Donna Moderna
FocusJunior.it > Giochi > Illusioni ottiche > Il dodicenne che va all’università: Xavier Gordon-Brown, il prodigio della matematica

Il dodicenne che va all’università: Xavier Gordon-Brown, il prodigio della matematica

Stampa
Il dodicenne che va all’università: Xavier Gordon-Brown, il prodigio della matematica

La matematica è da sempre una delle materie più temute. Non per Xavier Gordon-Brown che a 12 anni è già iscritto all'Università in Inghilterra, presso la facoltà di matematica!

Quante volte di fronte ad un problema avete sudato freddo o vi siete persi tra conti impossibili? Di sicuro la matematica non è un problema per il piccolo Xavier Gordon-Brown. Ha solo 12 anni ed è un vero ragazzo prodigio inglese: si è appena iscritto alla facoltà di Matematica della Open University, battendo ogni record. Il ragazzino è il più giovane studente universitario della storia britannica!
La matematica è entrata prestissimo nella sua vita: a 4 anni il piccolo sapeva già a memoria le tabelline ed eseguiva operazioni mentali semplici. Prima di iniziare la scuola elementare faceva calcoli aritmetici anche a doppia cifra mentalmente e a otto aveva già superato con il massimo dei voti in matematica il GCSE, uno scoglio formativo riservato ai ragazzi di 14-16 anni.

Ma le sue prodezze con i numeri non finiscono qui
: a nemmeno 10 anni poi era in grado di recitare a memoria, oltre duemila cifre del Pi greco. Niente male se si pensa che il record italiano è detenuto da un ingegnere friulano che è arrivato a quasi 7mila!
Come passa il tempo un bambino prodigio come lui? Continua ad andare a scuola di giorno e di sera studia la matematica universitaria , e al lunedì, accompagnato dalla mamma, va a lezione all'Università confrontandosi con studenti decisamente più grandi d'età!
Ma Xavier ha anche altre passioni: la musica e lo sport. Suona il clarinetto, il pianoforte e il violino. Quando ha tempo libero ama studiare le lingue straniere (incluso il latino) e praticare gli sport (calcio, taekwondo, trampolino elastico), e la domenica non rinuncia alla partita di pallone con gli amici. Però non ha un profilo Facebook e neanche un cellulare!