Donna Moderna
FocusJunior.it > Comportamento > Scarabocchi, cosa vogliono dire

Scarabocchi, cosa vogliono dire

Stampa

Fare scarabocchi vuol dire disegnare senza pensare, per esempio mentre parliamo al telefono o mentre la prof spiega.  Gli scarabocchi parlano di noi ma qual è il loro vero significato? Ecco come interpretarli.

Ecco cosa vogliono dire gli scarabocchi più comuni che facciamo su libri e quaderni.

 

Posizione degli scarabocchi

Se sono in mezzo della pagina del quaderno o del libro  vogliono dire  che sei una persona estroversa, che riceve tutta l'attenzione di cui ha bisogno. 
Gli  scarabocchi  in alto  vogliono dire  invece che hai buona fiducia nelle tue idee e sei ambizioso nelle tue aspirazioni. 
In basso:  sei una persona pratica e concreta. 
A sinistra : questi  scarabocchi  probabilmente rappresentano il passato, qualcosa che ti è ritornato alla memoria, di te e della tua famiglia. Ma possono anche rappresentare i dettagli che non sai  cosa vogliono dire di quello che stai ascoltando
A destra: riguardano il futuro, le cose che vorresti fare, ma anche quelle che non ti sono chiare della lezione o di quello che stai ascoltando.

 

Scarabocchi con linee curve e angoli

Gli scarabocchi con linee curve vogliono dire  che sei un tipo romantico.   (romanticismo e capacità di adattamento alla situazione), con  angoli   significano energia, resistenza o ribellione,  linee leggere  forte sensibilità e timidezza. Gli  scarabocchi  con  linee marcate  infine  vogliono dire aggressività e rabbia.

Scarabocchi con frecce, triangoli e forme angolose  indicano una persona antagonista, suscettibile. Le frecce possono anche  voler dire  un sentimento di amore verso la persona a cui sono rivolte. Se sono rivolte in basso indicano forse poca stima in se stessi.
scarabocchi faccia / profili  = a seconda dell'espressione indicano gli stati d'animo della persona.

Cosa vuol dire ripetere sempre lo stesso scarabocchio come il nome/la firma.
Anna Rosa Pacini, 
pedagogista ed esperta in grafologia, ci spiega: “Ripetere la propria firma indica un'insicurezza a livello di personalità e  scarabocchiandola  si cerca di definire una propria identità. I ragazzi, che sono in fase di crescita, spesso tendono ad imitare la firma degli altri, come fanno per i vestiti o le pettinature:  vuol dire che non hanno ancora una personalità stabile  e cercano modelli in cui identificarsi”.
Scarabocchi con fiori con petali tondi, nuvole, cerchi vogliono dire che sei persona rilassata,  senza particolari problemi, in pace con te stessa.

 

Scarabocchi con simboli

Il cuore vuol dire che sei innamorato di qualcuno... ma puoi anche essere deluso dall'amore se il cuore è spezzato;  la  stella  indica ottimismo e anche ambizione; gli  scarabocchi di occhi e ciglia indicano  una persona attenta a ciò che la circonda, oppure guardinga. Se li disegni grandi  vuol dire  che hai una personalità espansiva, se piccoli e stretti, più riservata. Gli occhi chiusi possono indicare un rifiuto a guardarsi dentro. Se sono scuri puoi avere dei problemi che vorresti risolvere.
Bocca: sei una persona  che parla molto, oppure timida, che vorrebbe o sente il bisogno di parlare di più; l e  barche  invece vogliono dire che hai voglia di fuggire e di stare da solo. L a  casa  infine indica bisogno di sicurezza. Se però mancano le finestre o la porta, allora il senso di sicurezza manca.

Clicca sul link per saperne di più su cosa vogliono dire gli scarabocchi

 

Gli scarabocchi secondo la scienza

Gli  scarabocchi  che spesso “sporcano” libri e quaderni  vogliono dire  "che noia!", "sono distratto" o "non ti sto attento"? No, anzi... in realtà i disegni che chiamiamo  scarabocchi vogliono dire il contrario . Una ricerca del Medical Research Council della Cambridge University ha dimostrato che gli  scarabocchi  aiutano a  memorizzare  meglio quello che si sta ascoltando, per esempio la lezione di storia.
Scarabocchi o appunti?

"Ma... cosa vuol dire?" Quello nella figura è un autoritratto - scarabocchio fatto da John Lennon.  
Grazie a una ricerca pubblicata dalla rivista scientifica  Science, inoltre, gli  scarabocchi  sono passati addirittura dal grado di sgorbi a quello di appunti: per un esperimento hanno chiesto a una classe di prendere appunti durante una lezione di fisica,  scarabocchiando  quello che capivano, invece di scrivere. Hanno così scoperto che oltre a concentrarsi aiutano a capire meglio  cosa vuol dire  la lezione, perché visualizzandola la comprensione è più immediata... e poi seguirla diventa più divertente.

 

Perché si scarabocchia?

L'artista Dave de Vries trasforma i mostri inventati 
e scarabocchiati dai bambini in veri disegni.

La nostra mente è divisa in due parti: la  coscienza, che controlla i ragionamenti e le azioni volontarie di un individuo, e  l'inconscio , che controlla le emozioni ed è anche il custode di tutto ciò che non esprimiamo perché non capiamo cosa  vuole dire  o ce ne vergogniamo (“se lo dico chissà cosa pensano di me”), o non sta bene dirli (“non lo dico alla mamma altrimenti si arrabbia” ). Queste  emozioni , se non le si esprime a parole, vengono fuori in altri modi, perché  vogliono dire  qualcosa di importante: per esempio nei sogni o negli  scarabocchi , disegni spontanei, cioè quando   la nostra sfera cosciente è impegnata a fare altro (come dormire o ascoltare la lezione... non per forza nello stesso momento). Fare  scarabocchi  infatti  vuole un po' dire... sto sognando ad occhi aperti : mentre la coscienza è concentrata ad ascoltare, come quando dorme, il nostro inconscio è libero di esprimersi... come nei sogni.

 

È la mia mano che traccia scarabocchi, non io!

La nostra mano è allenata a governare gli impulsi mentali che arrivano da tutta l'area cerebrale, quindi risponde ai comandi di entrambe la sue sfere:  vuol dire  che riesce a “muoversi” e fare  scarabocchi  liberamente anche senza un particolare controllo cosciente da parte nostra. Infatti quando poi li guardiamo non capiamo cosa vogliano dire. Insomma mano e cervello, cosciente o no, sono strettamente collegati, anche a livello anatomico, sia nell'evoluzione della specie umana che in quella di un individuo: all'aumento di particolari cellule nel cervello infatti corrisponde la crescita anatomica della mano di una persona, e dai primi segni scarabocchiati ” dell'uomo preistorico e del bambino si passa al segno definito dell'uomo moderno e dell'adulto.

 

E voi cosa scarabocchiate più spesso? Scrivetelo nei commenti!
ULTIME NEWS