Categories: Illusioni ottiche

Racconti di Natale: la leggenda del vischio


Sta arrivando il Natale, carico di dolci, regali, tempo passato tutti insieme, luci, alberi e palline. E racconti. Come questo che narra la leggenda della nascita del vischio, il ramoscello natalizio per eccellenza!

La leggenda del vischio

Il vecchio mercante si girava e rigirava, senza poter prendere sonno. Gli affari, quel giorno, erano andati benissimo: comprando a dieci, vendendo a venti, moneta su moneta, aveva fatto un bel mucchietto di denari. Si levò. Li volle contare.

Erano monete passate chissà in quante mani, guadagnate chissà con quanta fatica. Ma quelle mani e quella fatica a lui non dicevano niente.

Il mercante non poteva dormire. Uscì di casa e vide gente che andava da tutte le parti verso lo stesso luogo. Pareva che tutti si fossero passati la parola per partecipare a una festa.

Qualche mano si tese verso di lui. Qualche voce si levò: “Fratello, – gli gridarono – non vieni?”. Fratello… a lui fratello? Ma chi erano questi matti? Lui non aveva fratelli. Era un mercante; e per lui non c’erano che clienti: chi comprava e chi vendeva.

Ma dove andavano?

Si mosse un po’ curioso. Si unì a un gruppo di vecchi e di fanciulli. Fratello! Oh, certo, sarebbe stato anche bello avere tanti fratelli! Ma il cuore gli sussurrava che non poteva essere loro fratello.

Quante volte li aveva ingannati? Comprava a dieci e rivendeva a venti. E rubava sul peso. E piangeva miseria per vender più caro. E speculava sul bisogno dei poveri. E mai la sua mano si apriva per donare. No, lui non poteva essere fratello a quella povera gente che aveva sempre sfruttata, ingannata, tradita. Eppure tutti gli camminavano a fianco.

Ed era giunto, con loro, davanti alla Grotta di Betlemme. Ora li vedeva entrare e nessuno era a mani vuote; anche i poveri avevano qualcosa. E lui non aveva niente, lui che era ricco. Entrò nella grotta insieme con gli altri; s’inginocchio insieme agli altri. “Signore, – esclamò – ho trattato male i miei fratelli. Perdonami!”. E proruppe in pianto.

Appoggiato a un albero, davanti alla grotta, il mercante continuò a piangere, e il suo cuore cambiò. Alla prima luce dell’alba quelle lacrime splendettero come perle, in mezzo a due foglioline. Era nato il vischio.
(Fonte: Semprenatale )

 

This post was last modified on 18 dicembre 2018 11:55

Share
Published by
Redazione Focus Junior

Recent Posts

Tanti libri MERAVIGLIOSI da leggere per Natale

Un'insegnante scrittrice ha selezionato per noi libri e albi illustrati a tema natalizio: troverete classici…

1 dicembre 2022

Lavoretto – Facciamo le renne di Babbo Natale

Passo passo ecco un facile fai-da-te per creare, con materiali di uso comune, delle simpatiche…

30 novembre 2022

Proteste in Cina: perché i manifestanti scendono in strada con un foglio A4?

In Cina i manifestanti scendono in strada con un foglio A4 bianco: ma qual è…

30 novembre 2022

Sintesi per tutti: un documento divulgativo per spiegare il cambiamento climatico

È a cura dell'IPCC e si chiama Sintesi per tutti, Summary for all, il documento…

30 novembre 2022

Che cos’è la febbre?

Che cos'é la febbre e perché viene proprio a noi? Se sono caldo dopo aver…

28 novembre 2022

Viaggio nel corpo umano: le lacrime

In questo articolo faremo un viaggio nel corpo umano con la lente di ingrandimento, scoprendo…

27 novembre 2022
Loading