Donna Moderna
FocusJunior.it > News > News e curiosità > 10 bellissime filastrocche di Pasqua per bambini

10 bellissime filastrocche di Pasqua per bambini

Stampa
10 bellissime filastrocche di Pasqua per bambini
Pexel

Che filastrocche! Ne Abbiamo selezionate 10 sulla Pasqua, alcune le hanno scritte famosi poeti altre sono di poeti anonimi. E tu, le conoscevi?

Le filastrocche di Pasqua accompagnano i ragazzi in queste settimane e possono allenare la memoria in modo divertente.

1. È ARRIVATO UN TRENO CARICO DI …  

Il quarto vagone è riservato
 a un pasticcere rinomato
che prepara, per la Pasqua, 
le uova di cioccolato. Al posto del pulcino 
c’è la sorpresa. Campane di zucchero suoneranno a distesa.

(Gianni Rodari)

2. DALL’UOVO DI PASQUA
Dall’uovo di Pasqua 
è uscito un pulcino
di gesso arancione
 col becco turchino. Ha detto: “Vado, 
mi metto in viaggio
 e porto a tutti
 un grande messaggio”.
 E volteggiando
 di qua e di là attraversando
 paesi e città
 ha scritto sui muri, 
nel cielo e per terra:
 “Viva la pace,
abbasso la guerra”.

3. CAMPANE DI PASQUA
Campane di Pasqua festose 
che a gloria quest’oggi cantate,
 oh voci vicine e lontane
 che Cristo risorto annunciate,
 ci dite con voci serene:
“Fratelli, vogliatevi bene!
 Tendete la mano al fratello, 
aprite la braccia al perdono;
 nel giorno del Cristo risorto 
ognuno risorga più buono! ”
E sopra la terra fiorita,
 cantate, oh campane sonore,
 ch’è bella, ch’è buona la vita, 
se schiude la porta all’amore.

4. IL PULCINO MARZIANO
Ho visto, a Pasqua, sbarcare
 dall’uovo di cioccolato 
un pulcino marziano.
 Di certo il comandante
 di quell’uovo volante 
di zucchero e cacao
 con la zampa ha fatto ciao. E il gatto, per la sorpresa,
 non ha detto neanche: “Miao”. Dall’uovo di Pasqua è uscito un pulcino 
di gesso arancione 
col becco turchino.
Ha detto: “Vado, 
mi metto in viaggio
 e porto a tutti 
un grande messaggio”. E volteggiando 
di qua e di là
 attraversando paesi e città
ha scritto sui muri, 
nel cielo e per terra: “Viva la pace,
abbasso la guerra”.
(Maria Loretta Giraldo)

6. È PASQUA
Alla Pasqua
 dell’anno passato 
un palloncino 
mi era scappato. Mi era scappato 
nell’alto del cielo, 
io lo guardavo
 e piangevo piangevo. Anche quest’anno 
un pallone è volato 
ma io ho riso 
felice e beato. Il palloncino
 è andato lassù 
ma io quest’anno
 non piango più. (Roberto Piumini)

7. ULTIMA CENA
Le donne preparano sul desco 
un po’ di vino e un po’ di pane fresco. E Gesù mesce il vino e il pane tocca, 
ma prima d’accostarseli alla bocca
 dice per tutti le parole arcane:
 «Ecco; chi mangerà di questo pane di frumento, di me sarà saziato,
e chi berrà del vino che ho toccato
 del mio sangue berrà, nè più avrà sete.
Poi la bevanda e il cibo spartirete 
e verso il mondo col mio cuore, andrete» (Renzo Pezzani)

8. PASQUA
E con un ramo di mandorlo in fiore,
 a le finestre batto e dico: «Aprite! 
Cristo è risorto e germinan le vite 
nuove e ritorna con l’april  l’amore. Amatevi tra voi pei dolci e belli
 sogni ch’oggi fioriscon sulla terra, 
uomini della penna e della guerra,
 uomini della vanga e dei martelli. Aprite i cuori. In essi irrompa intera 
di questo dì l’eterna giovinezza». (Ada Negri)

9 BUONA PASQUA
Buona Pasqua con l’agnello,
 con l’ulivo benedetto.
Buona Pasqua con il sole,
 con le primule e le viole!
Buona Pasqua con il sole,
con la rondine sul tetto,
 con il canto del ruscello! Buona Pasqua con il mio cuore,
così gaio e piccolino,
 buona Pasqua con il Signore.

10. IL PULCINO
La Pasqua è arrivata e
 mi sento emozionata.
Nel mio giardino,
ho trovato un piccolo pulcino… che carino. Le sue piume gialline,
 sono proprio carine. 
Vorrei tanto averlo vicino,
 nel mio lettino, 
così ogni mattina,
 gli farei una coccolina.