Donna Moderna
FocusJunior.it > Focus Scuola > Caos in aula: perché si crea e come gestire una classe difficile

Caos in aula: perché si crea e come gestire una classe difficile

Stampa
Caos in aula: perché si crea e come gestire una classe difficile
Ipa-agency

Inutile il pugno di ferro. Meglio puntare sul coinvolgimento degli alunni attraverso una didattica differenziata.

Il sogno di ogni docente è lavorare con alunni volenterosi, interessati, rispettosi delle regole. In molti casi, invece, la realtà è ben diversa e ci si trova a che fare con ragazzi rumorosi, annoiati, poco partecipi. È vero: all’insegnante è richiesto di destreggiarsi, a mo’ di equilibrista, tra competenze disciplinari, psicopedagogiche, relazionali e didattiche, ma, a volte, la reazione istintiva di fronte ad una classe difficile è desiderare solo di tapparsi le orecchie e scappar via. E magari ci si sente inadeguati.

Oppure si urla e si usa il pugno di ferro, forse utile per mantenere la disciplina, ma alla lunga controproducente, dato che si finisce per generare malumori e disaffezione per la scuola. Si dovrebbe invece coinvolgere gli allievi, in modo che siano motivati al successo scolastico, e creare un produttivo ambiente di apprendimento e lavoro. Insomma, con la sola disciplina si mantiene l’ordine, ma non si gestisce la classe.

Che gli alunni siano diventati sempre più difficili non è solo una percezione: secondo una ricerca del CeDisMa (Centro Studi e Ricerche sulla Disabilità e Marginalità) dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, il docente impiega all’inizio dell’anno quasi due mesi e mezzo per creare un adeguato clima in classe, mentre vent’anni fa bastavano poco più di due settimane. E il cambiamento dei ragazzi si nota nel comportamento irrispettoso verso le regole (68%), seguito da fragilità emotiva, disattenzione, irrequietezza, facilità ad annoiarsi, fino ad arrivare al comportamento irriguardoso verso docenti e compagni (22%).

LA COMPLESSITÀ DEGLI ALUNNI

Possono essere vari i motivi per i quali si genera il caos in classe. Riassumendoli in un solo termine, la causa è la complessità: «Ormai abbiamo ragazzi che portano in classe tutti i loro bisogni» spiega Luigi D’Alonzo, ordinario di pedagogia speciale alla Cattolica di Milano.

«Una volta andavano a scuola e facevano fatica a esprimerli, mentre ora la scuola diventa una porta aperta alle loro insoddisfazioni: le problematiche familiari sono molto complesse e difficili e i ragazzi non hanno più freni né limiti». Così, all’interno di una stessa classe, il docente si deve occupare di allievi con problematiche personali, di allievi “male educati”, per via di genitori incapaci di dare limiti e regole, di allievi con disturbi specifici dell’apprendimento, di allievi stranieri problematici se non riescono a integrarsi o non padroneggiano la lingua, e ovviamente di allievi ansiosi, pigri o scansafatiche.

«Si tratta di complessità comuni a bambini e adolescenti, con il problema in più, alla secondaria di primo grado, dell’esplosione puberale e dell’uso quotidiano di smartphone e tablet, che cozza contro una didattica fatta prevalentemente di lezioni frontali».

PROPORRE UN PIANO EDUCATIVO

A monte deve esserci un’alleanza tra adulti, sia tra docenti, per definire metodologie didattiche ed educative comuni, sia tra scuola e famiglia: «Le scuole dovrebbero presentare alle famiglie a inizio anno un piano educativo oltre al piano didattico, in modo da poter intervenire senza che i genitori protestino» spiega Anna Oliverio Ferraris, già ordinario di psicologia dello sviluppo alla Sapienza di Roma. «Incontrare le famiglie e farle partecipi di questo piano è fondamentale, anche perché alcuni genitori non pensano che gli insegnanti abbiano il diritto di chiedere ordine e rispetto di regole. Eppure i loro figli passano gran parte del loro tempo a scuola, una comunità che ha necessariamente regole diverse da quelle di una famiglia di tre o quattro persone».

INSEGNARE A STARE IN GRUPPO

Una volta in aula, poi, il docente deve mettere in atto una serie di strategie di conduzione delle dinamiche di classe, che vanno dall’utilizzo della voce alla comunicazione non verbale, alla padronanza della situazione. E prestare adeguata attenzione alla gestione di quella che Paolo Ragusa, vicepresidente e responsabile delle attività formative del Centro psicopedagogico per l’educazione e la gestione dei conflitti, chiama “incompetenza sociale”.

«Non si deve presupporre che, solo perché sono in una classe, tutti i bambini siano capaci di stare in gruppo. Chi disturba spesso è un incompetente sociale. In tanti vengono messi al riparo da un contesto di gruppo, hanno un genitore tutto per sé e quindi sono portati a tiranneggiare l’adulto. In un gruppo classe, allora, la prima cosa che fanno è cercare l’adulto da tiranneggiare e spesso l’errore del docente è creare relazioni esclusive».

Secondo Ragusa, infatti, sbaglia l’insegnante che mette vicino a sé un bambino che disturba: «Raccoglie la sua domanda di esclusività e non gli permette di imparare a stare con gli altri». Meglio invece farlo lavorare prima in coppia con un compagno e poi inserirlo in un gruppo più grande: «Bisogna costruire progressivamente la competenza sociale. Così il bambino impara a convivere con i limiti che l’altro gli pone, mentre l’insegnante gestisce tempi e modi di lavoro».

DIGITALE, SÌ MA SENZA ESAGERARE

Nell’era in cui tutti siamo immersi nelle nuove tecnologie, è impensabile affidarsi esclusivamente alla didattica tradizionale fatta di lezioni frontali, interrogazioni e studio a casa. Difficilmente così si riesce a catturare l’attenzione degli studenti.

A volte, come sostiene Oliverio Ferraris, «una situazione di caos in classe dipende anche da una didattica inadeguata». Il docente, quindi, deve essere pronto a mettere in discussione il modo in cui insegna. Se gli studenti sono molto cambiati, forse la scuola non lo è ancora abbastanza. Questo non significa il via libera a un’istruzione totalmente digitale: «Ben venga il nuovo, ma ogni mezzo va regolamentato» sostiene Ragusa. «L’apprendimento non è un fatto trasmissivo, è frutto di una relazione, sia con il docente sia con il gruppo classe. Nella didattica digitale, nella quale l’allievo è solo con il suo tablet, questa relazione sparisce».

No allo smartphone tout court, ma no anche a una didattica di soli gesso e lavagna. Si indica spesso quella di stampo montessoriano: «Strategie uguali per tutti non esistono, ma è necessario far nascere in bambini e ragazzi un interesse, una domanda e poi saranno loro a chiedere un approfondimento» spiega Oliverio Ferraris. «Occorre poi partire dalle cose concrete per arrivare alle astratte: in matematica, ad esempio, si può fare emergere dall’allievo il teorema attraverso una serie di passaggi, in storia si può introdurre un argomento dalla vita quotidiana di un personaggio, per le scienze si può usare il laboratorio o andare al parco». Utile anche una gestione intelligente delle materie. «Se i ragazzi iniziano la giornata con l’ora di educazione fisica o con quella di musica per poi passare all’italiano o alla matematica sono molto più efficienti» sostiene Oliverio Ferraris. «Si ossigena il cervello dopo la notte».

UNA DIDATTICA DIFFERENZIATA

Più in generale, per far fronte alla complessità di classi con alunni sempre più difficili, fragili, a volte tormentati, si fa strada, soprattutto nel mondo anglosassone, la didattica differenziata: in sostanza, la risposta dell’insegnante ai bisogni dello studente. Non si tratta però solo di alunni con bisogni speciali, ma di tutti i componenti della classe: la differenziazione didattica infatti propone attività mirate che soddisfino le esigenze dei singoli, in un ambiente nel quale diventa una consuetudine affrontare il lavoro didattico con modalità differenti.

«Occorre motivare i ragazzi con una didattica attraente, non stantia, e se in classe si hanno problematiche, bisogni e abilità differenti, oltre che modi di apprendimento differenti, non si può pretendere che tutti facciano la stessa cosa nello stesso momento. Si tratta di cambiare modo di pensare l’insegnamento: non attività, tempi o anche contenuti uguali per tutti, ma riconoscimento delle differenze, valorizzazione, per quanto possibile, degli interessi degli allievi, e disponibilità a continui aggiustamenti, perché ogni allievo raggiunga quegli obiettivi che l’insegnante ha prefissato per lui» osserva D’Alonzo, autore di La differenziazione didattica per l’inclusione (Erickson).

Tenendo conto dei principi generali su cui si basa la differenziazione didattica, cioè il rispetto delle esigenze di ogni allievo, il docente può differenziare i contenuti (ciò che l’allievo deve apprendere), il processo (ciò che mette in atto per far sì che l’allievo possa costruire i suoi saperi) e i prodotti da realizzare (problemi complessi e aperti utili a dimostrare la padronanza in un dato ambito di competenza), sempre però mantenendo alte le aspettative (ogni studente, stimolato e valorizzato, potrà dare il suo massimo). Per fare ciò, ovviamente, occorre conoscere molto bene i propri allievi, per quel che riguarda lo stile di apprendimento, le abilità intellettive specifiche, il modo in cui lavorano meglio, se da soli o in gruppo.

LE STRATEGIE

Quali strategie funzionano nella didattica differenziata? Diverse. Per fare solo alcuni esempi:

  • Le stazioni (spazi di lavoro, in cui tutti gli studenti devono “sostare”, dedicati a differenti attività, come il progetto, lo studio o la riflessione e il confronto con i compagni su quanto appreso).
  • Percorsi di apprendimento, predisposti per sostenere e rinforzare determinati apprendimenti, o percorsi di interesse, per sostenere e promuovere gli interessi degli studenti verso particolari attività o argomenti.
  • Tabelle di scelta, per far sì che lo studente possa scegliere quale compito svolgere tra quelli proposti; organizzatori grafici o mappe concettuali.
  • La suddivisione in gruppi, per favorire il lavoro cooperativo e comunitario; la predisposizione di attività a “strati”, cioè a diversi livelli di complessità e di profondità, da quello base, raggiungibile da tutti, a quello finale, in cui occorre impiegare le capacità cognitive più elevate e raffinate.

Che sia proprio la didattica differenziata la risposta migliore alla complessità delle classi odierne? «L’abbiamo sperimentata con successo in diverse scuole e continuiamo a farlo» sostiene D’Alonzo, sicuro di quanto sia oggi più che mai necessario che gli insegnanti si aprano al nuovo, facendo anche un po’ di autocritica: se in classe non si sta bene probabilmente è anche colpa di una didattica ormai superata. Del resto, il benessere è un bene prezioso per tutti. Vale la pena almeno provare a raggiungerlo.

SUGGERIMENTI PER "TENERE LA CLASSE"

Per gestire bene una classe non esiste la bacchetta magica.Per fortuna, si può contare su strategie altrettanto efficaci.

1 - Essere addentro alle problematiche della classe. I ragazzi devono sapere che all’insegnante non sfugge nulla, perché questo previene i comportamenti problematici. Per avere una “presenza efficace” in classe bisogna girare tra i banchi.

2 - Controllo prossimale. Quando si nota un ragazzo che sta mettendo in atto un comportamento sbagliato, bisogna avvicinarsi a lui: la vicinanza previene altre azioni del genere.

3 - Effetto onda. Va bene biasimare ad alta voce un comportamento scorretto. Attenzione però: occorre colpire il comportamento, non il ragazzo.

4 - Dominare la situazione. È bene far capire che esiste la collaborazione tra docente e allievi, ma è il primo a tenere in mano la situazione.

5 - Modulare il tono di voce. Bisogna conoscerlo e utilizzarlo in base all’importanza dell’argomento, in base alla sottolineatura che si vuole dare alle cose. L’insegnante deve essere come un attore e conoscere molto bene anche l’uso delle pause.

6- Comunicazione non verbale. Bisogna imparare a utilizzare non solo la voce ma anche le mani, gli occhi, il viso, il portamento, il respiro, che comunicano e che permettono di favorire il flusso della lezione.

7- Slancio e scorrevolezza. Occorre catturare l’attenzione degli allievi con impeto iniziale e consolidarla con la scorrevolezza dell’attività proposta. Lo studente percepisce la passione del docente se egli mostra entusiasmo per gli argomenti che vuole affrontare.

8 - Lavorare molto sulle regole e sulle procedure. Gli allievi hanno bisogno di capire come agire in classe, come entrare, come uscire, come alzarsi dal banco, come richiedere spiegazioni, come intervenire senza procurare confusione. È determinante concordare con gli allievi stessi le regole e le procedure da adottare per la convivenza civile in classe.

9 - Impegno continuo. In classe si lavora, per cui è giusto offrire ai ragazzi stimoli per un impegno costante nel tempo.

10 - Disposizione dell’aula. Non ne esiste una ottimale. Dipende dall’attività che si intende fare. Ciò che risulta indispensabile è avere un ambiente flessibile che si adatti ai diversi momenti della proposta formativa giornaliera: se si fa un lavoro di gruppo, si formano le isole; se si fa un lavoro comunitario, ci si dispone ad anfiteatro con il docente al centro per permettere a tutti di intervenire; se si fanno lavori individuali, occorrono banchi singoli. Di sicuro, ci devono essere corridoi perché l’insegnante deve poter girare tra i banchi.

11 - Motivare al successo scolastico. Occorre far capire all’allievo che ce la può fare, facendo collegamenti continui con quello che già sa, assicurandogli la propria disponibilità a ulteriori spiegazioni, mostrandogli una strada sicura. Se anche sbaglia, non è importante: ciò che conta è che arrivi alla meta.

Focus Scuola è il nuovo mensile per gli insegnanti del Gruppo Mondadori, un magazine rivolto a tutti i docenti delle scuole primarie e secondarie di primo grado, per aiutarli ad affrontare le nuove sfide dell’insegnamento nell’era digitale. La rivista propone approfondimenti sugli ultimi studi scientifici e pedagogici, ma anche idee di buone pratiche sperimentate in Italia e nel resto del mondo dai singoli insegnanti e fornisce spunti su didattiche innovative e sull’uso della tecnologia in classe

CHE ASPETTI? CLICCA QUI E ABBONATI UTILIZZANDO LA CARTA DEL DOCENTE

CLICCA QUI SE NON POSSIEDI LA CARTA DOCENTE MA VUOI SCOPRIRE IL MONDO DI FOCUS SCUOLA

SE INVECE VUOI ABBONARTI SIA A FOCUS JUNIOR CHE A FOCUS SCUOLA APPROFITTANDO DELL'INCREDIBILE OFFERTA DA 79,00€, CLICCA QUI