MaBasta! La campagna dei ragazzi che "stoppano" il Bullismo

 Stampa
mabasta

Basta Bullismo! Questa volta sono proprio gli studenti a scendere in prima linea contro le violenze tra i banchi di scuola. Un progetto che vuole dare un  segnale forte di cambiamento.

Per qualcuno la vita scolastica può trasformarsi in un vero inferno, tra violenze quotidiane e l'onnipresente convinzione di essere inadeguato, strano, diverso. Il bullismo è un comportamento vigliacco che cerca di distruggere la personalità di chi viene considerato differente o più debole. Tutto può iniziare con un' innocente presa in giro , con un graduale passaggio a insulti e aggressioni sempre più pesanti ; qualcuno ci convive, sopportando le angherie dei compagni fino allo sfinimento, altri possono compiere gesti estremi.
È il caso della ragazza di Pordenone, troppo a lungo oggetto scherno dei coetanei , tanto da tentare il suicidio.

 

I ragazzi del MaBasta, vogliono reagire ai recenti casi di bullismo!

Proprio la vicenda della dodicenne di Pordenone è stata la proverbiale goccia che ha fatto traboccare il vaso. Stufi dei casi sempre più diffusi di prepotenze e soprusi psicofisici, i ragazzi della I A dell' Istituto Galileo Costa di Lecce hanno voluto dire basta!
Coadiuvati dal professore di Informatica Daniele Manni (già selezionato l'anno scorso tra i 50 candidati ad una specie di Nobel per l'insegnamento), Martina, Mirko,Giorgio, Mattia, Jacopo, Patrik, Marta, Edoardo, Alice, Simone, Niki, Lorenzo, Francesca e Michela hanno dato vita a MaBasta (acronimo di Movimento Anti Bullismo animato da Studenti Adolescenti ),una campagna Social (pagina Facebook e Sito Internet auto-prodotto con Foto e Video) per raccogliere le adesioni di tutti i ragazzi italiani che vogliono impegnarsi in prima persona nel combattere i terribili atteggiamenti "da bulli".
«Come ogni anno — dice il prof Manni su Corriere.it — abbiamo cercato un’idea operativa per un lavoro in rete : vere e proprie startup da avviare subito, sin dalla scuola superiore. Leggendo i giornali ci siamo soffermati sul caso di Pordenone e Giorgio ha suggerito: perché non lavoriamo sul bullismo ? Ora avvieremo il progetto, incontrando esperti del settore, adulti che guidino i ragazzi con la loro esperienza»
PRENDI POSIZIONE CONTRO IL BULLISMO. LEGGI LA LETTERA DI BIANCA ALLA RAGAZZA DI PORDENONE E PARTECIPA AL SONDAGGIO DI FOCUS JUNIOR .
Scritto da Niccolò De Rosa

 

17 Febbraio 2016
COMMENTI
Ci sono 4 commenti
08 Settembre 2016 18:16
Bu il bullismo
Enzo
08 Settembre 2016 18:16
Siete forti
Enzo
31 Agosto 2016 17:29
Non fermatevi non vogliamo il bullismo!!!
Alicey
31 Agosto 2016 17:28
Andate avanti così bu il bullismo
Paolo
Per poter aggiungere un commento fai login oppure registrati!

ULTIME NEWS
Ho paura dell'Isis
18 Agosto 2017 
Condividi
Frasi d'amore divertenti
17 Agosto 2017 
Condividi
Giochi estivi | La staffetta di spugne
13 Agosto 2017 
Condividi