Donna Moderna
FocusJunior.it > Comportamento > Feste > Halloween > Streghe | 20 cose che, forse, non sapevi

Streghe | 20 cose che, forse, non sapevi

Stampa
Streghe | 20 cose che, forse, non sapevi

Perché si chiamano "streghe" e chi erano in origine? Lo sapete che esistono anche gli "streghi"? Ecco a voi 20 curiosità sorprendenti sulle streghe.

Le streghe hanno una storia antichissima e piena di insidie. Per secoli sono state cacciate e a loro sono state attribuite le qualità peggiori. Ecco tante curiosità sulle streghe che, probabilmente, non conoscevate!
 

1 - Che cosa significa "strega"

La parola "strega" viene dal greco stryx, che significa "barbagianni", "gufo". Per gli antichi erano uccelli di cattivo auspicio che, secondo la leggenda, succhiavano il sangue dei bambini nelle culle! Delle specie di vampiri... in becco e piume, insomma.
 

2 - Una figura antichissima
La strega, intesa come persona dotata di poteri occulti, è una figura antichissima. Nella Bibbia si parla della Strega di Endor, capace di evocare lo spirito dei morti. Per i Greci, le streghe della Tessaglia, ancelle della dea Ecate, erano in grado di trasformarsi in uccelli e altri animali.

3 - Le streghe nel Medioevo
Nel Medioevo, in tutto il mondo cristiano centinaia di donne accusate di malefici e sortilegi vengono processate e il più delle volte condannate a bruciare sul rogo. È la caccia alle streghe: oggi, per fortuna, solo un modo di dire che indica un clima di psicosi, in cui si sospetta di tutti.
 

4 - Chi erano le streghe
Spesso si trattava donne anziane, malate di mente o mogli rifiutate dai loro mariti. Persino donne che si ritrovavano con altre donne in casa potevano essere considerate streghe, in quanto si riteneva che nei loro incontri potessero invocare il diavolo.
 

5 - Le streghe e la Chiesa
Anche la Chiesa contribuì a demonizzare le streghe, che vennero considerate eretiche dopo la bolla papale (una comunicazione ufficiale del papa) emanata da Giovanni XXII nel 1326. Da allora furono processate e punite anche con la morte sul rogo, stessa fine che capitò all'eroina francese Giovanna D'Arco.
 

6 - La caccia alle streghe
Le condanne al rogo aumentarono in base all'espandersi di epidemie come la peste, la cosiddetta “Morte nera”: si credeva infatti che il sacrificio delle streghe potesse salvare il mondo dal male.
 

7 - Le streghe e l'Inquisizione
Il processo alle presunte streghe si svolgeva di fronte al Tribunale dell'Inquisizione. Per una condanna – che andava appunto dalla assoluzione (con pene lievi come penitenze o preghiere) alla prigionia, fino alla morte – bastavano due testimoni considerati attendibili. E le confessioni venivano estorte con la tortura.
 

8 - La "culla della strega"
Tra le torture cui venivano sottoposte le donne considerate fattucchiere (un sinonimo di strega) c'era la cosiddetta “culla della strega” che consisteva nel chiudere le malcapitate in un sacco per poi farle dondolare attaccate a un albero. Conseguenza? Allucinazioni e confessioni incredibili di essere, appunto, delle streghe.
 

9 - Gli avvocati delle streghe
Persino l’avvocato che difendeva la strega non doveva agire per il bene dell’accusata, altrimenti i giudici lo avrebbero accusato di essere manovrato da lei o dal diavolo in persona!
 

10 - La strega "buona"
La strega buona è la fata. All'inizio del Novecento in molti credevano che queste creature magiche esistessero veramente. Tra questi c'era anche Sir Arthur Conan Doyle, creatore del famoso Sherlock Holmes, tratto in inganno da un fotomontaggio.
 

11 - La Befana
Ha il naso adunco, un cappellaccio floscio e vola a cavallo di una scopa: non c'è dubbio, anche la Befana è una strega! Solo che è un'altra strega buona. Il suo nome viene da "epiphania", che significa "apparizione", un termine con cui gli antichi Greci indicavano gli atti con cui gli dei si manifestano.

12 - Le streghe a Benevento
Secondo la leggenda, le streghe di tutto il mondo si davano appuntamento a Benevento, dove si radunavano all'ombra di un noce secolare e si esibivano in danze indiavolate. Una credenza che probabilmente trae origine dai riti pagani che i Longobardi celebravano in quella zona.

13 - I cerchi delle streghe
Nei prati, ogni tanto si vedono funghi disposti in cerchio. Sono i “cerchi delle streghe”, che secondo la leggenda crescono dove hanno danzato le fattucchiere. In realtà è il micelio, la parte sotterranea del fungo, che si sviluppa dal centro alla periferia e forma cerchi sempre più grandi.

14 - Le trasformazioni delle streghe
Un'altra credenza popolare ritiene che le streghe potessero trasformarsi in animali – in particolare in gatti, che in passato venivano associati al diavolo, o in lupi mannari – e sapessero come scatenare fulmini e temporali.

 

15 - Perché le streghe cavalcano una scopa?
Secondo una teoria, perché era lo “strumento di lavoro” che le donne portavano con sé nei riti pagani. Gli uomini invece hanno il forcone, che nelle rappresentazioni del diavolo diventa un tridente.

16 - Magica De Spell
Mai sentito parlare di Magica De Spell? È il nome originale di Amelia, l'attraente fattucchiera che perseguita Zio Paperone nel tentativo di sottrargli la Numero Uno. La “strega che ammalia” è nata nel 1961 dalla matita di Carl Barks, che per disegnarla si ispirò a Sophia Loren e a Morticia Addams.

17 - Streghe famose
Altre streghe famose compaiono in film e telefilm, come ad esempio l'horror “The Witch” del 2015. Ricordiamo anche la Mater Suspiriorum di Dario Argento o la sanguinaria Melisandre della serie “Il trono di spade”, o ancora la fattucchiera verde del “Mago di Oz”.

18 - Il "colpo della strega"
Le streghe, si sa, lanciano sortilegi con cui possono pietrificare le loro vittime quando meno se lo aspettano. Sarà per questo che un particolare tipo di lombalgia acuta (mal di schiena) si chiama “colpo della strega”: viene all'improvviso quando si china la schiena e dopo, rialzarsi da soli è quasi impossibile.

19 - Lo "strego"
Sapevate che oltre la strega c'è anche lo strego? È un personaggio delle tradizioni popolari di alcune parti della Toscana. A differenze delle loro colleghe, gli streghi si disinteressano agli esseri umani: sono invisibili e si notano soltanto per il chiasso che fanno danzando tra gli alberi.

20 - La megera
Oltre che strega, anche megera e arpia sono epiteti poco lusinghieri per indicare donne malevole e petulanti. Sono entrambe figure mitologiche. Megera era una delle tre Erinni, o Furie: geni alati che vendicavano i delitti di sangue. Le Arpie invece erano mostri con viso di donna e corpo d'uccello.

Fonti: Tutto storia
 

 

ULTIME NEWS