Donna Moderna
FocusJunior.it > Interviste > Intervista ai ragazzi di Braccialetti Rossi – seconda stagione

Intervista ai ragazzi di Braccialetti Rossi – seconda stagione

Stampa

Alcune focusine hanno intervistato per Focus Junior Carmine, Aurora, Mirko, Luigi e Brando, gli attori della serie Tv Braccialetti Rossi, seconda stagione.

Ecco Tony/Luigi Piscichelli: «Siete di Focus Junior? Lo conosco, che bello!», e Mirko: «Anche io lo leggevo da piccolo!».

Le nostre inviate Angelica, Alice, Argenta e Viola sono al cinema, dove è in corso l'anteprima di Braccialetti Rossi 2, per intervistare gli attori "dal vivo"!

Come avete iniziato a recitare?

Mirko trovato/Davide: Ho scelto un'agenzia per attori e ho fatto i provini per Braccialetti...in tutto 7 o 8, e poi...preso!

Carmine Buschini/Leo: Ho sempre voluto recitare, quindi ho fatto come i miei attori preferiti, tipo Jim Carrey, che hanno iniziato da piccoli ma senza frequentare una vera scuola. Allora ho fatto dei provini e... lo stesso giorno mi hanno preso per la pubblicità della Coca Cola e per Braccialetti.

Avete avuto difficoltà a recitare?

Mirko: Avevamo dei professori sul set che ci aiutavano

Carmine: Più che recitare, nelle scene sono sempre spontaneo: non avendo basi tecniche, faccio come mi dicevano i maestri sul set: di recitare il meno possibile ed essere noi stessi, di pensare a come ci saremmo comportati noi a vivere le cose che vivevano i nostri personaggi.

Dovesse capitarti davvero...

Carmine: Di ammalarmi? Da Braccialetti ho capito che lo si affronta, lo si accetta e lo si supera stando insieme col sorriso, condividendo dolori e sofferenze con quelli che vivono la stessa esperienza.

Siete andati negli ospedali veri?

Mirko: Sì, in due o tre ospedali, è cambiata la mia scala di valori.

Bruno Pacitto/Vale: È stat un'esperienza forte, ma abbiamo avuto un buon riscontro dagli ammalati veri. Negli ospedali ci sono regole da rispettare che nella fiction non ci sono, tipo che i pazienti non possono vedersi come facciamo noi, o uscire dalle stanze quando vogliono. ma da quando c'é Braccialetti anche nella realtà sono nati gruppi che fanno come noi, si danno dei ruoli tipo il leader, il vice-leader...e anche il personale ospedaliero è diventato un po' più permissivo...

Le materie che preferite a scuola?

Mirko: Italiano.

Brando: Letteratura, inglese e matematica.

Carmine: Educazione fisica, filosofia e inglese.

Quelle che odiate?

Mirko: Matematica

Carmine: Chimica (e speriamo che la prof non legga)

Com'era la tua giornata?

Mirko: Ci venivano a prendere alle 6-7 per portarci agli studi di registrazione (abbiamo girato quasi tutte le scene a Fasano, in un ospedale ricostruito). Il pranzo era dalle 13.30 alle 14.30. Alle 18.30 c'era la chiusura del set e tornavamo in residence.

Noi minorenni (io ho 16 anni) lavoravamo massimo 7 ore al giorno, ma per una scena di due minuti ci puoi mettere anche 12 ore. È stato un po' pesante, anche perché mi sono trasferito da Fasano a Roma.

I tuoi hobby?

Mirko: Mi piace disegnare e fare sport, tipo crossfit, ma ho iniziato solo...da tre giorni.

Che effetto vi fa rivedere la serie in tv?

Brando: Mi commuovo, anche a recitarla...le lacrime che vedete in video sono vere.

Carmine: È strano: col passare del tempo mi distacco dal mio personaggio e mi emoziono quando mi rivedo. Soprattutto nelle scene dove non ci sono. Noi non guardiamo la puntata finita, cioè con tutte le scene tagliate e montate, quindi la serie la guardiamo anche noi per la prima volta in Tv.

Cosa farete da grandi?

Mirko: Vorrei continuare a fare l'attore.

Brando: Vorrei viaggiare, vedere il mondo.

Carmine: Vorrei girare film all'estero. E spero di vedere tanti posti diversi. Magari in compagnia di qualcuno...

Sei fidanzato?

Brando: No...sì...forse!