Donna Moderna
FocusJunior.it > Comportamento > Bullismo > “Se mi posti ti cancello”: aiuta a combattere il cyberbullismo

“Se mi posti ti cancello”: aiuta a combattere il cyberbullismo

Stampa
“Se mi posti ti cancello”: aiuta a combattere il cyberbullismo

Diventa un piccolo testimonial per una grande campagna contro i bulli del web!

"Se mi posti ti cancello". È questo il nome della campagna contro il cyberbullismo organizzata in occasione del Safer Internet Day, il giorno della sicurezza su internet. Il cyberbullismo è oggi un fenomeno che colpisce tanti giovani soprattutto teenager e anche tu puoi dare una mano a sconfiggerlo. Come? Diventando un video testimonial della campagna.
Capita spesso, infatti, che molti ragazzi diventino oggetto di scherno da parte di coetanei o di ragazzi più grandi che si nascondono dietro lo schermo di un pc per insultare o far male gratuitamente ai più piccoli. Partecipare è semplice: se hai tra gli 11 e i 16 anni non devi far altro che registrare un video messaggio contro il bullismo su internet.
VIDEO: SEMIPOSTITICANCELLO - SPOT


Ti basta uno smartphone, un tablet o una fotocamera e raccontare con un breve video la tua esperienza (anche non diretta) con il bullismo. Il video dovrà essere inviato sul sito I migliori video entreranno a far parte della web series di 5 puntate contro il bullismo online e tu potrai essere chiamato a recitare una piccola parte accanto ad attori noti e testimonial.
Lo sapevi che il 15% dei ragazzi presi di mira non lo raccontano a nessuno per la paura di conseguenze e per la vergogna? E che il 69% dei ragazzi colpiti perdono la voglia di uscire, di andare a scuola e di fare tutte le cose normali che dovrebbe fare un ragazzo o una ragazza della vostra età? Se anche tu vuoi aiutarli guarda il video, fatti aiutare da un adulto e manda il tuo contributo per sconfiggere i bulli!
VIDEO: ISTRUZIONI PER REGISTRARE VIDEO CONTRO IL BULLISMO

 

ULTIME NEWS
Natale: 10 libri indimenticabili
Condividi
Come si fa a diventare agente segreto
Condividi
Chi sono le spie nella realtà
Condividi