Donna Moderna
FocusJunior.it > Giochi > Illusioni ottiche > Coober Pedy: una città sotto terra

Coober Pedy: una città sotto terra

Stampa

Sembra di stare su marte. invece, nascosto sotto a un deserto di sabbia rossa c'è una città.

Quando arrivi a Coober Pedy , nell'entroterra del Sud dell'Australia , ti sembra di atterrare su Marte . Ai margini del deserto nel secondo continente più arido della terra, dove in estate il termometro può arrivare a segnare i 50 gradi di giorno e scendere a sotto zero la notte, a centinaia di chilometri da tutto, oltre tre mila persone vivono qui tutto l'anno. 

 

Per di più sottoterra , perché è l'unico modo di sopravvivere agli sbalzi di temperatura . Coober Pedy è pieno di miniere di opale e di case di pietra, dette dogout , arredate in stili un po' originali e colorati, ma è anche piena di rottami metallici, arte da riciclo, oggetti di scena cinematografici .

 

A Coober Pedy si è iniziato a scavare nel 1915 per estrarre dalle miniere gli opali bianchi , pietre preziose destinate a diventare gioielli, di cui la città è piena. Per sfuggire al caldo, i minatori hanno cominciato a costruire, dentro casa, delle stanze sotto terra, dove la temperatura non supera i 22 gradi
Ma anche le gallerie delle miniere dismesse diventano corridoi, cucine e bagni. Negli anni si sono organizzati, e hanno cominciato a costruire anche l'ufficio postale, bar, ristoranti, scuole. 
C'è un campus sportivo, un ospedale, chiese e anche un rifugio per salvare i cuccioli selvatici rimasti orfani a causa dei bracconieri.  C'è anche un cimitero, rigorosamente sotto terra.

 

Fuori non si esce mai? Certo che sì: di notte per chiacchierare e giocare a golf nel campo in superficie... con tanto di palline luminose. Per saperne di più, guarda anche questa fotogallery su Coober Pedy .

 

 

ULTIME NEWS