Donna Moderna
FocusJunior.it > Giochi > Illusioni ottiche > Questa non la sai 11 – È possibile camminare sui carboni ardenti?

Questa non la sai 11 – È possibile camminare sui carboni ardenti?

Stampa

Sei mai stato impaziente o a disagio in qualche situazione? Allora puoi capire la sensazione di camminare sui carboni ardenti, leggi perché.

Stare sui carboni ardenti : avrai sentito già questo modo di dire che significa agitarsi quando ci si sente fortemente a disagio , oppure essere impaziente e manifestarlo vistosamente col proprio corpo.  Questo detto nasce dalla pratica popolare del camminare sui carboni ardenti (nota anche come  Pirobazia, firewalking ), derivata da antichi rituali di guarigione fisica o spirituale. La quale, pur se possibile, non è certo facile come fare una semplice passeggiata . Vediamo perché.

 

Come quando ti inumidisci le dita per spegnere la candela

Come è possibile camminare a piedi nudi sui carboni ardenti? A proteggere i piedi concorrono sia la paura sia la fisica, sostiene Jearl Walker , della Cleveland University. Il professore ha dimostrato con la propria pianta dei piedi , e davanti ai suoi studenti, la pratica del firewalking . I carboni ardenti , contengono poca energia, nonostante l'elevata temperatura (anche più di 700 °C): quindi,  se ci si cammina sopra molto velocemente, il calore che si trasferisce ai piedi è molto poco. Insomma, è come toccare una torta appena uscita dal forno. Siccome la torta è un cattivo conduttore non ti scotti (subito) le dita, ma prova a toccare la teglia (che invece conduce benissimo il calore)... anzi no, non farlo ! Il secondo fattore è l' umidità dei piedi . Molti firewalker , prima della loro passeggiata fiammeggiante camminano  sull'erba bagnata o si versano acqua sui piedi : l'acqua, mentre si riscalda ed evapora, ruba energia ai carboni e la pianta dei piedi non si brucia (e la sensazione di calore non è eccessiva) .

 

Esistono perfino dei corsi per imparare la tecnica del firewalking

Il professor Walker , quando camminava sui carboni ardenti davanti ai suoi studenti,  non si bagnava i piedi , ma si affidava alla paura che provava e che gli faceva sudare abbondantemente le piante dei piedi . Peccato che, passeggiata dopo passeggiata, il professore si sentisse sicuro al punto che , durante l'ultima camminata, la paura scomparve. E così, tradito dalla troppa sicurezza,  si procurò brutte ustioni .

 

Saltellando sui carboni ardenti ci si sente sia a disagio, sia impazienti di uscire da quella brutta situazione. Ecco perché è nato il detto!
ULTIME NEWS