Donna Moderna
FocusJunior.it > Comportamento > Non riesco a non litigare con mio fratello

Non riesco a non litigare con mio fratello

Stampa

Ho un grosso problema: non riesco a non picchiarmi con mio fratello! Come devo fare? Matteo

Ciao Matteo, la domanda fondamentale per il tuo problema è: ma tu gliele suoni o le pigli ? Nel secondo caso la strategia che mi sentirei di consigliarti è provare a dirgli “senti, ormai siamo grandi, discutiamone in modo civile” . Nel primo caso, invece, se proprio non vuoi passare alle mani (anche perché se no magari sono i tuoi poi a riempirti di mazzate) consiglierei un bel… NON ROMPERE! Ovvio. Non sempre, però, è facile mantenere la calma e risolvere tutto con le parole: quando la rabbia sale , sale, sale… alla fine non riesci più a trattenerla e… Lo so!!! Sì perché anch’io ho una sorella e quando eravamo piccoli abbiamo passato tutto il tempo a litigare di continuo . O meglio, funzionava così. Lei, più grande, più furba e con la lingua affilata come un taglierino, quando c’era qualche problema, arrivava e sparava la sua cattiveria . Di quelle che, per capirci, anche se vuoi e ti metti di impegno e provi a fare il superiore tanto ti fanno incavolare lo stesso perché vanno a toccare i tuoi punti deboli che più deboli non si può. E io, più piccolo e furbo come un branzino al forno, ci cascavo ogni volta: diventavo rosso come un peperone, iniziavo a sbraitare come un grizzly inferocito e le saltavo al collo. Risultato? Un coretto di “Non devi picchiare tua sorella!!! E anche se hai ragione ed è lei a provocarti non devi lo stesso se no passi dalla parte del torto !”. Insomma un classico! E che dire di tutte le volte che tornavo in camera mia e mi accorgevo (ormai avevo la supervista come quella di superman) che mancava qualcosa. Grrrrrrrrrrrrrrrr. E non è che puoi dire, “va be’, allora, visto che sei simpatico quanto un foruncolo nell’occhio, preferisco non frequentarti più”: lì sei e lì resti. Il problema è proprio questo, che i fratelli non sono come gli amici: non te li scegli e, quando arrivi, te li ritrovi già lì. Come sono sono. Però devo anche dire che se con un fratello o una sorella alla fine, con o senza le mazzate (ma meglio senza!), riesci a diventarci amico… be’ diventa anche il migliore dei tuoi amici. Qualcuno che ti difenderà sempre , anche se hai torto. O che ti aiuterà quando ne hai bisogno, qualunque cosa succeda. Quindi, perché aspettare di diventare grande per diventarci amico? Non è obbligatorio, ma se ci riesci vale la pena provarci subito: magari spiegandogli a parole tutto quello che ti fa inbufalire di lui. E se non funziona, va be’, non è un obbligo andare d’accordo. Però può essere una fortuna. Peace&Love