Donna Moderna
FocusJunior.it > Comportamento > Come faccio a capire se gli piaccio?

Come faccio a capire se gli piaccio?

Stampa

Caro Andrea, ti volevo chiedere un consiglio a te che sei maschio e di queste cose ne capisci più di me: mi piace un ragazzo in classe, che è bellissimo, socievole, simpatico e intelligente. Io sono stracotta di lui e non so come fare per sapere se anche io gli piaccio. Come faccio? Riuscirò a capire se gli piaccio? Rossella

Cara Rossella e cari tutti gli stracotti/e che scrivono per avere consigli su come far colpo su Tizia, dichiararsi a Caio oppure  mollare X per mettersi con Y che però sta con Z che è la migliore amica proprio di quella che vuole mollare X. Le uniche due cose che posso dirvi sono:
1 Di XYZ e matematica in genere ci capisco pochissimo
2 Se poi XYZ riguardano questioni d'amore ci capisco ancora meno.
Insomma sarò anche maschio, ma in queste cose sono proprio negato: se sono io a piacere a qualcuno, prima che me ne accorga, lei ha già fatto a tempo a stufarsi, sposarsi con un altro e divorziare almeno tre volte. Altro che cenni d'intesa , mezze parole, cogliere i messaggi nascosti . A me devono proprio fare un cartellone scritto in stampatello . E anche così, poi, prima di buttarmi e fare la prima mossa un qualche bel dubbio mi rimane ancora. Quindi, NON ROMPETE e anzi, i consigli mandateli a me, che ne ho più bisogno.
Detto questo, nella lontana preistoria, quando avevo più o meno la vostra età, si usavano due sistemi per dichiararsi a qualcuno/a e capire se si era corrisposti. Primo sistema : la lettera anonima . Un sistema a prova di supertimidi , perché potevi esprimere i tuoi sentimenti senza essere riconosciuto. Ma del tutto inutile e rischioso: la tipa o il tipo, nella migliore delle ipotesi, non faceva nulla perché non sapeva chi cavolo era l'ammiratore anonimo; e nella peggiore si metteva con un altro/a pensando che fosse lui/lei l'ammiratore segreto. Secondo sistema : mandare gli amici . Un sistema, anche questo, a prova di supertimidi ma chi è che si metterebbe con uno/una che non ha il coraggio di dirtelo in faccia? Insomma, anche se si ha una fifa nera di fare una figuraccia meglio provarci di persona e chiedere.  
Alla fine, uno straccio di consiglio l'ho trovato. Però adesso è venuta a me una curiosità: ma cosa vuol dire per voi "stare insieme/fidanzarsi/avere un/una ragazzo/a..."? Cioè, che cosa fate? Che cosa significa?