Donna Moderna
FocusJunior.it > Comportamento > Per sconfiggere la paura bisogna affrontarla: lo dice la Scienza!

Per sconfiggere la paura bisogna affrontarla: lo dice la Scienza!

Stampa
Per sconfiggere la paura bisogna affrontarla: lo dice la Scienza!
Ipa-agency

Uno studio svizzero mostra come il ricordo del trauma sia un passaggio obbligato per affrontare un qualcosa che in passato ci ha fatto paura

Come si può sconfiggere la paura? Fronteggiandola a viso aperto!

Rievocare il ricordo di un trauma o di un fatto che ci ha spaventato è infatti l'unica via per smettere di provare timore.

Tutta questione di neuroni!

A dirlo è uno studio apparso su Science nel quale un team di esperti del Politecnico Federale di Losanna (EPFL) hanno osservato i comportamenti neuronali di alcuni topi da laboratorio per capire il processo che porta un avvenimento spiacevole, o addirittura "pauroso" ad essere ricordato e quindi elaborato dalla mente.

Per fare ciò i topolini protagonisti dell'esperimento sono stati modificati geneticamente affinché, durante l'osservazione con speciali macchinari, le aree attive del cervello si illuminassero con una luce fluorescente.

I ricercatori hanno così potuto individuare la parte "fisica" del cervello in cui i topolini immagazzinavano il brutto ricordo, che in questo caso consisteva in una leggera scossa elettrica rilasciata dopo aver fatto entrare gli animali in una gabbia trasparente.

 

L'esperimento

Dopo aver inserito le cavie dentro un contenitore di plexiglass, i ricercatori fornivano loro una breve scossa. Si è visto così che il piccolo trauma veniva registrato in una zona dell'ippocampo, l'area cerebrale adibita all'elaborazione della memoria.

Gli stessi topi poi sono stati messi ad intervalli irregolari nella stessa gabbia e ogni volta che le bestioline riconoscevano il luogo, in loro si riaccendeva il ricordo della scossa e provavano paura.

La fase successiva dell'esperimento quindi mirava ad indebolire il timore dei topini, rievocando gradualmente la situazione passata che diede origine alla paura (un po' come fanno gli psichiatri con gli umani). Le cavie quindi venivano rimesse nella gabbia, ma senza rilasciare alcuna scossa elettrica.

Durante questo processo, gli scienziati si sono accorti che ad essere attivate erano comunque sempre le stesse aree del cervello illuminatesi per lo spavento: ciò ha provato dunque come il ricordo sia un passaggio indispensabile per la sconfitta della paura, la quale deve modificarsi all'interno della memoria per cessare di intimorirci!