Donna Moderna
FocusJunior.it > Comportamento > Ho paura dell’Isis

Ho paura dell’Isis

Stampa

Ho un problema, anzi una paura. Hai presente l'ISIS? Ho paura che arrivi in Italia e che distrugga tutto e tutti muoiano. Mi puoi dire a cosa posso pensare per stare tranquilla? Arisol2005

La paura è stupida . Attenzione: non sto dicendo che chi ha paura è uno stupido. Anzi, avere paura, secondo me, aiuta a diventare più intelligenti. E anch'io ho paura di moltissime cose. Compreso volare in aereo e morire per colpa di qualche attacco terroristico . Quel che voglio dire è che la paura non si basa sulla realtà ma sul modo in cui la percepisci. 
Proprio in questi giorni stavo guardando una infografica (sono quei disegnini che contengono anche un sacco di informazioni) di un'artista tedesca, Susanna Hertrich, basata su dati pubblicati dalla Reuters e dal Dipartimento di stato americano, che mostra l'enorme differenza che c'è a volte tra la percezione del rischio e il rischio reale che un certa cosa si verifichi. La percezione del rischio di un attentato terroristico o di un incidente aereo è rappresentata con bolle colorate enormi mentre il loro rischio reale è visualizzato con bolle microscopiche. Al contrario gli incidenti d'auto , che hanno un rischio reale molto alto, sono percepiti come altamente improbabili.
Il mio consiglio, quindi, è quello di cercare di far ragionare la paura . Lo so che è difficile perché la paura è proprio quella che ti fa sragionare. Però vale la pena provarci: è molto, molto, molto più probabile che morire in un'incidente d'auto mentre la mamma ci accompagna a pallavolo piuttosto che un terrorista armato di mitragliatrice mi faccia saltare le cervella al parco giochi. Ripetilo come un mantra. Però non smettere  di giocare a pallavolo ora
E soprattutto, anche se il mantra non dovesse funzionare, per favore non iniziare a guardare con sospetto o diversamente dal solito i tuoi compagni di classe che magari sono di origine straniera o di un'altra religione. Per queste cavolate bastano e avanzano già i grandi.