Donna Moderna
FocusJunior.it > Giochi > Illusioni ottiche > Festival della Scienza di Genova | Superman vola nello spazio. Davvero!

Festival della Scienza di Genova | Superman vola nello spazio. Davvero!

Stampa

L'incredibile viaggio di un giocattolo di Superman che è salito fino alla quota di 29 km e poi è tornato a terra. Un esperimento scientifico ricco di scoperte e un record, presentato al Festival della Scienza di Genova

Tutto è accaduto lo scorso settembre a Ross On Wye , un paese che si trova a nord di Bristol (Gran Bretagna). Da lì, un pallone aerostatico gonfiato con idrogeno (un gas più leggero dell'aria e che dunque sale verso l'alto), ha portato nello spazio una navicella spaziale che conteneva la action figure di Superman (è un modellino snodabile alto circa 20 cm) sfidando la forza di gravità .

 

Per scrivere una definizione più approfondita di FORZA DI GRAVITÀ nella Juniorpedia di Focus Junior

 

Questa super-storia (e i risultati scientifici raggiunti), è stata raccontata in anteprima a Genova , durante il recente  Festival della Scienza di cui Focus Junior è supporter .

 

Un lungo viaggio verso lo spazio

Il pallone aerostatico è stato lanciato e ha cominciato la sua ascesa  fino a raggiungere la stratosfera , alla strabiliante quota di 29 chilometri (per darvi un'idea, la montagna più alta del mondo, l' Everest , è alto 8,8 chilometri). A quel punto Superman ha lasciato la capsula , si è lanciato nel vuoto verso terra.

 


Un'accelerazione pazzesca
gli ha fatto raggiungere la velocità di 200 km/h finché, quando il paracadute si è aperto , il nostro eroe ha rallentato fino a 18 km/h ed è felicemente atterrato in un campo della campagna inglese. Guardate, nel video qui sotto , la preparazione dell'emozionante volo, la presentazione della complessa dotazione tecnica che lo ha reso possibile, il momento del lancio e il rientro nell'atmosfera!

Mentre il nostro super-eroe filava verso il suolo, la navicella ha continuato a salire fino a 34 km di quota poi, anch'essa è tornata a terra.

 

Tre mesi di duro lavoro

La missione è stata preparata in tre mesi di lavoro grazie al contributo di tre grandi industrie: la Mattel (che ha fornito Superman), RS Components (che ha progettato la capsula e la dotazione tecnologica) e Panasonic , che ha messo a disposizione le micro-telecamere che hanno filmato tutta l'impresa.

 

Pensate, cari focusini, ottenere il risultato non è stato per niente facile , nemmeno per Superman . Perché, tanto per fare un esempio, a quelle altitudini fa un freddo pazzesco: 40 °C sotto lo zero . E siccome il
gelo scarica rapidamente le batterie è stato necessario prevedere delle  batterie supplementari , sufficienti per far funzionare le micro-telecamere ultra hd montate sulla capsula (ultra hd è il sistema video più nitido ed evoluto che esista ), così come le altre attrezzature tecnologiche di cui era dotata.

 

Un risultato oltre le aspettative

Durante le due ore e mezza di volo sono stati raccolti dati quali l'altitudine raggiunta dalla navicella, la temperatura e le condizioni meteo .

Poi, una volta toccata terra, Superman è stato recuperato  con un elicottero grazie ai dati forniti ai tecnici dal sistema di monitoraggio gps di cui era dotato, ed è stato festeggiato come solo un super eroe merita !
 

 

Vuoi disegnare o costruire anche tu un modellino della navicella di Superman?


Se invece vuoi conoscere dall'inizio la storia di questo fantastico... tuffo

 

ULTIME NEWS