Donna Moderna
FocusJunior.it > Comportamento > Compagno “difficile”

Compagno “difficile”

Stampa

In classe ho uno che: nn si lava mai, quando starnutisce lo fa nella maglietta, ha solo un amico secchione con cui nn ci sta mai... C’è un ragazzo che lo prende in giro e lo insulta, e quando lo insulta lui nn reagisce e ride. Quasi tutti lo vogliamo aiutare ma nessuno si fa avanti. Come posso fare? Mimy

Andrea dice che...

Tu perché lo vuoi aiutare? Da come me la racconti ho un po’ l’impressione che tu lo voglia fare perché lo DEVI fare (magari perché ti hanno detto che è giusto farlo). A una persona con questo tipo di difficoltà, però, forse dà più fastidio il sorriso compassionevole ma un po’ finto dei “buoni” che vogliono aiutarlo senza troppa convinzione, che le prese in giro dei “cattivi”. Insomma, se vuoi davvero aiutarlo, non chiedermi come fare, fallo e basta. Se nessuno si fa avanti, fallo tu. Non si tratta solo di difenderlo dai soprusi dei bulli quando accadono, che già sarebbe una bella cosa, ma anche di fargli sentire un po’ di solidarietà e di amicizia nella vita di tutti i giorni. Decidi tu quanta amicizia dargli e come dargliela: non è un obbligo. Però, se decidi che vale la pena farlo, non tornare più indietro.

 

ULTIME NEWS