata c’è una vetrata colorata, poi si accede al fumoir, la stanza dove il principe si rilassava e fumava la sua pipa guardando il parco. In questa stanza
abbiamo visto una specie di grande piatto fatto con dei pezzi di specchio che è un’opera d’arte di Pietro Gentili.

Poi abbiamo visto una stanza a forma di ottagono, che aveva un mosaico con Marte e Venere e un’altra opera d’arte con gli specchi penzolanti con tante foglie. Abbiamo anche visto il salottino
per l’inverno con il caminetto e finestre più piccole. E infine la stanza delle civette con altri animali, tra cui il cavallo, le rondini, i guerrieri.

di Giovanni, Vera, Viola, Ludovica, Diana, Andrea, Marco, Francesco, Antonio, Simone.

ULTIME NEWS