Donna Moderna
FocusJunior.it > Comportamento > Feste > Carnevale > Lo sapevi che? Ecco il mini vocabolario sul Carnevale!

Lo sapevi che? Ecco il mini vocabolario sul Carnevale!

Stampa
Lo sapevi che? Ecco il mini vocabolario sul Carnevale!

Un mini glossario per sapere tutto ma proprio tutto sulla festa più divertente dell'anno!

Finalmente il Carnevale è arrivato!  E possiamo dare inizio a danze, scherzi e travestimenti.  Avete già deciso come mascherarvi?  Scrivetelo nei commenti alla fine dell'articolo. Nel frattempo che ne dite di  scoprire qualche curiosità sulla festa più colorata e divertente dell'anno?

 

Il mini vocabolario del Carnevale per conoscere tutto sulle feste e sulle maschere

ARLECCHINO - l'origine del nome è luciferina e significa re dell'Inferno . Ma come! Arlecchino, così simpatico e così... furbo, è in realtà un cattivone ?

CORIANDOLI - i piccoli pezzetti di carta se li è inventati nell'Ottocento l'ingegnere Enrico Mangilli da Crescenzago (Milano), che cominciò a vendere i cerchietti rimasti dalla carta usata per allevare i bachi da seta.

FRAPPA - CHIACCHIERA - BUGIA - è il dolce tipico di Carnevale . Cambia nome a seconda del luogo dove viene preparata. C'è chi la chiama sfrappola e chi fiocchetto , chi frappa , chi bugia . L'origine del nome? Dalla forma a fiocchetto originaria!

MARTEDI' GRASSO - Perché si chiama grasso come il giovedì? Perché si mangiavano tutte le cose più buone e più grasse per compensare il periodo di astinenza e di magro della Quaresima (che viene dopo il Carnevale). In U.S.A. si chiama Pancake Day. La leggenda, infatti, racconta di una donna che correva per le strade con la padella in mano e una frittella che finì di cuocere per strada perché in ritardo per la messa.
Tutti amano il Carnevale, perché è uno dei periodi più divertenti dell'anno. Beh, quasi tutti, veramente, perché la nostra Lina Tremolina il Carnevale lo detesta !
Se voi non la pensate come lei, per conoscere altre curiosità sul Carnevale cliccate qui:

CURIOSITA' FOLLI SUL CARNEVALE
-   LE ORIGINI DELLE MASCHERE