Donna Moderna
FocusJunior.it > Comportamento > Scioglilingua: impariamo a parlare divertendoci

Scioglilingua: impariamo a parlare divertendoci

Stampa

Gara di scioglilingua: divertendosi a sbagliare s'impara a parlare. Prova con i tuoi amici!

Incespicate spesso nel discorso? Siete timidi e cadete in un sacco di "papere" quando parlate? Mangiate sempre le parole quando siete di fronte a quello/a che vi piace? Niente paura: basta allenarsi (e divertirsi) con gli scioglilingua. Eccone alcuni da ripetere almeno 15 minuti al giorno per tenere la lingua allenata.
?

  • Nel castello di Ser Pazzin dei pazzi, c’era una pazza che lavava una pezza di pizzo nel pozzo. Ser Pazzin dei Pazzi diede una pizza alla pazza che lavava la pezza di pizzo nel pozzo, la pa zza rifiuto’ la pizza, cosi’ Ser Pazzin dei pazzi butto’ la pazza, la pizza e la pezza di pizzo nel pozzo di Ser Pazzin dei Pazzi.

  • Nel muro c’è un buco e un bruco nel buco scaccia il bruco e tura il buco.
  • Se il coniglio gli agli ti piglia, togligli gli agli e tagliagli gli artigli.
  • Avevo un tegamino da integaminare, lo portai dal maestro integaminatore di tegamini; il maestro integaminato re di tegamini non c’era. Mi misi ad integaminarlo da me e lo integaminai meglio del maestro integaminatore di tegamini.

  • Sa chi sa se sa chi sa, che se sa non sa se sa, sol chi sa che nulla sa, ne sa piu di chi ne sa.
  • C'è il questore in questura a quest'ora?" "No, non c'è il questore in questura a quest'ora, perché se il questore fosse in questura a quest'ora, sarebbe questa la questura!"
  • Ciò che è, è; ciò che non è, non è; ciò che è, non è ciò che non è; ciò che non è, non è ciò che è.
  • Sessantasei assassini andarono ad Assisi tutti e sessantasei assassinandosi.
  • Una rara rana nera nella rena errò una sera, una rara rana bianca sulla rena errò stanca

  • Gnao Gnaulino che gnaulava la sposina si cercava: “Micia bella dove sei? non li senti i lagni miei?!?”. Micia bella lo ascoltava: “gnao gnaulino e’ un piagnisteo, non lo sento e marameo”! Gnao Gnaulino allor penso’: “di gnaulare cessero’, e cosi’ mi sposerò!” Guglielmo coglie ghiaia dagli scogli scagliandola oltre gli scogli tra mille gorgogli.
  • Prendi questa barca e impegolamela e quando l'avrai impegolata disimpegolamela senza impegolarmi.
  • Per quanto tenti di stare attento tanto ti penti e resti scontento
  • Tre tozzi di pan secco in tre strette tasche stanno
  • Chi seme di senape secca semina sempre seme di senape secca raccoglie

  • Sono senza sesto senso.
  • Ho in tasca l'esca ed esco per la pesca, ma il pesce non s'adesca, c'è l'acqua troppo fresca. Convien che la finisca, non prenderò una lisca! Mi metto in tasca l'esca e torno dalla pesca.
  • Porta aperta per chi porta. chi non porta, parta pure poco importa.
  • C’era una volta una cincibiriciaccola che aveva centocinquanta cincibiriciaccolini che cincibiriciaccolavano tutto il giorno. un giorno la cincibiriciaccola disse ai centocinquanta cincibiriciaccolini: “smettetela di cincibiriciacco lare sempre, altrimenti, un giorno, non cincibiriciaccoleret.
  • Sopra quattro rossi sassi quattro grossi gatti rossi.
  • Il cuoco cuoce in cucina e dice che la cuoca giace e tace perché sua cugina non dica che le piace cuocere in cucina col cuoco.
  • Sa chi sa se sa chi sa, che se sa non sa se sa, sol chi sa che nulla sa, ne sa più di chi ne sa.