Donna Moderna
FocusJunior.it > Comportamento > Bullismo > Come riconoscere che sei vittima di bullismo

Come riconoscere che sei vittima di bullismo

Stampa

Per sapere se sei vittima di bullismo o meno, è importante verificare l'atteggiamento del presunto bullo nei tuoi confronti, ma anche quello che senti dentro di te è importante, sia a livello fisico sia psicologico. 
Vediamo insieme quali sono questi segnali, in che modo si manifestano e come rimediare!

Se una o più persone ti hanno preso di mira con offese e insulti, e gli attacchi durano da qualche tempo, allora è probabile che tu sia vittima di bullismo

Un litigio con gli amici, ad esempio durante una partita di calcio, può sempre capitare, ma perché si possa parlare di bullismo significa che c’è l’intenzione di farti del male per spaventarti e sottometterti e infine isolarti dagli altri compagni.  

1. I segnali sociali

Ci sono altri segnali che permetteranno a te e ai tuoi genitori di riconoscere che sei vittima di bullismo.

  • Se ad esempio non hai più voglia di invitare a casa i compagni di classe o i coetanei e trascorri sempre meno tempo con loro  del tempo con loro;
  • se non vai più su internet, o viceversa controlli maniacalmente e spesso sul web e i tuoi propri social;
  • se hai paura di andare a scuola, all’oratorio o in altri luoghi di aggregazione che prima frequentavi abitualmente. 
2. I segnali fisici

Altri campanelli di allarme possono essere dei malesseri fisici prima di andare nei luoghi di aggregazione dove accadono gli episodi di bullismo:

  • mal di stomaco
  • mal di testa
  • sbalzi di umore
  • scatti di rabbia. 

Anche se non hai voglia di studiare, o non riesci più a fare gli esercizi che prima facevi con facilità, potrebbe essere un effetto dello stress dovuto agli attacchi dei bulli. 

 

Perché è importante reagire

Forse avrai difficoltà a parlare di quello che ti è successo. È normale. Provi vergogna e imbarazzo, ed è proprio su queste cose che il bullo costruisce la sua forza. Questo succede soprattutto se le offese sono basate su qualcosa che tu per percepisci come un tuo difetto, e allora tenderai a non parlarne perché saresti costretto a evidenziare ciò che tu vedi come un problema.

Tenderai a rimanere in silenzio anche per paura che il bullo possa vendicarsi, ma così peggiorerai solo le cose. Resistere agli insulti non farà altro che complicare la situazione.

 

Come vedi, a causa del bullismo è in gioco anche il tuo benessere mentale e quindi non devi mai trascurare il problema. Parlane con i tuoi genitori o con l’insegnante e chiedigli anche quali sono le misure preventive e i comportamenti per contrastare gli atti di bullismo.

 

Reagisci e fatti aiutare!

 

fonti: Nobullying.com e Telefono azzurro